Agliata, una salsa perfetta per insaporire tantissmi piatti

Tempo di preparazione:

L’aglio è pianta erbacea perenne, ma in coltura dura un anno; la raccolta è autunnale, perché i bulbi vengono estirpati quando sono giunti a completa formazione; la riproduzione avviene per mezzo dei bulbilli, cioè degli spicchi (8-14) di cui è composto il «bulbo» o «testa».

Comprende varietà a tunica bianca, rosea (primaticce) ed anche di color malva: la più diffusa in Italia è la «bianca comune» rustica e ben conservabile mediante le lunghe «reste» (trecce) tradizionali.

Consigli per consumare l’aglio

Prima di elencare gli ingredienti dell’agliata è il caso di dare qualche consiglio generale. Per consumare l’aglio, è necessario asportare accuratamente dagli spicchi le parti nelle quali appaiono macchie, poiché queste causano cattivo sapore. Dopo aver separato i bulbilli si toglie la tunica (pellicola): ciò può essere facilitato appoggiando le due punte dello spicchio su una superficie rigida e premendo con il pollice. Perché l’aglio sprigioni tutto il suo aroma occorre schiacciarlo un po’ prima dell’uso, liberando l’olio essenziale. L’aglio fresco è da preferirsi ai vari estratti, in polvere o liquidi, offerti in commercio e nei quali i processi di lavorazione tolgono spontaneità al prodotto.

Il dissidio fra quanti amano l’aglio e quanti lo detestano è antichissimo e inconciliabile: vi furono popoli che adorarono questo bulbo, attribuendogli, a ragione, virtù medicamentose, e re e imperatori pronti a punire chi si fosse presentato davanti a loro dopo aver mangiato dell’aglio.

Come aromatizzante, l’aglio è elemento insostituibile in gran parte delle cucine popolari del Mediterraneo (ma si impiega anche in ricette della grande cuisine).

Alla scoperta delle proprietà dell’aceto bianco

Questa versione gluten free dell’agliata è una vera delizia! Fra gli ingredienti è possibile includere anche l’aceto bianco, caratterizzato da proprietà molto importanti. Esistono diverse tipologie di aceto bianco. Tra i benefici più interessanti di questo ingrediente è possibile ricordare la capacità di accelerare il metabolismo e di ridurre il senso di fame, il che è ottimo per la salute.

Questa peculiarità riguarda soprattutto l’aceto di mele che, grazie all’importante contenuto di pectina, favorisce il controllo del colesterolo cattivo nel sangue, con vantaggi considerevoli per la salute dell’apparato cardiovascolare. Le proprietà benefiche dell’aceto bianco non finiscono certo qui! Sto parlando infattti di un ingrediente fondamentale da sempre per la medicina naturale.

Non bisogna dimenticare che, per diverso tempo, l’aceto di mele è stato utilizzato come rimedio contro la tosse, in virtù dei suoi effetti sedativi. Non c’è che dire: mettendo in primo piano la creatività è possibile portare in tavola delle vere delizie e fare attenzione alle esigenze dei celiaci, senza trascurare le salse, che riescono sempre a dare carattere a un piatto!

Provare per credere! I vostri ospiti rimarranno estasiati!

Ingredienti per 4 persone:

  • 5 grossi spicchi d’aglio;
  • 1 dl di olio di oliva;
  • la mollica di ½ panino gluten free;
  • aceto bianco;
  • sale e pepe.

Preparazione

Spellate gli spicchi d’aglio e poneteli nel mortaio; pestateli in modo da ottenere un composto omogeneo, incorporate l’olio, facendolo scendere « a filo », come per la maionese. Continuate a pestare rimestando il composto fino ad ottenere una crema spessa ed omogenea.

Infine amalgamatevi la mollica di mezzo panino, bagnata in poco aceto di ottima qualità e poi strizzata.

Condite con una presa di sale, macinatevi sopra un poco di pepe, rimescolate accuratamente e quindi versate nella salsiera.

È una salsa molto appetitosa, assai usata in Liguria e in Provenza. È molto indicata ad accompagnare carni lessate, verdure o stoccafisso bollito. Non è certo adatta agli stomachi deboli.

Tempo di preparazione: 40 minuti

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *