logo_print

Brodo cinese, un elisir di lunga vita

brodo cinese
Stampa

Brodo cinese, un elisir di lunga vita. Ricordo esattamente il giorno in cui ho cominciato ad apprezzare la cucina cinese, e immagino che vogliate conoscere il perchè di questa mia certezza. Il mio primo fidanzatino, Maurizio, lavorava come cameriere in un ristorante cinese e la sera del mio compleanno nel lontano 1975 mi invito’ a cena. Di primo impatto non mi piacque nulla e mi accontentai di un brodo e una zuppa di mais…

Ma con il passare dei giorni ho imparato ad apprezzare tutto di questa cucina che è ben diversa da quella che troviamo nella maggior parte dei ristoranti cinesi in Italia,. Ho capito che è una una affascinante ed antichissima filosofia di vita

La cucina cinese non è certo un sinonimo di cucina veloce, economica. Ma non nemmeno di bassa qualità come quella che si trova molto spesso qua da noi. Per il popolo cinese l’alimentazione è così importante che viene studiata da molti medici e nutrizionisti che vivono nella convinzione che sia uno dei modi principali per migliorare la propria salute ed vivere più a lungo.

Il brodo cinese non puo’ mancare nella loro cucina

Bao Zi cinese, cotto al vapore. La tradizione vuole che venga mangiato anche durante i pasti principali

I Cinesi dicono che in una casa ben fornita devono esserci sette cose: olio, salsa di soia, aceto, riso, sale e te. A questi elementi essenziali aggiungeremo, per una cucina più raffinata: aglio, zenzero fresco, scalogni, porri ed erba cipollina, sesamo, coriandolo, salsa di ostriche.Questo brodo è indispensabile per moltissime preparazioni cinesi. E’ lui infatti a dare quell’inconfondibile sapore ai piatti.

Durante i pasti quotidiani, i cinesi servono sempre una zuppa insieme agli altri piatti. Nei pranzi più formali la stessa viene presentata a fine pasto, op­pure a metà di quest’ultimo, come «elemento neu­tro» tra una portata e l’altra con lo scopo di. .. puli­re la bocca. Tuttavia nessuno vi impedisce di servi­re la minestra all’uso occidentale, ovvero come ini­zio di pranzo. C’è anche un altro sistema per servi­re una zuppa, adottato dalla maggior parte delle donne cinesi: si unisce un po’ di acqua calda o di brodo agli avanzi del piatto principale e si serve il tutto in chiusura di pasto.

Ed ecco la ricetta del Brodo cinese

Ingredienti per 4/6 persone

  • 450 gr pollo
  • 450 gr costine di maiale

Preparazione

La tradizione cinese vuole che il brodo migliore sia quello ottenuto da una lunga bollitura di pollo o ana­tra o ancora stinco di maiale o prosciutto. Dopo 4 ore circa, quando il liquido si sarà ridotto di alme­no un terzo, il brodo verrà filtrato e gli ingredienti scartati. Naturalmente questo è un brodo molto co­stoso, soprattutto ai nostri tempi, quindi potrete mo­dificarlo un pochino usando gli ingredienti indicati.

Mettete 2,75 litri di acqua in una grossa pentola, por­tate il liquido a ebollizione, salatelo poi immergete­vi la carne di pollo a pezzi e le costine di maiale. Coprite il recipiente, riportate il liquido all’ ebollizio­ne, e rimuovete con un mestolo forato la schiuma in superficie. Abbassate la fiamma, spostate legger­mente il coperchio e lasciate cuocere il brodo per al­meno 2 ore. Lasciatelo intiepidire poi filtratelo. Quando sarà ben freddo rimuovete tutto il grasso che si sarà formato in superficie. Questo brodo si manterrà in frigorifero per una settimana circa; in­vece, se tenuto a temperatura ambiente, è bene che sia usato entro 3 giorni.


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti