bg header
logo_print

Spezzatino di alce, un gustoso secondo di selvaggina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Spezzatino di alce
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina Nordica
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Spezzatino di alce, un secondo di grande intensità

Oggi cuciniamo lo spezzatino di alce, un secondo piatto che vi sorprenderà per il gusto ma anche per la sua versatilità. Nonostante sia molto intenso, si adatta perfettamente a tutti i palati, compresi quelli poco avvezzi alla carne di selvaggina. Ciò è dovuto a un metodo di cottura che valorizza la consistenza della carne in un perfetto equilibrio tra sapori e sentori. Di base è sufficiente marinare la carne e cuocerla a fiamma bassa su un soffritto di cipolle, carote, coriandolo e funghi, poi va aggiunto abbondante brodo.

Possiamo considerare lo spezzatino di alce come uno spunto per scoprire la cucina nordica, infatti è preparato soprattutto in Scandinavia e in Canada, dove l’alce è molto presente e funge da elemento ricorrente delle cucine locali. E’ comunque un secondo che stupisce e che può essere sfoderato nelle occasioni speciali, ossia quando si vuole offrire ai commensali un’esperienza gastronomica di spessore.

Ricetta spezzatino di alce

Preparazione spezzatino di alce

  • Per preparare lo spezzatino di alce prendete una pentola grande e fate scaldare un po’ di olio a fiamma media. Poi aggiungete la carne di alce tagliata a cubetti e rosolatela su tutti i lati fino a quando non avrà acquisito una buona doratura.
  • Infine, prelevate la carne e mettetela da parte.
  • Nella medesima pentola rimboccate un po’ di olio (se necessario) e aggiungete le cipolle tritate. Cuocetele fino a quando non si saranno dorate, poi aggiungete i semi di coriandoli macinati e mescolate ancora
  • Infine, aggiungete i funghi fatti a fette e le carote fatte a dadini. Cuocete per pochi minuti fino a quando i funghi non avranno iniziato a rilasciare liquidi.
  • Poi integrate l’orzo perlato e mescolate con cura. Infine, rimettete la carne nella pentola, versate il brodo fino a coprire tutti gli ingredienti e portate ad ebollizione a fiamma alta.
  • Poi abbassate la fiamma, coprite con il coperchio e cuocete per 25 minuti. La carne deve risultare tenera e l’orzo morbido. Se necessario, rabboccate via i liquidi con acqua bollente o brodo.
  • Infine, regolate con un po’ di sale, un po’ di pepe e guarnite con il prezzemolo. Ora servite e buon appetito.

Ingredienti spezzatino di alce

  • 500 gr. di carne di alce200 gr. di funghi freschi
  • 200 gr. di orzo perlato
  • 1 cipolla
  • 2 cucchiaini di semi di coriandolo macinato
  • 200 gr. di carote
  • 1 lt. di brodo di carne
  • 6 cucchiai di olio d’oliva extra vergine
  • un pizzico di sale e di pepe nero macinato fresco
  • q. b. di prezzemolo

Cosa sapere sulla carne di alce

Al netto degli ingredienti a supporto, che pure non mancano, la vera protagonista di questo spezzatino è la carne di alce. Si tratta di una carne particolare per consistenza, sapore e in parte proprietà nutrizionali rispetto ai più ordinari tagli di manzo, vitello e suino. La carne di alce spicca per le note intense che sanno di selvaggina, senza stancare mai. La consistenza è buona se la carne viene cotta in modo accurato, che tiene conto della quantità di liquidi e delle specificità del taglio.

La carne di alce è anche poco calorica, ponendosi da questo punto di vista ad un livello molto simile alle carni bianche. Questo tipo di carne apporta solo 110 kcal per 100 grammi. In compenso è ricca di proteine (22 grammi per etto), vitamine del gruppo B (essenziali per il metabolismo energetico), magnesio, potassio, manganese e soprattutto di ferro.

Gli ingredienti di questa ricetta a base di spezzatino di alce

Lo spezzatino di alce è un piatto molto ricco, che si avvale della presenza di più ingredienti. Oltre alla carne, infatti, troviamo le cipolle, le carote, i funghi e l’orzo. Tutti questi ingredienti vanno soffritti in pentola insieme a un po’ di olio, fungendo da base per la cottura della carne.

