Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena
Commenti: 0 - Stampa

Tisana alla verbena, altro che camomilla

La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come tutte le tisane del resto, ma dalle grandi capacità depurative. Merito dell’ingrediente principale, ossia della verbena.

La verbena è una pianta perenne erbacea annuale, utilizzata per la maggior parte come ornamento, ma che può dire la sua anche in ambito gastronomico. SI utilizzano sia foglie e fiori. I fiori della verbena sono molto belli, armoniosi nelle forme e suggestivi nelle tonalità cromatiche, che viaggiano sulle sfumature del viola.

Dal punto di vista botanico, la verbena preferisce i luoghi assolati, o perlomeno luminosi. Non gradisce però il vento e, soprattutto, non tollera le basse temperature. In quanto a suolo, preferisce quelli morbidi, porosi e molto ricchi.

Dunque la verbena è abbastanza esigente. Ciò non significa, però, che sia difficile da coltivare, anche perché non richiede molta acqua se non nei mesi di grande calura. Durante l’inverno, invece, le annaffiature vanno ridotte di molto.

La semina e le differenti specie di verbena

Per quanto riguarda le tempistiche della semina della verbena, utilizzata per la nostra tisana depurativa, dovrebbe avere luogo nel periodo tra febbraio e marzo. La raccolta avviene poco dopo, a partire da giugno e può durare fino a settembre.

Esistono molte varietà di verbena, alcune impiegate a scopo curativo, altre in ambito gastronomico, altre ancora con finalità ornamentali. Una varietà versatile, che va bene per tutto, è la verbena officinalis, che può essere protagonista di tisane, anche se viene usata spesso per usi esterni.

In ambito ornamentale la verbena migliore è la peruviana, che tra l’altro produce dei fiori di un bel rosso acceso. La verbena è la classica pianta da giardino. E’ utile, è versatile, decora e impatta sugli spazi outdoor.

Non pone in essere alcun rischio, persino se il giardino è frequentato da animali domestici. Infatti, non è dannosa per cani e gatti. Di base, quindi, non presenta alcuna controindicazione, inoltre non si segnalano allergie o intolleranze alla verbena.

Tisana alla verbena

Le proprietà officinali della verbena

La tisana alla verbena si caratterizza per le ottime proprietà nutrizionali, che sfociano nell’ambito terapeutico. Di base alla verbena viene assegnata un’azione ansiolitica (calmare gli stati d’ansia), calmante e antistress e tonificante per il sistema nervoso. Non è un sedativo a livello della camomilla, ma è molto utile per chi vuole sciogliere le tensioni.

La verbena si fa apprezzare anche per le capacità antinfiammatorie e antimicrobiche. Esse, combinate assieme, fanno della verbena il classico rimedio naturale della nonna per la risoluzione delle piccole affezioni dell’apparato respiratorio superiore, ossia in caso di mal di gola e tosse.

E’ a suo modo efficace anche per alleviare i sintomi della sinusite e dell’asma. In virtù della sua capacità anti-staminica, può giocare un ruolo importante anche nel contrasto al prurito.

Se trattata sotto forma di tisana la verbena è depurativa, infatti riesce a trasmettere i principi attivi in grado di depurare fegato, reni e vie urinarie. E’ in grado anche di alleviare la ritenzione idrica, un disturbo in grado di compromettere il tenore di vita.

E’ attestata, poi, l’azione di contrasto ai parassiti intestinali. Preparare la tisana alla verbena è molto semplice. Anzi, la ricetta è in linea con quella delle altre tisane. A tal proposito, però, vanno utilizzate le foglie, che racchiudono quasi tutti i principi nutritivi.

La tisana alla verbena può essere utilizzata nel modo classico, ovvero calda, ma può diventare anche una bevanda rinfrescante. In questo caso, basta riporla in frigorifero e decorare con un po’ di menta al momento del servizio.

I principali usi della verbena

Come buona parte delle piante officinali, la verbena può essere impiegata per l’uso interno e esterno. Nel primo caso, come già accennato, vengono realizzate rilassanti e depurative tisane, proprio come la tisana alla verbena. Tuttavia è possibile realizzare anche degli ottimi decotti, che si caratterizzano per un sapore più intenso e per un’abbondanza spiccata di principi nutritivi.

Per inciso, il decotto altro non è che una variante della tisana in cui l’ingrediente principale viene bollito insieme all’acqua. Poco attestato, invece, è l’uso della verbena in cucina. I suoi fiori sono comunque commestibili, dunque potrebbero essere essiccati e utilizzati come decorazione di dolci, dessert, mousse etc. In questo caso, andrebbero essiccati, in un luogo secco e asciutto, al riparo dalla luce del sole.

Per quanto concerne l’uso esterno, la verbena è apprezzata soprattutto nella cosmetica. A partire da questa pianta, vengono realizzate lozioni di carattere dermatologico, in grado di curare le infiammazioni della cute, le irritazioni e persino gli eczemi. Dalla verbena, poi, si estrae un buon olio essenziale, impiegato soprattutto come analgesico.

Le foglie, infine, vengono utilizzate come impacco. L’uso massiccio della verbena nella medicina naturale ed erboristica non deve stupire, d’altronde le sue proprietà sono davvero evidenti e conosciute da molto tempo. Anzi, in passato, la pianta era considerata sacra per gli egizi e per i greci, in virtù dei benefici che apporta.

La mia nutrizionista mi ha consigliato la tisana alla verbena e quella alla melissa per disintossicare l’organismo dal nichel.  Mio marito per questo motivo me l’ha piantata in giardino.

Ecco  la ricetta della tisana alla verbena:

Ingredienti:

  • 1 lt. di acqua,
  • q. b. di foglie di verbena.

Preparazione:

Per la preparazione della tisana  alla verbena iniziate versando l’acqua in un pentolino e portandola a bollore. Poi spegnete la fiamma e immergete nell’ acqua bollente le foglie di verbena. Lasciate in infusione per circa 10 minuti a fuoco spento.

All’occorrenza, se volete consumarla fredda, potete arricchirla con alcune foglie di menta. Consiglio di non dolcificarla. Per intensificare e massimizzare gli effetti della verbena, consumate al massimo due tazze al giorno di questa tisana per almeno un mese.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti