Bruschetta al pomodoro e pancetta, il piatto salato che delizia il palato!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 1 voti, media: 4,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
bruschetta al pomodoro

Una bruschetta per intolleranti al glutine e golosa: ecco la ricetta delle bruschette al pomodoro e pancetta!

La bruschetta al pomodoro è, solitamente, immaginata come una fetta di pane abbrustolito e ricoperto di olio, origano e, a volte, prosciutto crudo.

Essa è sempre ritenuta parecchio invitante, tanto da essere presenti ad ogni festicciola ed ad ogni buffet, perché predilette da grandi e piccini.

Ma, per chi intendesse proporne una versione originale ed insolita, si rivelano straordinarie le bruschette di lupino e miglio, fatte con ingredienti sani, genuini, pochi utilizzati in vero in cucina e sulle nostre tavole. Un motivo questo in più dunque per proporli ai nostri commensali, familiari o amici che siano, in queste rinnovate ed inusuali vesti.

Bruschette per tutti, bruschette gluten free

La bruschetta al pomodoro gode di un vantaggio straordinario: è comoda e pratica da utilizzare come base per la preparazione di un piatto che, tutto sommato, fa molto successo.

Il fatto è che esse non sono indicate proprio per tutti, si pensi agli intolleranti al glutine.

Perché, dunque, non pensare di realizzarle da soli, utilizzando ingredienti privi di questa sostanza?

Riso e miglio valgono quali ottimi sostituti della farina di grano. La farina di lupini poi, dà il suo eccellente ed insostituibile contributo.

Utilissima allo scopo anche la farina di semi di guar, che, in quanto priva di glutine, trova largo impiego come additivo addensante nella preparazione di molti prodotti alimentari per celiaci.

In questa ricetta non mancano dunque ingredienti assolutamente poco conosciuti, pensiamo all’olio di semi d’uva, un olio questo che sarebbe corretto ed utile integrare nella nostra dieta, tali sono i benefici che ne deriverebbero a carico della nostra salute e della nostra bellezza.

Lupini: i legumi energetici poco valorizzati

Nelle nostre tavole non viene ritagliato spazio ai lupini se non a Natale.

La tradizione della nostra cucina italiana reca con sé questo consumo così limitato ed, a ben vedere, molto circoscritto.

Tale orientamento non è affatto apprezzabile e risulta, di contro, ingiustificato, sol che si pensi alla buona quantità di proteine contenuta nei lupini pari a circa 40 grammi su 100 grammi di prodotto: cifre da capogiro paragonabili a quelle della carne. Ne consegue che essi rappresentano quindi una valida alternativa ai cibi di origine animale sotto il profilo dell’apporto proteico.

Anche il miglio, che in questo caso è un cereale, possiede delle eccellenti proprietà nutritive che lo rendono particolarmente indicato in caso di affaticamento, in convalescenza e durante la crescita e per gli studenti. Privo di glutine, anch’esso si rivela facilmente digeribile ed adatto dunque anche ai celiaci.

Non ci resta dunque che passare in rassegna ingredienti e preparazione necessari a confezionare un piatto così particolare, che, di certo, non passerà inosservato agli occhi ed ai palati di chi lo assaggerà.

Ingredienti per 4 persone

  • 150 gr amido di riso
  • 60 gr farina di lupino
  • 40 gr farina di miglio
  • 50 gr farina di riso
  • 10 gr farina di semi di guar
  • 15 gr lievito di birra
  • 8 gr sale
  • 150 gr olio di semi d'uva
  • 100 gr uova intere
  • 50 gr albume d'uova
  • 230 gr acqua

Procedimento

  1. Pesate le farine, miscelatele, setacciatele e versatele in una bacinella capiente.
  2. Aggiungete il lievito di birra, i semi di guar, l’olio, le uova e l’albume. Mescolate leggermente e infine aggiungete il sale.
  3. Continuando a mescolare, versate l’acqua lentamente, vi risulterà un composto cremoso, finite mescolando con energia, quindi versate in uno stampo rettangolare, coprite con della pellicola e lasciate lievitare fino a quando l’impasto avrà raggiunto il bordo (per circa 60/80 minuti) a temperatura ambiente.
  4. Infornate a 180° per 40 minuti. Lasciate raffreddare fuori dallo stampo. Il giorno dopo tagliate il composto a fette di circa 1 cm e cuocete in forno a 180° per 10 minuti.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *