logo_print

Risotto di grano saraceno ai porri con panna speziata

Risotto di grano saraceno
Stampa

Oggi per voi il Risotto di grano saraceno ai porri con panna speziata. Il piatto nasce per proporre un alimento veramente prezioso come il grano saraceno, fonte di proteine nobili vegetali priva di glutine, in una preparazione molto comune ed amata sulle tavole italiane: il risotto.

La cottura a risotto è semplice, molto apprezzata, ed è anche la modalità migliore per preservare le qualità nutrizionali ed il sapore dei cereali e pseudocereali (amaranto, quinoa e grano saraceno).

La tostatura che inizia il processo di cottura intensifica il sapore del grano saraceno e lo rende più consistente e gradevole da gustare, rispetto alla versione bollita.

Un risotto che di questo nome ha solo la presentazione ed il metodo di cottura, perché l’ingrediente principe non è il riso, ma il più nutriente e saporito grano saraceno.

Una mantecatura leggera e golosa fatta con panna vegetale arricchita di spezie e semi salutari.

Un piatto che mette d’accordo celiaci, intolleranti al lattosio ed amanti dei primi piatti gourmet!

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Alice Grandi

Ed ecco il Risotto di grano saraceno ai porri con panna speziata

Ingredienti per 2 persone

  • 160 grammi grano saraceno
  • mestoli brodo vegetale caldo
  • 1/4 cipolla
  • 1/2 sedano gambo
  • 1 carota piccola
  • 1 porro medio (o 2 piccoli)
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
  • 2 cucchiai panna di soia da cucina
  • 1 cucchiaino curcuma polvere e 1 cucchiaino semi di papavero
  • pepe bianco macinato, q.b.
  • semi di papavero q.b. (per servire)

Preparazione

Tritate assieme il sedano, la carota e la cipolla e metteteli in una padella capiente insieme all’olio (un wok antiaderente è perfetto).

Ponete la padella sul fuoco ed accendete il fuoco al minimo; appena le verdure iniziano a sfrigolare, aggiungete il grano saraceno ed alzate la fiamma a media intensità. Mescolate continuamente per far tostare il grano saraceno in maniera uniforme.

Appena il grano saraceno inizia ad emanare un leggero profumo di tostatura, aggiungete tre mestoli di brodo vegetale, abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere per 15 minuti.

Nel frattempo lavate bene il porro, scartate le radici e tagliatelo a rondelle spesse 3-4mm.

Trascorsi i 15 minuti il grano saraceno avrà assorbito tutto il brodo; aggiungete le rondelle di porro, altri 2 mestoli di brodo vegetale e proseguite la cottura per ulteriori 15 minuti.

Nel frattempo preparate la panna speziata: mettete in una ciotolina la panna di soia, la curcuma, i semi di papavero, aggiungete pepe bianco macinato a piacere e mescolate bene.

Quando il grano saraceno sarà arrivato a 30 minuti totali di cottura spegnete il fuoco e mantecate il risotto con la panna speziata.

Impiattate e spolverate con altri semi di papavero prima di servire.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


17-10-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti