bg header
logo_print

Crepes ai frutti di bosco, una ricetta veloce per celiaci

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crepes ai frutti di bosco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Crepes ai frutti di bosco, ne mangerei a volontà!

Preparo spesso le crepes ai frutti di bosco,  oltre ad essere  belli da vedere, sono  coloratissimi, e soprattutto sono  buoni da gustare. Ricchi di vitamina C,  sono ricchi  anche di fibre, acqua, sali minerali, sostanze fenoliche e fruttosio e sono degli ottimi antiossidanti.

Il termine “frutti di bosco” identifica frutti che crescono nello stesso habitat naturale o quindi alimenti di origine vegetale reperibili nel sottobosco.

Il primo riferimento ai frutti di bosco viene fatto proprio in un trattato di medicina sulle proprietà benefiche degli alimenti, redatto da Baldassarre Pisanelli (Trattato de’ cibi e del bere) nel 1583 in cui si illustrano le virtù delle more.

Il loro impegno in gastronomia è molto diffuso soprattutto come prodotto fresco che viene utilizzato per la preparazione di dolci, gelati, ma anche per la preparazione di primi e secondi piatti.

Ricetta crepes ai frutti di bosco

Preparazione crepes ai frutti di bosco

  • Mescolate le farine, aggiungete le uova e incorporate, poco a poco, il latte.
  • Aggiungete l’olio. Lavorate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Lasciate riposare un’ora. Fate cuocere a fuoco vivo sull’apposita padella, leggermente oleata, poi farcitele a piacere.
  • Mettete una crepes in un piatto da portata, spalmatela di marmellata e guarnite con i frutti di bosco poi continuate con un’altra crepes e spalmate di marmellata di un altro gusto.
  • Poi guarnite con frutti di bosco e fragole.
  • Procedete così fino ad esaurimento delle crepes.
  • Servitele subito decorando a piacere con qualche fogliolina di menta

Per questa preparazione potete usare una pentola antiaderente oppure una crepiera.

Ingredienti crepes ai frutti di bosco

  • 125 gr. di farina di mais
  • 125 gr. di farina di riso integrale
  • 500 ml. di bevanda di riso
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio di olio di semi di girasole
  • q. b. di confettura di frutti di bosco
  • q. b. di frutti di bosco freschi e fragole
  • qualche fogliolina menta.

Crepes ai frutti di bosco, una soluzione per celiaci e non

Le crepes ai frutti di bosco sono una variante delle classiche crepes dolci, pensate soprattutto per chi soffre di celiachia. Sono realizzate con farine alternative, che non contengono glutine. Tuttavia, sono così buone da piacere anche a chi non soffre di questi disturbi.

Per quanto concerne la preparazione è tutto molto semplice: basta mescolare tra di loro tutti gli ingredienti e completare con l’olio. Dopo una veloce fase di impasto si lascia riposare il tutto per un’ora. L’impasto in realtà è una soluzione molto densa, va poi cotto in una padella antiaderente o in una crepiera.

Se lo avete a disposizione utilizzate una l’apposito stendi-crepes, altrimenti procedere con il dorso di un cucchiaio. E’ importante, comunque, che l’impasto si distribuisca in modo uniforme, formando uno strato molto sottile. Una volta cotte, le crepes vanno guarnite  prima con la confettura e poi con i frutti di bosco.

Due farine buone e dall’ottima resa

Parliamo ora delle farine che compongono l’impasto delle crepes ai frutti di bosco, ovvero la farina di riso e quella di mais. Che si trovino insieme non stupisce affatto, infatti vengono impiegate da decenni per la preparazione di impasti gluten-free. Questo tipo di farine propongono una nota delicata e spiccano per le loro proprietà nutrizionali. Il riso, inoltre, è povero di grassi e ricco di amido, che negli impasti torna molto utile.

Per inciso, la ricetta suggerisce l’uso della farina di riso integrale, che rispetto a quella classica conferisce una nota più rustica, oltre a caratterizzarsi per l’apporto di fibre.

Potreste optare anche per una soluzione diversa, che magari faccia uso di farine sui generis. Il grano saraceno, per esempio, offre un sapore ancora più rustico, mentre la quinoa offre una nota allo stesso tempo leguminosa ed esotica.

Perché è meglio usare il latte di riso?

La ricetta delle crepes ai frutti di bosco non si propone solo in funzione anti-celiachia, ma anche anti intolleranza al lattosio. Infatti, richiede l’impiego non già del latte vaccino, bensì del latte di riso. Perché questa scelta? Tanto per cominciare, vista la comune origine, si sposa alla perfezione con la farina di riso. In secondo luogo perché propone un sapore particolare, a metà strada tra il dolce e il cerealicolo. La sua presenza è poi giustificata dalla resa, che almeno per questo tipo di impasto è più che soddisfacente.

Il latte di riso costituisce un’alternativa migliore rispetto al latte vaccino delattosato, che tende ad assumere un sapore più zuccherino. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali il latte di riso è davvero ottimo, benché sia molto diverso dal latte “normale” anche da questo punto di vista. Ad ogni modo contiene meno proteine e meno calcio. In compenso troviamo però buone dosi di vitamina C ed altre sostanze nutritive interessanti.

L’aromatico tocco della menta nelle crepes ai frutti di bosco

Nonostante una lista di ingredienti ben pensata, e fatta da alcuni elementi di novità, le crepes ai frutti di biscotto sono uno spuntino semplice. La guarnizione è creativa e ben azzeccata grazie all’uso della menta. La menta è in genere considerata come un ingrediente per piatti salati (spesso ortaggi), ma può dire la sua anche nelle preparazioni dolci. Nelle crepes ai frutti di bosco la menta aromatizza con le sue note fresche e pungenti allo stesso tempo, inoltre offre qualche suggestivo tocco di verde.

La menta apporta il consueto bagaglio nutritivo delle piante aromatiche fatto di sali minerali e vitamine. Tuttavia è ricca anche di antiossidanti, a partire dal mentolo che ne determina l’aroma. Il mentolo fa bene ai denti e all’alito, ma è anche un ottimo antiossidante. In ragione di ciò riduce il rischio di contrarre il cancro e rallenta l’invecchiamento.

Come preparare la confettura ai frutti di bosco?

La confettura ai frutti di bosco gioca un ruolo importante per queste crepes in quanto forma la farcitura, o almeno la sua componente più fluida. Potete acquistare la confettura ai frutti di bosco scegliendo tra quella alle more, ai lamponi ed ai mirtilli. Potete però realizzarla in casa, trarrete maggiore soddisfazione e avrete pieno controllo sulla qualità.

Qui sul sito ho pubblicato spesso ricette di confetture ai frutti di bosco, per esempio la confettura di more. I procedimenti sono gli stessi e niente affatto complicati, se non in merito alle tempistiche. Ad esempio, quando occorre spegnere il fuoco? Il momento ideale è quando la prova del piattino riesce, a tal proposito mettete un po’ di confettura su un piattino e inclinatelo. Se la confettura si muova molto lentamente, allora è pronta.

Per le crepes ai frutti di bosco quali sono i migliori?

I frutti di bosco più comuni sono:

  • Le more di rovo: crescono selvatiche nelle campagne e nei boschi e maturano  in estate.  Vanno mangiate appena colte perché sono facilmente deperibili. Sono ricche di vitamina C, di vitamina E, di acidi organici, di fibra, di potassio e di manganese. Svolgono un’ antiossidante e fanno bene al cuore e alle arterie.
  • I lamponi, crescono tra gli arbusti  ai margini dei boschi, nelle radure o nelle praterie di montagna. Si raccolgono a piena maturazione in un periodo compreso tra fine estate e inizio autunno.Il frutto,  dal  sapore dolce-acidulo, è  ricco di vitamina C, vitamina A, potassio, calcio, magnesio, fibre e acido folico. Utile contro le infiammazioni articolari grazie alla sua azione diuretica, ha buone virtù toniche ed è consigliato ai diabetici e a chi soffre di reumatismi.
  • I mirtilli sono una bacca  dal colore rosso o nero-bluastro, dal sapore acidulo,  che cresce spontaneamente nelle foreste di montagna fino a un’altezza di circa 2300 metri. Si raccoglie nei mesi di luglio e agosto ed  è ricco di virtù: antinfiammatorio, antiossidante, antibatterico, rinfrescante, astringente, tonico e diuretico. Questa piccola bacca è utilissima per rinforzare i capillari delle gambe e del viso ed è ottima per combattere la stanchezza oculare, contiene vitamina A e C, acido citrico e malico, mirtillina, fosforo, calcio e manganese.
  • Le fragoline di bosco, sono profumatissime, molto diffuse nel nostro territorio e sono considerate una vera prelibatezza..  Le fragoline di bosco sono ricche di vitamina C, iodio, ferro, calcio e fosforo, sono indicate per combattere le infiammazioni del cavo orale e la loro pianta è ricca di oli essenziali, tannino e flavone. Come erba medicinale la fragolina di bosco può essere impiegata per alleviare i disturbi gastrointestinali.
  • Il ribes, invece, è un frutto costituito da piccole bacche unite in grappoli di colore rosso, bianco (l’uva spina) e nero. Ha il sapore dolce e acidulo,  e si raccoglie da maggio a dicembre, anche se la maturazione completa avviene tra  a luglio e  agosto. I ribes contengono zuccheri, vitamine A e C e potassio, utile per mantenere i muscoli scattanti e alleviare i crampi.

Ricette crepes ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...