bg header
logo_print

Pizza in padella senza lievito, una ricetta facile e gustosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pizza in padella senza lievito
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Pizza in padella senza lievito, un’idea veloce e facile da realizzare

La pizza in padella senza lievito è una versione particolare della pizza classica. Come suggerisce il nome propone un metodo di cottura rapido, che rende molto se viene eseguito correttamente.

Per certi versi la consistenza e l’aspetto ricordano le tradizionali piadine, anch’esse cotte in padella e farcite nei modi più vari. La ricetta, per quanto innovativa e adattata, rispecchia lo spirito originario della pizza, dunque può regalare molte soddisfazioni. A maggior ragione se si pensa alla farina con cui è realizzata, ovvero alla farina di farro integrale. 

Questo tipo di farina spicca per il sapore vagamente dolce che ricorda la frutta secca, allo stesso tempo esprime un carattere rustico molto intenso. L’unico vero difetto della farina di farro è la presenza di glutine, che ne preclude il consumo ai celiaci. Se soffrite di questa patologia potete pensare a un’alternativa altrettanto valida come la farina di grano saraceno, capace di esprimere dolcezza e rusticità.

Ricetta pizza in padella senza lievito

Preparazione pizza in padella senza lievito

  • Per preparare la pizza in padella senza lievito seguite questi passaggi.
  • In una ciotola molto grande versate tutti gli ingredienti dell’impasto e lavorateli fino ad ottenere un composto uniforme e liscio.
  • Avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e fatelo riposare fuori dal frigorifero per 30 minuti.
  • Trascorso questo lasso di tempo suddividete l’impasto in quattro parti uguali. Stendete ciascuna parte di impasto con il mattarello fino ad ottenere un impasto di pochi millimetri di spessore.
  • Poi scaldate una padella antiaderente e cuoceteci una parte di impasto per volta per 3 minuti circa.
  • Ora girate la pizza e conditela con la mozzarella, infine cuocete fino a quando la mozzarella non si sarà completamente sciolta.
  • Poi condite anche con la burratina (da porre al centro) e con la granella di pistacchi.

Per l'impasto:

  • 300 gr. di farina integrale di farro,
  • 180 gr. di acqua naturale,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • un pizzico di sale

Per il condimento:

  • 300 gr. di mozzarella consentita,
  • 1 burrata consentita,
  • q. b. di granella di pistacchi

Pizza cotta in padella? Sì può fare

Il metodo principale per la cottura della pizza è ovviamente nel forno a legna. E’ proprio in questo modo che si garantisce la proverbiale morbidezza, permettendo la formazione di un adeguato cornicione e conferendo “sentori di legna” che caratterizzano la pizza nella sua versione più pura. Tuttavia, altre soluzioni sono comunque consentite. In genere si pensa al forno statico, che spesso tende ad asciugare eccessivamente l’impasto e a determinare una croccantezza non sempre gradevole.

E allora perché non provare con la padella? Il pregio della cottura in padella risiede proprio nella possibilità di ridurre al minimo il tempo di cottura, e quindi replicare almeno in parte i vantaggi della cottura al forno a legna. Ovviamente è bene dotarsi di una padella adeguata, ossia una padella antiaderente con il fondo spesso. Solo in questo modo si potrà garantire all’impasto una cottura omogenea senza fare uso di grassi aggiunti: olio, burro o strutto.

L’importanza dell’olio nella pizza in padella senza lievito

L’olio è comunque presente nella ricetta della pizza cotta in padella, tuttavia fa parte solo ed esclusivamente dell’impasto. Per la precisione è necessario aggiungere un po’ di sale alla farina, poi si forma la classica montagnetta con il buco al centro e si riempie quest’ultimo con l’olio prima di impastare per bene. Una volta ottenuto un composto morbido, liscio e omogeneo, va avvolto nella pellicola alimentare e fatto riposare a temperatura ambiente per una mezz’ora abbondante.

Alla luce di ciò si può dedurre l’importanza dell’olio, che deve essere un olio extravergine di oliva di qualità. Come riconoscere un buon olio extravergine? Come prima cosa è necessario guardare all’aspetto, che deve essere brillante e limpido. Il sapore e il profumo, invece, devono ricordare il sentore tipico delle olive fresche. Per valutare al meglio il profumo non basta avvicinare il naso alla bottiglia, ma occorre spargere un po’ di gocce sui palmi delle mani, strofinarli leggermente e annusare a fondo.

Pizza in padella senza lievito

Come valorizzare la ricetta della pizza in padella senza lievito

Per questa pizza cotta in padella senza lievito ho pensato ad un condimento sfizioso, che vada oltre la semplice combinazione mozzarella-pomodoro. A tutti gli effetti la pizza che vi presento oggi è una pizza “bianca”, che conta soprattutto sui formaggi. Il condimento è formato dalla mozzarella (che va aggiunta a metà cottura) e da una burratina, che va posta al centro della pizza già pronta.

La burratina è una versione più piccola della burrata, un delizioso formaggio tipico delle Murge. La burrata è un formaggio di latte vaccino a pasta filata che si caratterizza per una sacca tondeggiante che contiene un ripieno cremoso e quasi spalmabile. Il sapore ricorda la mozzarella, ma rispetto a quest’ultima è più dolce e acidula.

La burrata è anche abbastanza calorica, infatti apporta circa 350 kcal per 100 grammi. Ciò è dovuto alla presenza di molti grassi, che raggiungono il 32%. Non mancano però le proteine (15%), il calcio e altri sali minerali.

Una guarnizione sfiziosa

La pizza in padella senza lievito vanta una guarnizione semplice ma d’impatto, formata principalmente dalla granella di pistacchi. Questo ingrediente conferisce l’elemento croccante alla pizza, contrastando gradevolmente con la consistenza e la morbidezza dell’impasto. Ovviamente la granella fornisce un surplus di gusto e qualche nota aromatica che valorizza i latticini senza coprirli.

Attorno al pistacchio gravitano alcuni pregiudizi, infatti si pensa che sia troppo grasso e faccia male alla salute. Che sia grasso non c’è dubbio, ma si tratta di grassi benefici utili al sistema cardiovascolare. L’apporto calorico, invece, è in effetti alto e si attesta sulle 560 kcal per 100 grammi. In compenso i pistacchi sono ricchi di minerali come il fosforo, il calcio, il magnesio, il potassio, il ferro, il manganese, lo zinco e il selenio.

I pistacchi contengono anche tanta vitamina E, che fa bene al sistema immunitario ed esercita una buona funzione antiossidante. Si segnalano anche discrete dosi di vitamina C e vitamina A (utile alla pelle e alla vista).

FAQ sulla pizza in padella senza lievito

Quale padella usare per cuocere la pizza?

La padella per cuocere la pizza dovrebbe essere antiaderente e avere un fondo molto spesso. In questo modo l’impasto non si attaccherà al fondo e non sarà necessario aggiungere l’olio, inoltre il calore si diffonderà in maniera omogenea. Ovviamente, prima di porre l’impasto la padella va riscaldata.

Come è meglio cuocere la pizza?

L’ideale sarebbe cuocere la pizza al forno a legna, una cottura che valorizza l’impasto senza stressarlo (il tempo di cottura medio è di circa 3-4 minuti). Se non avete a disposizione il forno a legna potete utilizzare il forno statico, che però tende a produrre pizze piuttosto alte e soffici. Infine, se gradite una pizza particolarmente piatta potete utilizzare la padella. Se la padella è abbastanza capiente e antiaderente avrete dei buoni risultati.

Dove far lievitare la pasta della pizza?

La pizza va fatta lievitare a temperatura ambiente. Dopo aver realizzato l’impasto modellatelo a forma di palla, poi avvolgetelo nella pellicola trasparente e attendete 30 minuti.

Ricette di pizza ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta di borragine e yogurt

Torta di borragine e yogurt, una quiche rustica...

Un focus sulla borragine Vale la pena entrare nel dettaglio di quello che è l’ingrediente principale di questa torta, ovvero la borragine. Si tratta di una pianta aromatica dal forte connotato...

Torta salata con fagiolini

Torta salata con fagiolini, una quiche rustica e...

Un focus sui fagiolini Vale la pena parlare dei fagiolini, che rappresentano il tratto distintivo di questa torta salata rispetto alle ricette della medesima categoria. I fagiolini sono teneri (se...

Calzone con formaggio cremoso e asparagi

Calzone con formaggio e asparagi, una rosticceria ottima

Quale formaggio scegliere per ottenere un calzone irresistibile? Nel calzone con formaggio e asparagi, la scelta del formaggio giusto è fondamentale per ottenere un calzone irresistibile. Tra le...