Il segreto della pizza è l’mpasto: con o senza lievito.

segreto della pizza

Il segreto per una buona pizza è nella semplicità di una pasta ben lievitata, curata e ben cotta: con qualsiasi alimento la completiamo l’importante è che sia nelle giuste quantità  e di buona qualità.

Per ottenere un prodotto di qualità, le materie prime, debbono essere sempre fresche o ben conservate e debbono avere le seguenti caratteristiche:

  • L’acqua deve essere potabile e senza non troppo calcare
  • Il lievito puo’ essere usato fresco o secco
  • usare il sale marino.

Per il lievito da usare potete scegliere tra:

  • Usare il lievito madre da reperire presso un fornaio oppure fatelo da voi e tenetelo in frigo. In questo modo anche gli intolleranti al nichel non avranno problemi. E’ il metodo più antico e laborioso e più impegnativo.
  • Usare il lievito di birra fresco. Si compra nei negozi e ha una durata relativamente breve.
  • Usare il lievito di birra secco in granuli. Ha un durata maggiore e si conserva meglio in casa.

Quale sia il metodo migliore non lo sappiamo, occorre provare e in base ai propri gusti scegliere quello che si preferisce.

Il segreto della pizza è l’mpasto

Questo è un impasto tradizionale che non è adatto ai celiaci ovviamente, ma gli intolleranti al lattosio possono prepararla e mangiarla con serenità.

ingredienti  per 4 persone:

  • 500 g di farina di semola rimacinata di grano duro
  • 10 g di lievito di birra
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 250 ml di acqua

Preparazione:

Mettete la farina a fontana su di una spianatoia o un piano da lavoro e al centro versatevi metà dell’ acqua e cominciate ad impastare con le mani.

Intiepidite l’acqua rimasta e fate sciogliere il lievito poi versatelo nella farina e continuate ad impastare, aggiungendo il sale e l’olio, fino a che il composto risulterà liscio e compatto.

Formate 4 panetti, poneteli su un tagliere e lasciateli lievitare coperti da un telo pulito per 2 ore circa.

Re-impastate singolarmente i panetti lievitati e stendeteli, formando dei cerchi, e condite a vostro piacere.

Cuocete in forno caldo per 15 minuti.

Se volete fare una pizza senza lievito e senza glutine, lattosio e a basso contenuto di nichel  provate questo impasto:

Ingredienti per 4 persone

  • 2 tazze di farina di amaranto
  • 1 tazza di acqua tiepida
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 pizzico di sale

Preparazione:

In un recipiente mescolate tutti gli ingredienti con le mani e se la pasta si appiccica, aggiungete un po’ di farina di amaranto.

Lavorate bene l’impasto fino a quando non sarà bello morbido ed elastico. Stendete nella teglia leggermente oleata e lasciatela riposare nel forno spento, lontano da correnti d’aria per circa 1 ora.

A questo punto, condite a vostro piacimento e infornate a 250 gradi. Quando mancano 5 minuti prima della fine della cottura aggiungete la mozzarella e rimettete in in forno per ultimare la cottura.

Print Friendly, PDF & Email

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


01-03-2011
Scritto da: Tiziana Colombo

TI POTREBBE INTERESSARE

0 commenti su “Il segreto della pizza è l’mpasto: con o senza lievito.

  • Lun 14 Set 2015 | Mario ha detto:

    ma perché la pizza con la farina di grano duro??

    • Lun 14 Set 2015 | Tiziana ha detto:

      Salve Mario questa è una pizza non adatta ai celiaci o agli intolleranti al glutine ed è preparata per chi ha problemi di intolleranza al nichel e abbiamo provato a farla cosi

  • Sab 25 Giu 2016 | anna maria ha detto:

    ciao Tiziana, io uso spesso le farine di amaranto, miglio, quinoa ma sono costretta a “taglierle” perche’ lasciano un restrogusto molto amaro. vedo che tu molte volte le usi “pure”.. a te non capita che il prodotto che ne esce e’ amaro??

    • Sab 25 Giu 2016 | anna maria ha detto:

      volevo scrivere “tagliarle”.. scusa

    • Dom 26 Giu 2016 | Tiziana ha detto:

      Anna Maria io adoro il retrogusto che lasciano sia l’amaranto che la quinoa. Se le piace tagliarla con qualche altra farina perchè no! Lo dica anche a me che provo.

  • Mer 15 Mar 2017 | irene ha detto:

    Salve Tiziana mi sto avvicinando da poco al mondo farine diverse(x intolleranze varie)
    Vorrei fare la tua pizza all amaranto ma non dici x quanto tempo deve cuocere, e a 250 gradi non è un po troppo?
    Spero mi illumini grazie in anticipo

    • Mer 15 Mar 2017 | Tiziana ha detto:

      Irene io ho alzato proprio il forno al massimo di 250 ed è venuta buona e croccante

  • Lun 5 Giu 2017 | VALENTINA ha detto:

    Buongiorno, ho provato a fare la pizza con la farina di Amaranto, eventulamente si puo’ aggiungere il bicarbonato per farla lievitare un po’, e se si come?

    • Lun 5 Giu 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

      Onestamente non ho provato ma credo che mezzo cucchiaino nell’impasto possa funzionare! fammi sapere

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI