Tartufini al cacao, antidepressivi naturali!!

Tartufini al cacao
Commenti: 0 - Stampa

I Tartufini al cacao sono un dolce di pasticceria classica, davvero imperdibili e adatti  a qualsiasi momento, specialmente nei casi in cui si celebra qualche festa o ricorrenza. C’è chi evita la cioccolata poiché pensa che non sia salutare. Certo, molti prodotti che la contengono sono poco sani e pieni di calorie perché viene aggiunto zucchero e quasi niente cacao.

Però il cacao in polvere, quello originale, è davvero nutriente. Vediamo i suoi benefici e poi la ricetta dei tartufini al cacao. Il cacao presenta numerose proprietà nutritive, e la storia è costellata di riconoscenze a questo prezioso ingrediente della natura che in esso contiene qualità che lo fanno essere un vero e proprio toccasana, sia per il corpo che per lo spirito.

Nel particolare, basti pensare che, 2 cucchiai di cacao contengono solo 25 calorie e 1,5 g di grassi, oltre a 3,6 g di fibre, vale a dire il 14% della quantità giornaliera raccomandata. In più, hanno l’8% di ferro e il 14% di magnesio. Il cacao è un buon antidepressivo naturale perché migliora l’umore stimolando i neurotrasmettitori e la produzione di endorfine. Contiene inoltre antiossidanti che aiutano a combattere il cancro, le malattie cardiache e l’invecchiamento.

Non esagerate con i Tartufini al cacao

Attenzione però: quasi tutto il cacao che si trova in commercio purtroppo non ha tutte le sostanze nutritive che ci servono, quindi è meglio comprare quello in polvere crudo. In aggiunta a questi preziosi benefici, il cacao abbassa il colesterolo LDL e quindi il rischio che si formino coaguli nel sangue, migliorando la salute delle arterie e la pressione sanguigna.

Come per tutte le cose, ovviamente c’è un però: il cacao contiene caffeina che può avere effetti negativi come l’insonnia in chi è sensibile a questa sostanza. In più ha ossalati che, se assunti in maniera esagerata, possono contribuire alla formazione di calcoli renali, quindi se soffrite di questo problema è meglio non mangiare cacao e cioccolata.

In conclusione, il cacao è ricco di proprietà e basta non abusarne per non avere problemi in caso di condizioni particolari. Provate questi tartufini al cacao per coccolarvi un po’: ogni tanto ci vuole proprio! Di ricette ce ne sono davvero tante ma ecco la mia personale ricetta per fare dei buonissimi dolcetti al cacao. Vediamo ora gli ingredienti necessari e come prepararli.

Ed ecco la ricetta dei Tartufini al cacao

Ingredienti per 10 persone:

  • 60 g di farina di riso
  • 25 g di farina di mandorle + 25 g di maizena
  • 15 g di farina di grano saraceno
  • 50 g di zucchero
  • 2 cucchiai di olio di riso
  • 5 g di lievito per dolci
  • 75 ml di panna da cucina densa consentita
  • 250 g di gocce di cioccolato fondente
  • 100 g di burro chiarificato
  • 30 mi di liquore all’arancia o brandy
  • 50 g di cacao amaro
  • un po di latte consentito

Preparazione

Impastare la farina di riso con quella di mandorle e grano saraceno, la maizena, lo zucchero, il lievito per dolci setacciato, l’olio e il latte sufficiente a ottenere un composto morbido e liscio.­­­ Stenderlo delicatamente allo spessore di 3-4 mm fra due fogli di carta da forno o pellicola; formare dei piccoli biscotti rettangolari, metterli in una teglia rivestita di carta da forno e cuocerli a 160°C per 10 minuti abbondanti.­­

Scaldare la panna e prima che arrivi ad ebollizione spegnere il fornello e fuori dal fuoco aggiungere le gocce di cioccolato, mescolando continuamente con un cucchiaio fino a farle sciogliere completamente; lasciar raffreddare mescolando di tanto in tanto.

Unire il burro tenuto molto morbido e continuando a mescolare amalgamarlo al composto, completare con i biscotti frullati finemente e il liquore. Lasciar riposare il composto in frigorifero per il tempo necessario a farlo leggermente indurire (almeno un’ora).­­

Bagnandosi le mani con poco olio di riso prelevare piccole parti della crema e ottenere delle palline, rotolarle nel cacao, adagiarle in un vassoio o dentro dei pirottini di carta per pasticcini e conservare in frigorifero per almeno un’ora.­­

Nota: si conservano in frigorifero per qualche giorno in un contenitore chiuso. Tempi di preparazione: 40′ Tempi di cottura: 15′

5/5 (346 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti