Una golosità? Pizza con zola, salamino e datterini

Pizza con zola salamino e datterini
Commenti: 0 - Stampa

Pizza con zola, salamino piccante e datterini: che eccezionale mix di sapori!

L’avvento dell’estate porta giovani e meno giovani a cercare fuori casa respiro dalle serate afose, e spesso a gustare all’aperto una buona pizza in compagnia degli amici. Tutto questo rappresenta una soluzione semplice per concludere al meglio la giornata e ideale per divertirsi e gustare un buon pasto. Tuttavia, se siete stanchi degli ingredienti classici e desiderate cercare nuovi abbinamenti, il mio consiglio è di provare la pizza con salamino piccante, zola e datterini!

Di certo il salamino potrà riscaldare gli animi, ma a rinfrescarvi ci penseranno i datterini. Poi, diciamola tutta, si tratta di una pizza talmente buona da farvi dimenticare il caldo: la bontà vi attirerà a sé e le vostre papille gustative potranno decisamente essere accontentate! Abbiamo tante altre buone ragioni per assaporare la pizza con zola, salame piccante e datterini… Andiamo a scoprirne alcune!

Ingredienti unici per un piatto perfetto sotto ogni punto di vista

Conoscete il pomodoro datterino? Sicuramente sì. In Italia, viene prodotto soprattutto in Sicilia e in particolare a Pachino, in provincia di Siracusa. È dolce e, nel contempo, presenta un sapore decisamente marcato, valorizzato dalla presenza di una buccia sottile e dalla ridotta quantità di semi. Conferisce alla pizza con salamino piccante e zola dei notevoli livelli di sali minerali, di vitamina A e vitamina C. Si tratta di un ortaggio ricco di antiossidanti e di altri micro e macronutrienti preziosi per l’organismo.

La pizza con salamino piccante, zola e datterini si delinea come l’unione di tre contrasti: dolce, piccante e salato… Se il dolce è dato dai datterini e il piccante ci viene regalato dai salamini, la cremosità e il salato ci vengono offerti sicuramente dal gorgonzola, un formaggio erborinato famosissimo per la sua composizione che prevede la presenza di muffe. Grazie alla sua stagionatura, è privo di lattosio, ma aggiunge comunque alla pizza tante altre sostanze nutritive.

Pizza con zola, salamino e datterini

Le altre proprietà della pizza con salamino piccante, zola e datterini

Un buon formaggio può cambiare le sorti di ogni pasto e, in questo caso, tocca al gorgonzola, che vanta insospettabili proprietà benefiche per il nostro organismo. Pur essendo sconsigliato ad ipertesi e a chi soffre di colesterolo alto, è un vero toccasana sotto moltissimi altri aspetti. Le sue muffe e i fermenti lattici danno alla pizza con salamino piccante, zola e datterini la possibilità di ottimizzare la flora batterica intestinale.

Questo formaggio erborinato è persino una buona fonte di calcio ed è ricchissimo di vitamine B2, B6 e B12 (importantissime per il sistema nervoso e quello immunitario), di proteine e anche di sali minerali quali calcio, sodio, magnesio, selenio e fosforo. Contrariamente alla credenza popolare, il gorgonzola è facilmente digeribile. Perciò, se amate questo alimento, certamente la pizza con salamino piccante, zola e datterini diventerà uno dei vostri piatti preferiti!

Ingredienti per 4/6 persone

Ingredienti per l’impasto:

  • 1/2 kg. di Bel paese Mix® Mix Pane e Pizza
  • 350 ml. di acqua
  • 20 ml di olio extravergine d’oliva
  • 10 gr. di lievito di birra
  • 10 gr. di sale

Per la farcitura

  • 200 gr. di passata di pomodoro
  • 300 gr. di datterini gialli
  • 300 gr. di zola Igor
  • 20 fette di salame piccante
  • 4 rametti di origano fresco
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q..b. sale

Preparazione

Lavate e tagliate i datterini a metà. Sciogliete il lievito nell’acqua e unite il Bel paese Mix® Mix Pane e Pizza, il sale e solo successivamente l’olio.

Manipolare fino ad ottenere un impasto elastico e lasciarlo riposare per 10 minuti. Stendete su una teglia oleata e lasciare lievitare per 1 ora circa.

Con l’aiuto di un cucchiaio, versatevi sopra il sugo di pomodoro in modo da formare uno strato sottile e quanto più omogeneo possibile.

A questo punto, fate cuocere la pizza per circa 5 minuti. Togliete dal forno e conditela con pezzettini di zola, fettine di salame piccante, datterini e qualche fogliolina di origano fresco. Terminate con l’olio e il sale.

Rimettete la teglia in forno per circa 10-15 minuti e proseguite la cottura, così che lo zola abbia il tempo di sciogliersi.

Tagliatela a fette e servite

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...

Torta salata con scarola

Torta salata con scarola, uno snack gustoso

Torta salata con scarola capperi e acciughe, una ricetta nichel free La torta salata con scarola, capperi e acciughe è un’idea particolare per una merenda salata gustosa e anti intolleranze. La...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti