Gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino

gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino
Commenti: 0 - Stampa

Un buon piatto di gnocchetti per il pranzo

Se siete alla ricerca di un nuovo piatto da proporre ai vostri familiari e/o ai vostri ospiti, sappiate che gli gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino si presentano come una delizia da non perdere! Dal sapore delicato con un retrogusto più deciso, questo primo ha un valore proteico notevole. Inoltre è  saziante ed energetico. Pertanto, ha importanti caratteristiche che non possono di certo passare inosservate.

Il sapore del grano saraceno viene avvolto in modo esemplare da quello della vellutata di stracchino, permettendoci di portare in tavola una pietanza a dir poco unica. Chi non hai mai provato una simile ricetta rimarrà di certo stupito… in maniera positiva! Perciò, andiamo a conoscere alcune delle altre peculiarità di questi ingredienti e poi mettiamoci al lavoro per portare in tavola questo piatto!

Il grano saraceno: un alimento da non sottovalutare

Anche se molti lo pensano, il grano saraceno non è un cereale, ma è una pianta erbacea annuale (Fagopyrum esculentum) che appartiene alla famiglia delle Polygonaceae. Vanta valide proprietà nutritive e terapeutiche, e offre un sapore molto particolare. È ricco di proteine, acqua e fibre; e propone aminoacidi essenziali decisamente molto utili per il nostro organismo. Offre una buona dose di potassio, zinco, fosforo, calcio, manganese, ferro rame, selenio e magnesio, e validi apporti di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6 e J.

Gnocchetti di grano saraceno

Questo alimento non contiene glutine e, pertanto, gli gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino possono essere assaporati con tranquillità persino da coloro che soffrono di celiachia. VI raccomando di leggere l’etichetta per evitare di acquistare una farina contaminata.

Con la farina realizzata da questo vegetale, si preparano infatti molti altri tipi di pasta, panificati e polenta gluten-free, adatti naturalmente a tutti. Come abbiamo detto, questo piatto propone un alto valore proteico, utile per promuovere lo sviluppo e la salute dei muscoli e per favorire l’elasticità dei tessuti dei vasi sanguigni.

Il consumo di grano saraceno è ottimo per chi ha bisogno di ridurre i livelli di colesterolo, per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, per apportare benefici nella cura del diabete e alla pelle. Secondo le ricerche, ci aiuta inoltre a migliorare l’umore e ci offre l’effetto positivo delle sue proprietà diuretiche e digestive. Ma cosa possiamo dire degli altri ingredienti?

Gli gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino: cos’altro dovreste sapere?

Per la preparazione di questa ricetta, abbiamo pensato di usare lo stracchino e la panna senza lattosio, perfetti per gli intolleranti, ma comunque ricchi di tutto ciò che serve al nostro organismo e quindi notevolmente nutrienti. Oltre a questi perfetti sostituti dei latticini, useremo la rucola e la granella di nocciole, aggiungendo una buona dose di antiossidanti, vitamine, minerali e grassi sani alla pietanza; e anche la pancetta dolce.

Quest’ultima andrà scelta di qualità, prestando attenzione agli ingredienti e affidandosi ad un’azienda che non usa allergeni durante la produzione, come appunto lattosio e glutine. Detto questo, non vi resta che preparare i vostri gnocchetti di grano saraceno con vellutata di stracchino nulla. Stupirete e conquisterete ogni singolo ospite!

Ingredienti per 4 persone

per i gnocchetti

  • 400 g farina di grano saraceno Probios
  • 3 uova intere
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

condimento:

  • 1 stracchino Accadi da 250 gr
  • 100 ml panna Accadi
  • 1 mazzetto rucola
  • 50 gr granella di nocciole
  • 8 fette pancetta dolce Salumi Pasini
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Preparate gli gnocchetti.

Setacciate la farina, versate In una terrina con il sale e mescolate.  Al centro versale l’olio e le uova e cominciate a impastare. Se l’impasto vi pare asciutto aggiungete un paio di cucchiai di acqua tiepida. L’impasto deve essere lavorabile con le mani e risultare appiccicoso

Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare per mezz’oretta

Prepariamo un piano di lavoro infarinato (io ho usato una farina fioretto di mais) e quando la pasta sarà sufficientemente riposata, prendiamone poca alla volta e facciamo dei rotolini.

Ora procediamo col tagliarli a piccoli tocchetti e a piacimento o li lasciate così, oppure li lavorate come i più classici gnocchi di patate, passandoli su una forchetta.

Ora sono pronti da far cuocere in abbondante acqua salata per almeno 15 minuti. Si, a differenza degli gnocchi di patate, quando vengono a galla, non sono cotti…no…no… attenzione…. fateli cuocere bene, altrimenti risultano veramente indigesti.

Per il condimento stemperate lo stracchino con la panna in un pentolino, salate e pepate. Cuocete per qualche minuto.

Lavate e tagliuzzate la rucola e aggiungetela alla crema. incorporate la granella e mescolate con cura.

Cuocete gli gnocchetti in abbondante acqua salata e mantecate con la crema di stracchino.

Disponete la pancetta su carta forno. Infornate con funzione grill per 5 minuti. Impiattate e servite.

5/5 (459 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti