bg header
logo_print

Tartellette con crema pasticcera all’arancia, una delizia

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tartellette con crema pasticcera all’arancia
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Tartellette con crema pasticcera all’arancia, degli ottimi dolcetti senza glutine

Oggi prepariamo le tartellette con crema pasticcera all’arancia, dei dolci che esprimono una certa eleganza ma che spiccano per il gusto e per l’aroma. Possono essere considerate come una versione più raffinata delle classiche crostatine, infatti sono realizzate con la frolla e con un ripieno morbido e aromatico.

La frolla è anche gluten-free, quindi è perfetta per i celiaci. E’ realizzata con la farina di riso, che è notoriamente delicata oltre che efficace in termini di resa. Allo stesso tempo la crema pasticceria è addensata con la fecola di patate, anch’essa priva di glutine.

Queste tartellette dolci sono anche a prova di intolleranza al lattosio. Il latte intero, infatti, è sostituito dalla versione delattosata, che ha un sapore leggermente più dolce. Il processo di rimozione del lattosio è del tutto naturale, basta aggiungere un po’ di enzima lattasi nel latte, in modo da scindere la sostanza incriminata in due zuccheri semplici e facilmente digeribili.

Ricetta tartellette con crema pasticcera

Preparazione tartellette con crema pasticcera

  • Per preparare le tartellette con crema pasticcera iniziate dall’impasto. In una ciotola versate la farina di riso, la fecola di patate e un po’ di sale (giusto un pizzichino). Poi mescolate per bene il tutto.
  • Ora incorporate il burro freddo fatto a cubettini, mescolate ancora e lavorate con le dita in modo da ottenere un impasto sbricioloso.
  • Unite lo zucchero a velo, l’uovo, l’estratto di vaniglia e la scorza di arancia grattugiata. Infine impastate per ottenere un composto uniforme.
  • Poi coprite l’impasto con pellicola alimentare e lasciatelo in frigo per mezz’ora.
  • Trascorso questo lasso di tempo stendete l’impasto su un piano di lavoro infarinato, ritagliatelo e foderate degli stampini a forma di tartelletta. Ricordatevi di fare dei buchi superficiali con la forchetta, un accorgimento necessario affinché la frolla non gonfi in fase di cottura.
  • Cuocete le tartellette in forno preriscaldato a 180 gradi per 15-20 minuti fino a quando non risultano dorate. Infine, lasciatele raffreddare.
  • Ora passate alla crema pasticcera. Spremete il succo dalle arance e grattugiate la buccia.
  • In una pentola versate il latte e la buccia grattugiata. Poi riscaldate fin quasi all’ebollizione e rimuovete la scorza.
  • In una ciotola versate i tuorli d’uovo, lo zucchero e la fecola di patate. Mescolate il tutto per ottenere un composto uniforme. Su di esso versate gradualmente il latte caldo senza smettere di mescolare, in modo da evitare la formazione di grumi.
  • Mettete questa soluzione nella pentola e riscaldate fino ad addensarla, in modo da ottenere una crema della giusta consistenza. Poi aggiungete il succo di arancia e lasciate raffreddare.
  • Ora farcite le tartellette con la crema pasticcera appena ottenuta. Decorate con un po’ di scorza d’arancia grattugiata o con piccoli spicchi di arancia fresca prima di servire.

Per la frolla:

  • 200 gr. di farina di riso,
  • 50 gr. di fecola di patate,
  • 100 gr. di burro chiarificato freddo,
  • 80 gr. di zucchero a velo,
  • 1 uovo,
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • q. b. di scorza grattugiata di 1 arancia,
  • un pizzico di sale

Per la crema:

  • 2 arance,
  • 200 ml. di latte intero delattosato,
  • 50 gr. di zucchero semolato,
  • 20 gr. di fecola di patate,
  • 2 tuorli d’uovo

Come preparare la crema pasticcera

Ma il vero punto di forza di queste tartellette è la crema pasticcera all’arancia. Si tratta di una versione particolare, che si inserisce nel solco delle creme pasticcere aromatizzate. A fare la parte del leone, in questo caso, è l’arancia in tutte le sue componenti. Si utilizza infatti la scorza, che viene grattugiata e mescolata al latte per insaporirlo al meglio. Si utilizza anche il succo, che viene incorporato quasi a crema finita, in modo da conferire un tocco più fruttato.

Per il resto il procedimento è simile a quello di qualsiasi altra crema pasticcera. Si tratta di unire due soluzioni, una a base di latte e l’altra a base di uova, riscaldare e addensare grazie al supporto della fecola di patate; infine, si lascia raffreddare il tutto e si utilizza per farcire la frolla.

L’arancia interviene anche nella fase di impasto, infatti tra una farina setacciata e l’altra si aggiunge un po’ di scorza grattugiata per dare un po’ di colore e sapore.

Le differenti varianti di crema pasticcera

La crema pasticcera all’arancia è solo una delle tante varianti di crema pasticceria che si possono preparare per impreziosire le tartellette. La categoria delle creme pasticcerie aromatizzate è infatti ben nutrita e riserva parecchie sorprese. La variante più famose è senz’altro quella la crema pasticcera al cacao. E’ un tipo di crema semplice da preparare, basta aggiungere il cacao nella soluzione a base di uova, poco prima di integrare il latte caldo.

Molto apprezzata è anche la crema pasticcera al limone. Il procedimento è sostanzialmente identico a quello della crema pasticcera all’arancia, d’altronde ritroviamo le stesse componenti come la scorza e il succo d’arancia.

Una variante molto versatile è la crema pasticcera alla lavanda. In questo caso la fase di aromatizzazione coinvolge solo il latte, che viene arricchito con i fiori di lavanda, fino a trasformarsi in una sorta di infuso. Ovviamente il latte va filtrato prima di essere unito agli altri ingredienti.

Tartellette con crema pasticcera all’arancia

Chiudo con una crema pasticcera molto esotica, quella al the matcha. In questo caso si trasforma il latte in una sorta di infuso a base di tè. Questa crema pasticcera è particolare in quanto tende al verde, dunque dà bella mostra di sé nelle ricette che vogliono stupire e colpire anche nell’aspetto.

Come ottenere delle perfette tartellette con crema pasticcera

La ricetta delle tartellette con crema pasticcera è molto semplice, tuttavia se il vostro scopo è di ottenere un risultato perfetto dovreste prendere alcuni accorgimenti, soprattutto durante la preparazione della pasta frolla. In primo luogo, una volta posizionata la frolla negli stampini, dovreste creare dei buchi superficiali con i rebbi di una forchetta. In tal modo la frolla non si gonfierà e non rischierà di spezzarsi.

Inoltre dovete “impermeabilizzare” la frolla, ovvero fare in modo che non diventi molliccia al contatto con la crema. Le strade in questo caso sono due: cuocere a lungo la frolla fino a farla diventare croccante e ricoprirla con una sostanza che funga da isolante. Alcuni utilizzano il burro di cacao alimentare, che prende il nome di “micronizzato”, ma è possibile usare anche il normale burro chiarificato.

FAQ sulle tartellette con crema pasticcera

Come fare le tartellette senza stampo?

Per fare le tartellette senza stampo potete ritagliare dei quadratini di impasto, farcirli al centro e ripiegare i lati su se stessi, in modo da creare dei blocchi verticali. A quel punto potete infornarli in una teglia coperta con carta forno.

Come impermeabilizzare le tartellette?

Il modo più rapido per impermeabilizzare le tartellette, evitando che si inumidiscano, consiste nel cuocerle a dovere fino a quando non hanno raggiunto una consistenza croccante. In alternativa potete distribuire sulla frolla un po’ di burro di cacao alimentare.

Come conservare le tartellette?

Le tartellette ripiene vanno conservate in frigo ben coperte, in questo modo durano un paio di giorni. Il consiglio, però, è di consumarle appena pronte.

Ricette di tartellette ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...