Ricetta salutare: Pinzimonio di verdure crude

Pinzimonio di verdure crude

Mio figlio mi ha chiesto di fargli il Pinzimonio! Incredibile

Oggi ho deciso di fare un pinzimonio come antipasto per tutti. Stefano me lo ha chiesto espressamente e non è da lui. Un onnivoro da sempre avverso  al mondo vegetale. Potete usare tutte le verdure crude che vi piacciono e che potete mangiare. Io adoro il peperone e il sedano!!

La verdura dovrebbe essere una componente costante nella nostra alimentazione. Anche la moderna scienza dietetica infatti raccomanda di inserire regolarmente verdura nei due pasti principali. Che questi cibi siano le fonti privilegiate di vitamine e minerali è cosa risaputa. Ma oltre a garantirci un apporto adeguato di questi nutrienti, le numerose specie di vegetali che compaiono sulla nostra tavola possono aiutarci anche in qualità di veri rimedi terapeutici, ognuno con le sue peculiarità.

Un pinzimonio di verdure crude per un buffet è l’ideale

Sedano: Oltre a possedere proprietà diuretiche e digestive, il sedano tonifica il sistema nervoso e stimola le ghiandole endocrine, in particolare le surrenali.
Grazie all’abbondante contenuto di sodio, potassio e calcio, svolge poi un’azione rimineralizzante. Per la presenza di nitrati, il sedano favorisce inoltre la depurazione del sangue ed è consigliato contro i reumatismi, la gotta e le coliche renali. Il sedano è considerato anche un eccellente afrodisiaco.

Carote: radici di un bel colore arancio che vengono usate per svariatissime preparazioni. Sono rinfrescanti, depurative, moderatamente nutritive perché contengono un’alta percentuale di zucchero. Si trovano sul mercato tutto l’anno. Prima di essere utilizzate, vanno leggermente raschiate con un coltellino. Se sono di vecchia raccolta, si consiglia di tagliarle nel senso della lunghezza e di scartarne l’anima interna che è legnosa e dura; se sono giovani si possono mangiare interamente.

Finocchi: sono gli ortaggi che, tra tutti, hanno il più basso contenuto calorico. Praticamente sono costituiti da acqua e cellulosa e profumati da un certo olio, l’anetolo, presente in tutta la pianta e specialmente nei semi. Possono essere consumati sia cotti che crudi: qualunque sia la loro preparazione, è indispensabile sottoporli a un’accurata pulizia preliminare che li liberi dalla terra, che spesso si trova anche all’interno; bisogna inoltre asportarne i gambi e le prime foglie esterne.

Carciofi: ne esistono due qualità principali: quella con spine e quella senza; i carciofi appartenenti a quest’ultimo tipo vengono chiamati «mammole». Prima di cucinarli vanno privati delle foglie esterne piuttosto dure e tagliati in due o più parti per eliminare il cosiddetto «fieno» interno. Qualora i carciofi si debbano cucinare interi occorrerà scavarli leggermente con un cucchiaino per asportare appunto il fieno (questa operazione, in genere, non è necessaria nei carciofi «giovani»). La freschezza si riconosce dal fiore ben chiuso, sodo, dalle foglie lucenti e rigide che, ripiegate verso l’esterno, devono spezzarsi. I carciofi contengono la «cinarina», sostanza amara ad azione curativa per alcune malattie del fegato.

E’ un antipasto apprezzato da molti

pinzimonioCon tutte queste verdure, e tutte le altre che vi piacciono e si possono mangiare crude, potete preparare un ottimo antipasto: il pinzimonio

Il pinzimonio è una miscela di olio extravergine d’oliva, sale, pepe e, se potete, aceto o limone. La verdure crude devono essere  accuratamente lavate e tagliate a listarelle sottili. Ma se volete  rendere ancora piu appetibile queste verdure potete abbinare delle salse e queste  possono trasformare un semplice antipasto e renderlo davvero ghiotto ma pur sempre light!

Mangiamo il pinzimonio con delle salse!

Salsa cocktail

La salsa cocktail, o meglio conosciuta come salsa rosa, è un tipo di salsa molto buona soprattutto da accompagnare a piatti di pesce o crostacei, ma viene anche usata con molte altre pietanze, infatti ha la capacità di unirsi bene più o meno con tutto.

E’ insolita con le verdure, ma provate come ho fatto io e poi ditemi!! Squisita

Maionese senza uovaUna maionese senza uova e con la curcuma, che secondo il mio prof è un potente antitumorale ed antitrombotico e da quando ho conosciuto lui in cucina non manca mai.E’ una delle salse alla fondamentali per molte altre preparazioni: La salsa aioli, la salsa tartara, la salsa tonnata etc. La ricetta original prevede l’uso delle uova, ma visto che le persone allergiche all’uovo stanno aumentando a vista d’occhio possiamo imparare a farla anche cosi.

la guacamoleUna Guacamole,  preparazione a base di avocado originaria del Messico. E’ una salsa molto versatile e che si puo’ preparare in molti modi partendo sempre dalla ricetta originale.  Questa salsa nei ristoranti messicani viene servita per accompagnare i nachos o le tortillas. Ma è buona anche spalmata sul pane o come condimento per le verdure.

E ancora….

L’avocado oramai si trova spesso nel banco della frutta e vista la semplicità con cui si prepara quest’ottima salva eviterate di acquistarla confezionata. In questo modo eviterete di mettere coloranti, conservanti o addensanti.

Tzatziki

Il Tzatziki, una salsa greca con molte varianti a secondo del proprio gusto; viene arricchito con varie erbe, tra cui l’aneto e la menta. Alcuni aggiungono un cucchiaio di aceto, oppure della cipolla tritata o altre spezie aromatiche. La mia amica Gio lo fa con l’origano. Roberta aggiunge il limone con l’aceto e chi aggiunge il pepe.

Ma questo elenco potrebbe allungarsi. Ci sono salse per tutti i gusti e per il tempo che abbiamo a disposizione oltre che per gli alimenti che possiamo o meno mangiare!!!!!!!!

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

sciatt

Gli sciatt, delle splendide polpettine al formaggio

Gli sciatt, una ricetta antica Gli sciatt sono delle frittelle tonde con un cuore di formaggio filante, un piatto tipico della Valtellina. Benché siano simili ai soliti pezzi di rosticceria, in...

Pallotte cacio e ova

Pallotte cacio e ova, un piatto della cucina...

Pallotte cacio e ova, una pietanza rustica Le pallotte cacio e ova sono una specialità abruzzese della tradizione contadina. Sono realizzate con ingredienti semplici e reperibili, come vuole la...

Cipolle speziate al forno

Cipolle speziate al forno, un contorno fuori dal...

Cipolle speziate al forno, un contorno leggero e dal sapore spiccato Le cipolle speziate al forno sono un contorno facile da preparare, nonché una squisita variazione sul tema delle classiche...

sarma

Il sarma, una specialità turca con le foglie...

Il sarma, un piatto che stupisce Oggi vi presento una ricetta all’apparenza distante dalla cucina italiana: il sarma. Si tratta di una specialità turca realizzata con ingredienti che potrebbero...

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

04-09-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti