Quadrucci con ceci, un primo rustico e proteico

Quadrucci con ceci
Commenti: 0 - Stampa

Quadrucci con ceci, quando la semplicità è sinonimo di gusto

I quadrucci con ceci sono un piatto della tradizione marchigiana. Possono essere considerati un primo semplice e rustico, che riconcilia con i sapori più genuini e, allo stesso tempo, regala molto nutrimento. Per inciso, i quadrucci all’uovo sono dei piccoli quadratini di sfoglia realizzati con un impasto a base di farina, acqua, sale e ovviamente uovo. Si trovano tranquillamente al supermercato, ma sono facili da preparare anche in casa.

La ricetta è molto semplice e alla portata di tutti, Si tratta, infatti, di cuocere la pasta nel condimento stesso, proprio come accade in tante altre ricette di zuppe. Nello specifico, è necessario lessare i ceci dopo un lungo periodo di ammollo e completarne la cottura in un soffritto di cipolle, carote e sedano. Qualche mestolo di acqua calda, una bella passata di pomodoro et voilà, il condimento è pronto per ospitare la pasta. Come potete intuire dal procedimento, la ricetta è semplice ma richiede del tempo, un aspetto che riguarda molte altre zuppe.

Tutto il valore nutrizionale dei ceci

I protagonisti dei quadrucci sono proprio i ceci, dei legumi tra i più amati in assoluto, che si fanno apprezzare per il gusto corposo e versatile, oltre ad una buona digeribilità ed un ottimo apporto nutrizionale. I ceci, per esempio, contengono sia le proteine che i carboidrati, configurandosi come degli alimenti davvero completi. Analogamente sono ricchi di vitamina A, B, C, E e K. Per inciso, la vitamina C rafforza il sistema immunitario, invece la vitamina K agisce sull’apparato cardiovascolare e funge da antiossidante. Quest’ultima, dunque, riduce lo stress ossidativo e contribuisce alla prevenzione dei tumori.

quadrucci

Ricco è anche l’apporto dei sali minerali, che comprende il calcio, il fosforo, il magnesio, il potassio e lo zinco. Quest’ultimo, quasi alla stregua della vitamina C, agisce sul sistema immunitario. I ceci contengono anche molto ferro, in una misura che non fa rimpiangere le lenticchie (un alimento “ferroso” per eccellenza). I ceci sono dunque molto nutrienti, e lo sono anche in una prospettiva di leggerezza. Infatti l’apporto calorico è abbastanza equilibrato, pari a 365 kcal ogni 100 grammi. Può sembrare molto, ma sappiate che un etto è sufficiente per due o tre porzioni. I ceci esercitano anche alcune proprietà salutari, infatti aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e la glicemia. Un’ottima notizia per i diabetici e per chi sta facendo una dieta dimagrante.

Quali condimenti utilizzare per questa ricetta?

Come già accennato uno dei pregi dei quadrucci con ceci è la semplicità. Ne consegue che i condimenti sono pochi, ma ben scelti. Oltre ai ceci, di cui abbiamo abbondantemente parlato, tra i condimenti figura la polpa di pomodoro, che fa la sua bella “figura” sia in termini cromatici che organolettici. Senza dimenticare il soffritto, che fa da base ai ceci, quest’ultimo è realizzato con carote, sedano e cipolle. A impattare è anche il pecorino, che interviene in due momenti: nella fase di guarnizione (quando viene “sventagliato” per dare un tocco di sapore finale) e nella fase di cottura, ovvero due o tre minuti prima di spegnere la fiamma. Lo scopo è quello di rendere più cremoso il tutto e più gradevole al palato.

Questo formaggio viene impiegato anche come condimento vero e proprio, d’altronde stiamo parlando di un’eccellenza della nostra tradizione lattiero-casearia, sebbene declinata localmente in molti modi diversi. Il pecorino è anche un formaggio ricco di nutrienti, infatti contiene una quantità di proteine che non fa assolutamente rimpiangere agli altri prodotti. E’ anche ricco di calcio e presenta tracce di vitamina D. Il pecorino è salato, come sicuramente saprete, ed è utilizzato anche in virtù di questa caratteristica, infatti permette di salare le preparazioni e, allo stesso tempo, aggiungerne gusto. Per quanto concerne l’apporto calorico siamo nella media, ossia 387 kcal su 100 grammi di prodotto, più o meno come il Parmigiano.

Ecco la ricetta dei quadrucci con ceci:

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 gr. di quadrucci all’uovo,
  • 250 gr. di ceci secchi,
  • mix per soffritto (cipolla, sedano, carota),
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro,
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe,
  • 60 gr. di pecorino grattugiato.

Preparazione:

Per la preparazione dei quadrucci con ceci iniziate immergendo i ceci in acqua fredda e lasciandoli in ammollo per circa 12 ore. Trascorso questo lasso di tempo lavate i ceci, poi bolliteli in acqua leggermente salata per circa 50 minuti. Ora tritate il sedano, la carota e la cipolla, poi soffriggetele a fiamma bassa insieme a due cucchiai di olio. Unite i ceci cotti e pochi mestoli di acqua calda. Fate bollire e lasciate andare per 30 minuti circa. In questa fase, se volete, potete inserire qualche foglia di alloro e un po’ di pepe. A questo punto integrate la passata di pomodoro.

Ora aggiungete i quadrucci all’uovo e continuate così per 15 minuti affinché la pasta risulti cotta. Se vedete che il contenuto della pentola si sta asciugando troppo, integrate con qualche mestolo di acqua calda. Due minuti prima che la pasta sia cotta, mantecate con del pecorino grattugiato. Servite i quadrucci con ceci quando sono ancora caldi, guarnendo con un po’ di olio extravergine di oliva e di pecorino grattugiato.

5/5 (478 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...

13-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti