A Kyoto tra tempura, kobe e quartieri suggestivi

Japan Gourmet
Commenti: 0 - Stampa

Quinto giorno a Kyoto, tra gastronomia e posti suggestivi

Le mia vacanze tra gusto, storia e cultura continua a Kyoto tra tempura, kobe e quartieri suggestivi . I giorni passano ma la voglia di scoperta non si esaurisce. Osservare la cura, la passione e la dedizione con le quali i nipponici seguono meticolosamente le regole della tavola nel preparare e servire i pasti, con le musiche e le geishe che intrattengono è qualcosa di quasi fiabesco, senza poi parlare dei paesaggi .. sembra essere catapultati in un’altra dimensione fuori dalla terra, credetemi!

Il quinto giorno di viaggio mi ha portato a Kyoto, un tempo capitale del Giappone e ancora oggi uno dei posti più suggestivi del Paese nel quale si riscopre la tradizione nipponica pura. I templi buddisti che si susseguono uno dopo l’altro, le case basse in legno, le stradine strette, i giardini curati in ogni dettaglio, i palazzi imperiali ed i santuari shintoisti sono tutti concentrati qui. Tutti quei simboli che noi occidentali conosciamo del Giappone sembrano che quasi per gioco si siano riuniti a Kyoto per mostrarsi in un condensato di storia e tradizione. Ma non è così, questa è solo l’essenza pura e senza barriere della città.

A tavola a Kyoto: tra tempura e kobe

Partiti prestissimo da Gero Onsen verso Kyoto, siamo arrivati giusto in tempo per un ottimo pranzo in uno dei migliori ristoranti della città: Tempura Endo. In un ambiente tradizionale abbiamo assaporato molti piatti locali, primo tra tutti la tempura, un vero must da queste parti, preparata con verdure o pesce, a seconda della stagionalità. Ma cos’è la tempura? La frittura tradizionale giapponese, un piatto squisito ma semplice dalle origini antiche. Si preparava, infatti, nei periodi in cui i giapponesi osservavano tre giorni di digiuno ad inizio mese, nei cosiddetti “Quattro tempora” da cui il nome tempura, in cui non si mangiava carne. Questa frittura è croccante, leggera, saporita e non è assolutamente stracolma di olio ed è anche sana. Una vera goduria!

KyotoLungo le vie di Kyoto in una città dal fascino senza tempo

Nel nostro gito a Kyoto c’è stato spazio anche per la visita alla città. E tra le sue strade ci siamo veramente persi in questo luogo dal fascino senza tempo. Abbiamo visitato il tempio di Kyomizu uno degli antichi monumenti della città. Definito patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, è uno dei finalisti per le sette meraviglie del mondo moderno. Fra vicoli e scalinate infinite siamo arrivati a Gion, un quartiere ricco di locali e case da tè dove le geishe offrono i loro spettacoli di intrattenimento.

La sera, invece, ci siamo diretti a Pontocho, una lunga strada che costeggia la riva occidentale del fiume Kamo-gawa. Qui le auto sono vietate come anche la realizzazione di edifici moderni. Al bando anche le insegne luminose al neon. Lungo la strada solo le tipiche lanterne giapponesi rosse e bianche intiepidiscono i vicoletti del quartiere pieni di localini di ogni gener e abbiamo cenato a base di kobe da Yakiniku Yamakawa Honten, ritenuto uno dei locali fra i 10 migliori di Kyoto. Il kobe è un’altra delle prelibatezze della gastronomica giapponese, carne bovina della tipologia wagyu rinomato per il suo sapore gustoso e per la sua tenerezza. Può essere cucinato alla griglia o sulla piastra. A noi è stato servito insieme a delle spezie .. che dire anche questo piatto squisito!

I segreti dell’eccellenza della carne di Wagyu

La carne di Wagyu probabilmente, saranno in tanti tra noi a non conoscerla. Il Wagyu è un termine giapponese con il quale si fa riferimento al “manzo giapponese”, da intendere, però, in un’accezione decisamente più ristretta che sta ad identificare alcune razze bovine giapponesi attentamente selezionate, con caratteristiche decisamente uniche, che ne fanno probabilmente il miglior tipo di carne al mondo.

Il famosissimo manzo di Kobe, noto anche dai meno esperti del settore, è proprio un tipo di Wagyu, allevato appunto nella regione di Kobe. Ancora oggi i bovini di Kobe sono di razza purissima e conservano il patrimonio genetico di questa antichissima razza giapponese. La carne di Wagyu è considerata la migliore in assoluto e, proprio per questo, fra le più care. Per il metodo di allevamento, particolare, e la rarità di esemplari, come prevedibile, ha infatti un costo decisamente superiore alle tradizionali bistecche di carne.

Una carne dalle caratteristiche organolettiche uniche al mondo

Ciò che colpisce, a prima vista, sono le venature intramuscolari del grasso presenti all’interno e nella parte esterna di questa preziosa carne di Wagyu. Queste sembrano tipiche di un prodotto di bassa qualità. In realtà, sono proprio tali venature a rendere questa carne particolarmente tenera nella consistenza ed insuperabile nel gusto.

La carne di Wagyu, per le sue caratteristiche, ben si adatta alle diete ipocaloriche ed è consigliata a chi ha problemi di colesterolo. Il manzo di Wagyu, infatti, ha pochi grassi saturi, circa la metà di quelli presenti nei manzi magri che riempiono la nostra tavola. Già di per sé queste sono ragioni più che sufficienti a giustificare la particolarità di questa carne, annoverabile tra i prodotti al mondo più ricercati.

Oramai riuscire a provare questa prelibata carne non è fantascienza, visto che essa è sempre più presente nei migliori ristoranti di quasi tutte le città. E’ possibile inoltre degustarla in proposte tutte diverse e per tutti i palati. La carne di Wagyu, infatti, è un particolare tipo di carne che si presta a tante diverse preparazioni, è versatile e facile da abbinare con alti ingredienti, più o meno insoliti.

Almeno una volta nella vita va provata. Siamo in presenza di una carne unica al mondo, quella che gli stessi giapponesi definiscono la “bistecca perfetta” che è possibile tagliare con le bacchette per la valutazione della quale esiste addirittura un disciplinare estremamente rigoroso definito dal Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e delle Acque

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bangkok Royalpalace

Bangkok, saluti e buone feste dalla Thailandia

A zonzo nel cuore di Bangkok Cari amici, quest’oggi vi scrivo in diretta dalla Thailandia, e più precisamente dalla capitale Bangkok, durante queste vacanze di fine anno, che ormai volgono al...

NATALE

Finalmente Natale! Tanti auguri da Nonnapaperina!

Ed anche oggi penso a voi, buon Natale a tutti! Cari amici sono super elettrizzata e vorrei potervi abbracciare tutti, uno per uno, per augurarvi uno strepitoso Natale e tanta felicità e salute! Vi...

Asakusa

Asakusa ,Tempio di Senso-ji e Gen Yamamoto

Ultimo giorno nella terra del Sol Levante tra cibo, templi e shopping Japan Gourmet: Asakusa ,Tempio di Senso-ji e Gen Yamamoto per finire in bellezza. Oggi è il nostro ultimo giorno in Giappone,...

cultura nipponica

Japan Gourmet: le mille tinte della cultura nipponica

La mia vacanza in Giappone, oltre gli stereotipi Le mille tinte della tradizione millenaria della cultura nipponica. La mia permanenza in Giappone per la Japan Gourmet è davvero agli sgoccioli....

giardini imperiali

Giardini imperiali, Food Hall di Isetan e Golden...

Il ritorno a Tokyo, ancora un giro in città Japan Gourmet: Giardini imperiali, Food Hall di Isetan e Golden Gai. Resta ancora qualche giorno da trascorrere in Giappone per la Japan Gourmet e io ne...

il fascino della geisha

Il fascino della Geisha, meditazione zen e cucina...

Ultimo giorno a Kyoto: tra buddismo e festival Settimo giorno di viaggio in Giappone dedicato alla Geisha, alla meditazione zen e alla cucina Kaiseki. Una nuova giornata a Kyoto sulle tracce del...

14-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti