Farina di avena, alleata della nostra salute

Farina di Avena
Commenti: 0 - Stampa

L’Avena è una pianta appartenente alla Famiglia delle Graminaceae, è un cereale e per questo se ne consuma esclusivamente il seme, sia integro, sia decorticato.

E’ composto per quasi il 70% da amido, poi seguono fibre, proteine e grassi; non mancano vitamine e sali minerali.

La crusca d’avena è ricca di trigonellina o avenina, stimolante neuro-muscolare. Come la maggior parte dei cereali, anche l’avena ha subìto negativamente la presa di posizione di mais, riso e frumento.

Tuttavia, di recente, i regimi alimentari naturisti, macrobiotici, e perfino la dieta a Zona, ne stanno enfatizzando nuovamente le proprietà nutrizionali.

Dell’avena si consumano soprattutto: semi interi, semi decorticati, fiocchi di avena, farina di avena e latte di avena.

E’ opportuno ricordare che, per quanto l’avena possegga ottime caratteristiche nutrizionali, la sua crusca è meno pregiata rispetto a quella del frumento.

La farina si ottiene dalla molitura dei semi interi o decorticati. E’ utilizzata per la formulazione di prodotti da forno, ma spesso va miscelata alla polvere di frumento per una corretta lievitazione.

La farina di avena ideale per il porridge.

La ricetta più famosa a base di avena è senza dubbio il porridge, un alimento per la colazione di origine anglosassone.

L’avena può essere integrata nella dieta gluten free unicamente come ingrediente dei prodotti presenti nel Registro Nazionale del Ministero della Salute. Anche se molti celiaci ne sopportano l’assunzione, tuttavia il Ministero della Salute ne consente l’utilizzo solo in assenza di compromissioni intestinali, come l’ipertrofia della mucosa, e in porzioni ridotte.

L’Associazione Italiana Celiachia, ad esempio, mantiene una posizione molto cauta:

La maggior parte dei celiaci può inserire l’avena nella propria dieta senza effetti negativi per la salute. Si tratta comunque di una questione ancora oggetto di studi e ricerche da parte della comunità scientifica, in particolare sulle specifiche varietà di avena maggiormente adatte ai celiaci.  Il Board Scientifico di AIC, pertanto, suggerisce il consumo di avena solo per quei prodotti a base di o contenenti avena presenti nel Registro Nazionale dei prodotti senza glutine del Ministero della Salute, che garantisce sull’idoneità dell’avena impiegata. Allo scopo di monitorare eventuali effetti legati all’introduzione dell’avena, si consiglia inoltre che tali prodotti vengano inizialmente somministrati a pazienti in completa remissione e che stiano seguendo una dieta senza glutine che abbia escluso anche l’avena.

Per quanto riguarda la farina d’avena non integrale, rispetto a quella dei cereali “più nobili”, la farina di avena vanta proprietà nutrizionali differenti.

Ha una densità energetica piuttosto elevata, caratterizzata dalla maggior presenza di lipidi che, com’è noto, forniscono più del doppio delle calorie rispetto ai carboidrati.

Questi sono prevalentemente insaturi ed hanno una discreta concentrazione di polinsaturi essenziali (prevalentemente omega 6).

Dal punto di vista vitaminico, l’avena contiene soprattutto vit. PP (Niacina), vit. B1 (Tiamina) e vit. E (α-tocoferolo); in merito ai sali minerali, invece, si osservano ottime concentrazioni di potassio, ferro, fosforo e zinco.

Grazie all’ottima presenza di fibre, l’amido della farina di avena viene digerito ed assorbito lentamente, a tutto vantaggio dell’indice glicemico dell’alimento.

Per di più, la porzione fibrosa contiene ottime percentuali di beta-gucani, molecole benefiche per la cura di certe patologie metaboliche come l’ipercolesterolemia e il diabete mellito di tipo 2.

Le proteine sono abbondanti (circa il 50% in più rispetto alla farina di frumento) e ricche dell’amminoacido, carente nei cereali.

Le persone con intolleranza al nichel devono usarla con moderazione nei giorni di dieta libera della dieta a rotazione.

Torta di ciliegie, una gioia per gli occhi e per il palato

La torta di ciliegie è una delle più belle torte, tra quelle fatte in casa, che possiate mai assaggiare. E’ un vero tripudio di colori che nasconde un gusto particolare, determinato da una scelta di ingredienti che non lascia nulla al caso. Il riferimento è alla farina di avena, che certamente propone sentori diversi dalla classica farina bianca (ad essa dedicherò uno dei prossimi paragrafi). La lista degli ingredienti è però lunga, e comprende l’amarena, sotto forma di sciroppo,e le ciliegie, due frutti che per quanto estremamente affini non vengono utilizzati spesso insieme.

La torta di ciliegie è semplice da preparare? Alcuni, dando un’occhiata alla foto, potrebbero pensare di no, dal momento che il suo aspetto ricorda le preparazioni dolciarie gourmet. Il procedimento è abbastanza laborioso, questo sì, ma rimane alla portata di tutti. L’importante è seguire con attenzione la ricetta rispettando i tempi e le giuste dosi. Agire in autonomia, magari con approssimazione o semplicemente “a occhio”, può compromettere il risultato finale.

Le particolarità della farina di avena

Uno degli ingredienti principali di questa torta di ciliegie è la farina di avena, che sostituisce la farina bianca. Il motivo di questa sostituzione è duplice: da un lato offre un sentore diverso cambiando quasi completamente l’elemento organolettico della torta, dall’altro rende la preparazione accessibile anche a chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine, infatti la farina di avena non contiene questa sostanza. L’assenza di glutine, ovviamente, non è l’unico pregio della farina di avena. Anzi, dal punto di vista delle caratteristiche nutrizionali è davvero un alimento da prendere in considerazione e da apprezzare.

Torta di ciliegie

Il riferimento è in particolare all’apporto di proteine, che è superiore a quello del grano e si attesta a 17 grammi ogni 100. Importante è anche la presenza di fibre, che rappresentano circa l’11% dell’intero prodotto. Questa caratteristica rende la farina di avena un alimento in grado di stimolare il metabolismo e, in alcuni casi, risolvere la stipsi. Ottimo è anche l’apporto di sali minerali, e in particolare di ferro e di calcio. Infine le capacità panificatorie della farina di avena sono buone, per quanto leggermente inferiori a quelle della farina di grano. Anche per questo motivo, è bene associarla ad un addensante naturale come l’amido di mais (anch’esso senza glutine).

I tanti vantaggi nutrizionali delle ciliegie

Le ciliegie sono le indiscusse protagoniste di questa torta. Esse vengono impiegate più volte nel corso del procedimento. In primis sotto forma di estratto per realizzare l’impasto, secondariamente da intere per applicare la decorazione finale. Insomma, l’impatto è notevole sia in termini di sapore che estetico. Le ciliegie sono tra i frutti più amati dagli italiani e sono anche oggetto di celebri proverbi. Ma non si limitano a essere buone, sono anche salutari. Il riferimento, in particolare, è alla concentrazione di potassio che eguaglia (quasi) quello della banana (frutto associato a questa sostanza), pari a 229 mg per 100 grammi.

Tra i tanti sali minerali che apportano le ciliegie, figurano anche il calcio e il fosforo. Sono presenti in dosi minori, invece, il potassio, il sodio e il magnesio. Per quanto riguarda le vitamine, vasegnalata la presenza della vitamina C e, in misura minore, le vitamine del gruppo B. Tra le tante proprietà delle ciliegie, spicca la stimolazione del sistema immunitario, ma anche la capacità di prevenire le malattie cardiovascolari. Ciò è dovuto principalmente alla presenza di antiossidanti come i flavonoidi. Le ciliegie sono famose anche per le loro proprietà antireumatiche, disintossicanti, depurative e anti-arteriosclerosi. Per quanto riguarda l’apporto calorico, invece, siamo su livelli bassi: 50 kcal per 100 grammi.

Ecco la ricetta della torta di ciliegie:

Ingredienti:

  • 160 gr. di farina di avena;
  • 100 gr. di amido di mais;
  • 16 gr. di lievito;
  • 200 gr. di zucchero di canna;
  • 250 gr. di uova (circa 5);
  • 40 gr. di sciroppo di amarena;
  • 40 gr. di acqua calda;
  • 20 gr. di estratto di ciliegie in polvere;
  • 160 gr. di olio di riso;
  • 2 gr. di sale;
  • q. b. di ciliegie per decorazione.

Preparazione:

Per la preparazione della torta di ciliegie iniziate setacciando la farina di avena insieme all’amido e al lievito. Sciogliete lo sciroppo di amarena e l’estratto di ciliegie nell’acqua calda e fate raffreddare. Separate i tuorli dagli albumi. Unite i tuorli allo zucchero e al sale mescolando fino a ricavare un composto spumoso. Unite anche l’olio di riso e l’acqua di sciroppo di amarena e ciliegie. Aggiungete infine anche le farine (setacciate ovviamente) e mescolate per bene il tutto. Montate gli albumi a neve ferma e unite gradualmente al composto precedentemente realizzato.

Versate questo impasto nello stampo e fate cuocere in un forno preriscaldato a 180 gradi per 40-50 minuti. Fate raffreddare e decorate con le ciliegie. Potete applicare le decorazioni come meglio preferite, ma io vi consiglio di riprodurre l’effetto che vedete in foto, disponendo quindi le ciliegie in maniera uniforme su tutta la superficie, una per volta.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

02-05-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Farina di cicerchia

Farina di cicerchia, un ingrediente da rivalutare

Cos’è la farina di cicerchia e quali sono le sue caratteristiche La farina di cicerchia è un ingrediente poco impiegato nella cucina italiana. Il motivo è semplice in quanto ad essere poco...

Mais Rostrato Rosso

Mais Rostrato Rosso di Rovetta, una varietà pregiata

Le origini del mais Rostrato Rosso di Rovetta In questo spazio vorrei parlare del mais Rostrato Rosso di Rovetta, un prodotto tipico della nostra terra e che solo ora, dopo più di un secolo dalla...

farine in casa

Silenzio si macina: come e perché farsi le...

Preparare le farine in casa è sempre una buona idea! Forse non avevate mai pensato di preparare le farine in casa, anche perché al supermercato le troviamo tutte (o quasi) già pronte. Tuttavia,...

farina di mais blu

Farina di mais blu: un benessere psico-fisico  

Scopri perché dovresti mangiare la farina di mais blu La farina di mais blu è un prodotto davvero speciale, non convenzionale, che il mercato ha messo a disposizione a tutti noi consumatori...

Farina di mais bianco

Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in...

Le imperdibili proprietà nutrizionali della farina di mais bianco Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in cucina. Il mais bianco è una vera panacea per chi ama la cucina fai da te sana e...

gofio

Gofio, anche senza glutine: ne avete sentito parlare?

Il gofio senza glutine, un alimento tutto da scoprire Il gofio senza glutine, che per l’esattezza si chiama “Gofio Canario”, è un alimento che la Commissione Europea ha incluso nel suo...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti