bg header
logo_print

Gnocchi al pesto rosso, una ricetta dai sapori siciliani

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

gnocchi al pesto rosso
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 35 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (11 Recensioni)

Gnocchi al pesto rosso, degli gnocchi gluten-free?

Oggi cuciniamo gli gnocchi al pesto rosso, un primo che stupisce per la capacità di coniugare sapori diversi, per l’impatto scenografico (che gioca con le tonalità del rosso) e per il gusto acceso. Il piatto si fregia di una salsa speciale, che parte dal pomodoro per abbracciare la ricotta, che viene addensata per mezzo della farina. Per quanto concerne gli gnocchi in sé propongo una versione classica, a base di patate, uova e farina.

Se soffrite di sensibilità al glutine o celiachia, utilizzate tranquillamente delle farine gluten-free. La soluzione tipica consiste nella farina di riso e di mais, che insieme replicano consistenze e sapori della farina standard. Se invece puntate a sapori diversificati affidatevi ad altre farine, come la farina di grano saraceno per ottenere una nota rustica, o quella di teff per integrare sfumature che ricordano la nocciola. Infine, è possibile usare anche la farina quinoa o all’amaranto per conferire alla ricetta un tocco esotico e stuzzicante.

Ricetta gnocchi al pesto rosso

Preparazione gnocchi al pesto rosso

  • Lessate le patate con la buccia per 30 minuti circa. Per vedere la cottura pungetele con uno stuzzicadenti.
  • Passatele nello schiacciapatate e impastatele con la farina, le uova e un pizzico di sale.
  • Ricavate tanti cilindri, riduceteli a tocchetti e passateli sui rebbi di una forchetta e disponeteli sulla spianatoia infarinata.
  • Lasciateli riposare 20 minuti circa prima di cuocerli in abbondante acqua, salata quando bolle. Appena vengono a galla scolateli con un mestolo forato e spadellateli a piacere.
  • Amalgamate la salsa di pomodoro con la ricotta, la farina di mandorle, una presa di pepe e poca acqua calda per ottenere una crema.
  • Versate gli gnocchi in acqua in ebollizione e scolali quando vengono a galla; condite con il pesto rosso e servili in tavola.

Ingredienti gnocchi al pesto rosso

  • 450 gr. di patate
  • 100 gr. di farina (poco più o poco meno a seconda del tipo di patate utilizzato)
  • 2 cucchiai di ricotta consentita
  • 3 cucchiaio di salsa di pomodoro
  • 4 cucchiaini di farina di mandorle
  • q. b. di sale e di pepe.

Una salsina saporita per gli gnocchi al pesto rosso

Nella ricetta degli gnocchi al pesto rosso vale la pena parlare proprio della salsa, che è il vero punto di forza e il vero tratto distintivo di questo primo piatto. L’ho chiamato “pesto rosso” anche se il procedimento è diverso rispetto al classico pesto di basilico, infatti non richiede alcun passaggio al mortaio o al frullatore. La consistenza è però simile, e lo stesso si può dire della texture granulosa. Il merito di ciò va alla farina di mandorle, che funge da addensante e quindi stringe ulteriormente l’intingolo.

Ad ogni modo questo particolare pesto rosso è il risultato dell’unione tra una “normale” salsa al pomodoro e la ricotta. Si tratta di una soluzione suggestiva in quanto associa al gusto acido della salsa di pomodoro la dolcezza della ricotta, dando al condimento un sapore complesso ma apprezzabile da tutti. La presenza in contemporanea di queste due componenti impatta anche sotto il profilo visivo, come si evince dalla sfumatura rosa che la salsa esprime.

Cosa sapere sulla farina di mandorle

Tra i protagonisti di questi gnocchi al pesto rosso, sebbene presente con un ruolo di supporto, spicca la farina di mandorle. Il suo scopo è di addensare la salsa, ma anche conferire un carattere corposo e un gusto più pieno. La farina di mandorle è una risorsa in cucina per chi soffre di celiachia, infatti è priva di glutine. Si fa però apprezzare anche per l’abbondanza di vitamine del gruppo B, che incidono a vario titolo sul metabolismo energetico e sul fosforo, che fa bene alle facoltà cognitive.

La farina di mandorle è anche ricca di sostanze che facilitano il corretto assorbimento dei carboidrati, contenendo gli aumenti della glicemia. Infine è ricca di grassi benefici, che da un lato accrescono l’apporto calorico (che non è elevato) e dall’altro giovano al cuore e alla circolazione.

Qualche trucchetto per preparare un’eccellente salsa di pomodoro

La salsa di pomodoro è uno dei pilastri della cucina italiana, il simbolo della nostra tradizione gastronomica. E’ anche una delle salse più semplici da preparare se si dispongono delle giuste materie prime. Ciò non toglie, però, che esistano alcuni trucchetti che consentono di ottenere un risultato migliore. Per esempio l’aggiunta di zucchero, che è indicata nel caso in cui la salsa rischiasse di esprimere un’eccessiva acidità, un’eventualità probabile se i pomodori sono poco maturi.

Un altro trucco consiste nel curare la scelta dell’olio, che deve essere extravergine di oliva e se possibile fruttato o poco intenso. Infine, fate attenzione alla densità. Chi è alle prime armi spesso non riesce a individuare il momento in cui spegnere i fornelli. Un trucchetto consiste nello spingere la salsa con il cucchiaio di legno, se rimane un vuoto allora la salsa ha raggiunto la giusta densità.

Come scegliere la ricotta per gli gnocchi al pesto rosso

La ricotta gioca un ruolo importante negli gnocchi al pesto rosso, anzi la sua presenza rappresenta un tratto distintivo. Dunque è lecito chiedersi: quale ricotta è opportuno scegliere? Il consiglio è di puntare a quelle artigianali in quanto sono più morbide, succose e quindi adatte alla preparazione di salse. Tuttavia, se non avete la possibilità di acquistarla, potete usare anche la ricotta industriale.

E per gli intolleranti al lattosio? Di norma la ricotta contiene buone quantità di lattosio, dunque il consiglio è di optare per una versione delattosata, come se ne trovano in abbondanza nei supermercati. Il sapore è identico, solo un po’ più dolce. Questa minima differenza è dovuta al processo di delattosamento, che di fatto coincide con la scomposizione del lattosio in due zuccheri semplici e quindi rilevabili dal palato.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali sia la ricotta standard che la versione delattosata sono assolutamente sovrapponibili. L’apporto calorico è abbastanza contenuto, pari a 170-200 kcal per 100 grammi. Inoltre si apprezza un discreto apporto di proteine, in media superiore a quello dei formaggi freschi. Troviamo anche la vitamina D e il calcio, sostanze abitualmente presenti nel latte.

FAQ sugli gnocchi al pesto rosso

Quanti gnocchi di patate a persona?

Gli gnocchi possono essere considerati alla stregua della pasta fresca, dunque la grammatura è più abbondante rispetto alla pasta secca. In ragione di ciò una porzione dovrebbe pesare sui 200 grammi.

Quali sono le migliori patate per fare gli gnocchi?

Le migliori patate per gli gnocchi sono le bianche farinose. Sono delle patate più morbide e ricche di amido, quindi si schiacciano più in fretta e meglio.

Quanto tempo devono cuocere gli gnocchi di patate?

Gli gnocchi sono pronti per essere scolati quando salgono a galla. Essendo un tipo di pasta fresca, il tempo di cottura si attesta sui 4-5 minuti.

Quali sono gli gnocchi meno calorici?

La versione meno calorica è costituita dagli gnocchi al pomodoro e da tutte le loro derivazioni, come gli gnocchi al pesto rosso che vi presento oggi.

Ricette gnocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

Cous cous con vongole e zucchine

Cous cous con vongole e zucchine, un piatto...

Uno sguardo alle vongole Tra i protagonisti di questo cous cous spiccano le vongole, tra i molluschi più apprezzati in quanto capaci di trasmettere delle note ittiche in un contesto di generale...

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...