Per quanto concerne i funghi avete ampio margine di discrezione, tuttavia vi consiglio di utilizzare dei funghi delicati e saporiti, in modo da valorizzare la carne senza coprirla. Un’alternativa efficace è data dai funghi champignon, ma possono andare bene anche i finferli e i funghi porcini.

La fase di cottura si avvale della presenza del brodo di carne, che viene aggiunto in quantità massicce. Il brodo da un lato insaporisce, mentre dall’altro impedisce che la carne si secchi troppo.

Come guarnire lo spezzatino di alce

La fase di aromatizzazione genera sempre un po’ di ansia quando si prepara lo spezzatino di alce. La paura è quella di coprire gli ingredienti, rovinando tutto proprio alla fine. Per questo motivo vi consiglio un uso moderato di spezie ed erbe aromatiche. Di base potrebbe andare bene solo il prezzemolo, che incide con i suoi sentori delicati ma leggermente amarognoli, puntellando la carne di un bel verde intenso.

Spezzatino di alce

Al limite potete utilizzare anche un po’ di rosmarino, stando attenti a non generare un effetto coprente. Non va dimenticata anche la possibilità di usare i semi di coriandolo, che vengono integrati direttamente nel soffritto, valorizzando il tutto con i loro sentori freschi e leggermente balsamici.

Qualche trucchetto per uno spezzatino di alce davvero perfetto

La ricetta dello spezzatino di alce è molto semplice, tuttavia per ottenere un risultato perfetto è necessario prendere qualche accorgimento. L’obiettivo principale è di evitare che la carne diventi dura, poco masticabile e sgradevole. Per avere una carne morbida basta far precedere la cottura da una fase di rosolatura. In questo modo si impedisce l’espulsione dei succhi, che renderebbero la carne secca e quindi coriacea.

Un secondo accorgimento consiste nella cottura nel brodo di carne o anche vegetale. L’importante è rabboccarlo ogni volta che ce n’è bisogno, facendo attenzione a non “annegare” la carne, il ché significherebbe trasformarla in una zuppa.

Per il resto è necessario fare attenzione al grado di cottura. Anche lo spezzatino può prevedere la cottura al sangue, ma dipende dai gusti personali. A tal proposito la cottura al sangue corrisponde ad una temperatura interna di 50-55 gradi. La cottura media, invece, corrisponde a 60-65 gradi, mentre una carne ben cotta corrisponde a 70-75 gradi.

FAQ sullo spezzatino

Come non far diventare duro lo spezzatino?

Per non fare diventare duro lo spezzatino di alce, o lo spezzatino in generale, bisogna prendere almeno due accorgimenti: rosolare  la carne prima di cuocerla per impedire la fuoriuscita di succhi e cuocere in abbondante brodo, rabboccando quando necessario.

Qual è la differenza tra stufato e spezzatino?

La differenza tra stufato e spezzatino risiede negli ingredienti utilizzati e nel metodo di cottura utilizzato. Lo stufato è realizzato con la sola carne e viene cotto a lungo per ore e ore. Lo spezzatino è invece realizzato con verdure, ortaggi, funghi e viene cotto per molto meno tempo. Inoltre, come suggerisce il nome, lo spezzatino è tagliato a pezzettini.

Che parte di carne si usa per lo spezzatino?

Lo spezzatino è perfetto per i tagli di carne di seconda scelta, che abbiano un buon equilibrio tra parte grassa e parte magra.

Ricette di spezzatino ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gamberi saltati al tamarindo

Gamberi saltati al tamarindo, un secondo agrodolce di...

Un focus sui gamberi Nonostante l’abbondanza di ingredienti e di abbinamenti arditi, i protagonisti della ricetta rimangono i gamberi saltati. I gamberi sono tra i crostacei più consumati, che si...

Baccalà in umido alla Veneta

Baccalà in umido alla Veneta, un gustoso piatto...

Origini e storia del baccalà in umido alla veneta Il baccalà in umido alla veneta è una delle più antiche e tipiche ricette della cucina veneta. Le origini di questo piatto risalgono al periodo...

Carne di renna grigliata

Carne di renna grigliata, una salsiccia per eventi...

Cosa sapere sulla carne di renna Vale la pena parlare della carne di renna, che è il vero protagonista di questa ricetta. E’ una carne sui generis molto rara dalle nostre parti, ma che può...