bg header
logo_print

Ravioli di carne bufalina, un primo per grandi occasioni

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Ravioli di carne bufalina
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (4 Recensioni)

I ravioli di carne bufalina, un primo piatto ispirato dal territorio

Oggi vediamo come preparare i Ravioli di carne bufalina. Sono cresciuta nella zona dove la maggior parte delle stalle vicino casa sono di bufale e bufali, a Paestum.

La mia cucina è molto legata al territorio e la ricetta che propongo vuole valorizzare questa carne, poco conosciuta. Essa è ricca di proprietà nutrizionali, magra dal colore scuro, con un gusto deciso.

Ricetta ravioli di carne bufalina

Preparazione ravioli di carne bufalina

Setacciare la farina a fontana sul piano di lavoro, aggiungere al centro le uova, olio e sale. Mescolare insieme piano piano tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio. Lasciare a riposo 30 minuti. in un panno leggermente umido.

Rosolare leggermente la carne di bufalo macinata con olio e aggiungere il brodo. Avvolgere tutte le erbe aromatiche dentro un foglio di garza e chiuderlo con lo spago. Aggiungerlo al ragù e lasciare in cottura a fuoco lento per 30 minuti. Lasciare raffreddare qualche minuto. Togliere la garza.

Appiattire con il mattarello la pasta e stenderla sul piano di lavoro leggermente infarinato ottenendo una sfoglia uniformemente sottile.

Disporre il ripieno raffreddato dopo averci aggiunto un uovo sbattuto. Distanziando di circa 5 cm, richiudere premendo bene con le dita intorno al ripieno e ritagliare i ravioli con l’apposita rotella.

Frullare con un mixer la ricotta, il taleggio e coriandolo se necessita aggiungere un pochino di acqua tiepida. Ottenere una crema non troppo morbida.

In una pentola con abbondante acqua salata fare cuocere i ravioli, scolarli con un mestolo delicatamente.

Unire i ravioli con la crema di formaggi e servire caldo.

Pasta fresca

  • 300 gr. Farina 00,
  • 3 Uova,
  • 1 cucchiaio Olio d’Oliva Extra vergine,
  • 2 cucchiaini Sale

Per il ripieno dei ravioli

  • 400 gr. Macinato di Bufalo,
  • 1 bicchiere Brodo vegetale,
  • Erbe aromatiche a piacere,
  • 1 foglio garza e spago,
  • 1 Uovo,
  • 2 cucchiai Olio d’Oliva

Per la salsa

  • 250 gr. Ricotta di Bufala,
  • 50 gr. Taleggio,
  • 1 cucchiaino Coriandolo in polvere

Ravioli di carne bufalina con crema di formaggi, un primo corposo

Oggi vi presento i ravioli di carne bufalina con crema di formaggi, un primo ricco e abbondante, da sfoderare nelle migliori occasioni. La ricetta reca la firma di Romina Troncone, che l’ha elaborata per il contest “Le intolleranze? Le cuciniamo”.

Ho indetto questo contest per dimostrare che le intolleranze alimentari possono essere gestite senza troppi problemi, con le armi della buona cucina e della creatività. E’ una gara nel vero senso della parola, dunque porgo i migliori auguri a Romina e agli altri concorrenti.

Tornando alla ricetta dei ravioli di carne bufalina con crema di formaggi, possiamo dire che questo primo piatto si pone a metà strada tra tradizione e innovazione. Il procedimento segue le ricette più popolari ma la lista degli ingredienti riserva qualche sorpresa. Il riferimento è proprio alla carne di bufalo, che non figura certo tra le più consumate in assoluto, come la carne di maiale. Stesso discorso per il condimento: al posto del classico burro e salvia troviamo una salsa ai formaggi valorizzata dal coriandolo.

I ravioli di carne bufalina con crema di formaggi si presentano molto bene anche sul piano estetico, proponendo colori tenui e varie sfumature sul bianco e sul giallo. In un certo senso esprimono un carattere gourmet. Anche in ragione di ciò, consiglio di prepararli per le occasioni speciali.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari?

I ravioli di carne bufalina con crema di formaggi possono essere facilmente adattati per risultare compatibili con le esigenze di celiaci e intolleranti al lattosio. Per quanto concerne i primi, il problema è rappresentato dalla farina impiegata dai ravioli.

La ricetta base comprende la farina doppio zero, ma questa può essere facilmente sostituita da farine senza glutine, capaci di esprimere una resa simile. Un’idea base potrebbe essere quella di combinare la farina di riso con quella di mais: insieme formano un buon surrogato della farina classica e propongono proprietà nutrizionali persino migliori.

Per quanto concerne gli intolleranti al lattosio il problema è dato dalla ricotta, anch’essa di latte di bufala. E’ comunque sufficiente utilizzarne una ricotta delattosata per rendere la ricetta adatta a tutti. Il sapore non dovrebbe cambiare se il prodotto è di qualità. D’altronde, il processo di rimozione del lattosio è naturale e consiste nell’aggiunta dell’enzima lattasi nel latte.

L’altro formaggio utilizzato nella ricetta, ovvero il taleggio, è invece naturalmente privo di lattosio. In questo caso la rimozione del lattosio è un (gradevole) effetto collaterale del processo di stagionatura.

Un ripieno di carne tra il classico e l’innovativo

ll vero punto di forza di questi ravioli con crema di formaggi è il ripieno. Questo è formato dal macinato di carne di bufalo. Si tratta di una carne squisita, che propone note più dolci. Un’altra differenza risiede nella consistenza, che è più irregolare e gradevole al palato.

Sul piano nutrizionale la carne di bufalo è meno grassa e un po’ più proteica. L’apporto di sali minerali è quasi lo stesso a quello delle altre carni, con buone dosi di magnesio, potassio e soprattutto di ferro.

Il procedimento per la preparazione del ripieno è peculiare, soprattutto per quanto concerne l’aromatizzazione. Si tratta di rosolare la carne, arricchirla con il brodo e proseguire la cottura per 30 minuti. In questa fase vanno aggiunte le erbe inserite in una garza, un accorgimento per garantire la massima aromatizzazione senza però impattare in maniera eccessiva sul sapore della carne. Ovviamente, a fine cotture la garza va tolta.

Come preparare la salsa dei ravioli di carne bufalina?

L’altro  punto di forza dei ravioli di carne bufalina è il condimento, che è dato interamente dalla crema ai formaggi. Il procedimento è semplice: basta frullare la ricotta di bufalina, il taleggio e il coriandolo. Se necessario, è bene aggiungere un po’ di acqua tiepida. In ogni caso lo scopo è quello di creare una crema fluida e morbida, ma non troppo densa.

La crema di formaggi propone sentori molto equilibrati. Infatti, la ricotta di bufalina aggiunge dolcezza, mentre il coriandolo regala sentori tra il piccante e l’agrumato. Il taleggio, infine, conferisce qualche nota acidula. Il taleggio è un formaggio prodotto soprattutto nelle zone tra Piemonte, Lombardia e Veneto. E’ un formaggio che spicca per la consistenza morbida nonostante la sua stagionatura.

La crema di formaggi si lega molto bene con il ripieno, in quanto ne esalta le note corpose e leggermente dolci. Insieme danno vita a un primo dal sapore diverso dal solito, che possa spiccare per la sua delicatezza.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Romina Troncone

Ravioli di carne bufalina

Ricette ravioli ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...