bg header
logo_print

Flan di carciofi, un antipasto rustico ed elegante

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Flan di carciofi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (12 Recensioni)

Flan di carciofi, una delicata e saporita alternativa alle patate

Il flan di carciofi è una variante del più famoso flan di patate, un tortino dal gusto delicato di origine anglosassone che viene spesso utilizzato per gli antipasti più eleganti. La preparazione del flan di carciofi è la medesima, anzi aggiunge anche un tocco di rusticità che rende ancora più gradevole e complesso il piatto. Inoltre è un antipasto semplice da realizzare e richiede ingredienti molto reperibili. Si tratta infatti di cuocere il cuore dei carciofi tagliati a fettine in un soffritto di cipolle, arricchito da una sfumatura al vino bianco e dal brodo vegetale. I carciofi poi vengono frullati e trasformati in purea, infine vengono uniti alla besciamella, al Parmigiano Reggiano e alle uova (che fungono da legante).

Il sapore del flan di carciofi coniuga i sentori rustici e aromatici del carciofo con quelli inconfondibili del formaggio. L’apporto nutrizionale non è indifferente e coniuga genuinità e leggerezza. Il merito va soprattutto ai carciofi, che spiccano per l’abbondanza di vitamina C, una sostanza antiossidante che aiuta il sistema immunitario. I carciofi contengono anche la vitamina A, che fa bene alla vista e alcuni importanti sali minerali come il potassio, il fosforo, il magnesio e il ferro. Quest’ultimo è in genere tipico degli alimenti di origine animale, carne in primis.

Ricetta flan di carciofi

Preparazione flan di carciofi

Per preparare il flan di carciofi iniziate pulendo i carciofi con cura, poi rimuovete le foglie esterne più coriacee. Fate lo stesso con il gambo fino a giungere al cuore del carciofo. Ricavate dai carciofi così trattati delle fette sottili. Intanto pulite lo scalogno e fatelo a julienne. Soffriggete lo scalogno in una padella con un filo d’olio, appena diventa traslucido unite i carciofi. Condite con un po’ di sale e un po’ di pepe, poi sfumate con il vino bianco e lasciate andare per qualche istante a fiamma alta. Ora abbassate la fiamma, incorporate un po’ di brodo e cuocete fino a quando i carciofi non risulteranno morbidi. Infine versateli nel mixer e frullateli per ottenere una crema vellutata.

Trasferite la purea di carciofi in una ciotola, unite la besciamella e mescolate. Poi incorporate il Parmigiano grattugiato, condite con un po’ di sale e mescolate per bene il tutto. Infine incorporate le uova non appena il composto sarà intiepidito e mescolate ancora. Ora oliate degli stampi da muffin e riempiteli con il composto fino a tre quarti. Versate dell’acqua in una teglia da forno, posizionate gli stampi da muffin e cuocete al forno per 25 minuti a 155 gradi. I vostri flan di carciofi sono pronti per essere serviti.

Ingredienti flan di carciofi

  • 8 cuori di carciofo
  • 1 scalogno
  • 120 gr. di besciamella consentita
  • 60 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 3 uova
  • 1 mestolo di brodo vegetale
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • q. b. di sale
  • q. b. di pepe.

Il contributo del Parmigiano Reggiano

Tra gli ingredienti più importanti del flan di carciofi spicca il Parmigiano Reggiano. Il suo ruolo è quello di garantire corpo e sapidità al frullato di carciofi. Ovviamente va utilizzato grattugiato, ragione per cui vi consiglio una forma di stagionatura medio-lunga, dai 24 mesi in su. Il Parmigiano Reggiano aumenta lo spessore nutrizionale del flan di carciofi e lo impreziosisce. D’altronde è uno dei formaggi più ricchi in assoluto di proteine, con un quantitativo secondo solo a quello di alcuni pesci essiccati, come il baccalà.

Importante è anche l’apporto di calcio (che giova alle ossa e ai denti), di fosforo e di vitamina D. La vitamina D è fondamentale per il sistema immunitario ed è abbastanza rara in natura. L’apporto calorico del Parmigiano Reggiano è molto elevato, sebbene dipenda in parte dalla durata della stagionatura. Ad ogni modo, raramente scende al di sotto delle 400 kcal per 100 grammi.

Flan di carciofi

Gli ingredienti per un buon brodo vegetale

Il brodo vegetale gioca un ruolo di primo piano nel flan ai carciofi, infatti consente una cottura agevole, equilibrata e uniforme. A tal proposito avete due alternative: utilizzare il classico dado industriale o preparare il brodo in prima persona. Dovreste optare per quest’ultima soluzione in quanto vi consente di ottenere un prodotto  più genuino ed efficace. Non che il dado industriale sia dannoso, ma è meno saporito e soprattutto molto salato. Come preparare un buon brodo vegetale? Qui sul sito trovate una mia ricetta di brodo vegetale, una versione ricca e allo stesso tempo leggera. Vi consiglio di consultarla, ma vi do comunque qualche anticipazione.

In primo luogo fate attenzione agli ortaggi: devono essere molto maturi, in quanto capaci di trasmettere meglio i sentori e nutrienti nell’acqua. Di base la lista degli ingredienti è formata da carote, sedano e cipolle. Tuttavia, potete aggiungere anche patate, pomodori e porri. La cottura dovrebbe avvenire a fuoco basso e per lungo tempo. Invece per quanto concerne la quantità di acqua dovrebbe bastarne un litro, se vi limitate a un singolo ortaggio (1 carota, 1 cipolla, 1 gambo di sedano).

Come preparare una buona besciamella?

Anche la besciamella gioca un ruolo fondamentale nel flan di carciofi. Insieme al formaggio dona sentori di latte alla crema, che funge da base per questo flan di carciofi. Anche in questo caso potete acquistarla al supermercato già pronta, ma vi consiglio di farla in casa. Qui sul sito ho proposto una versione corposa della besciamella, non pesante e adatta agli intolleranti al lattosio e ai celiaci. Va realizzata con la farina di riso, che è naturalmente gluten-free, e con il latte delattosato.

La ricetta prevede anche la ricotta, che garantisce corpo e un pizzico di dolcezza, sostituendo il burro. Per il resto la preparazione è simile a quella della besciamella tradizionale. Si forma un roux particolare, riscaldando assieme la farina e la ricotta. Poi si aggiunge il latte e infine gli altri ingredienti. Non manca la noce moscata, che garantisce la giusta nota piccante e aromatica alla besciamella. Potete servire il flan di carciofi per antipasto.

Ricette flan ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (12 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...