bg header
logo_print

Mousse al cioccolato Biscoff, un dessert facile da preparare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Mousse al cioccolato Biscoff
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Mousse al cioccolato Biscoff, non il classico dessert

Oggi cuciniamo la mousse al cioccolato Biscoff, un dessert speciale in quanto conta sul contributo di un prodotto speciale: la crema Biscoff. E’ una crema che prende ispirazione dagli omonimi biscotti, quindi replica in maniera efficace il loro sentore caramellato, oltre al carattere delicato e rustico allo stesso tempo. In questa ricetta la crema viene riscaldata in modo da diventare più liquida, poi viene unita al cioccolato fondente sciolto a bagnomaria. Si ottiene così un composto morbido, che fungerà da base per la preparazione della mousse.

La mousse al cioccolato Biscoff si caratterizza per un gusto diverso dal solito, che sa di biscotti, cioccolato e panna. Si configura come una vera e propria esperienza gastronomica, tale da impreziosire il fine pasto e le merende. È facile da preparare sebbene sia un po’ laboriosa, d’altronde gli ingredienti sono più numerosi di quelli solitamente necessari per le tradizionali mousse al cioccolato.

Ricetta mousse al cioccolato biscoff

Preparazione mousse al cioccolato biscoff

Per preparare la mousse al cioccolato Biscoff procedete in questo modo.

  • Sciogliete il cioccolato e la crema a bagnomaria (o al microonde) fino a quando non avrà raggiunta una consistenza cremosa e quasi liquida. Poi lasciate raffreddare e amalgamate per bene.
  • Separate i tuorli dagli albumi.
  • Montate leggermente gli albumi e metteteli da parte. Fate lo stesso con la panna.
  • Incorporate un tuorlo per volta alla soluzione di crema e cioccolato, mescolando con cura.
  • Aggiungete gli albumi e infine la panna.
  • Infine, versate il composto in otto bicchieri di servizio e fare rassodare in frigo.

Ingredienti mousse al cioccolato biscoff

  • 200 gr. di cioccolato fondente
  • 200 gr. di crema spalmabile Lotus Biscoff
  • 5 uova
  • 200 ml. di panna fresca consentita.

Il ruolo del fondente nella mousse al cioccolato Biscoff

Il fondente gioca un ruolo importante in questa mousse al cioccolato Biscoff. E’ responsabile di gran parte del sapore, sebbene venga mescolato quasi subito con la crema Biscoff, dando vita a un composto molto saporito ma equilibrato. Il cioccolato fondente è probabilmente l’alimento più amato del pianeta, ma è considerato dannoso per la salute. In realtà è solo un po’ più calorico del normale, infatti non scende mai sotto le 500 kcal per 100 grammi.

In compenso è ricco di vitamine e sali minerali benefici. Mi riferisco alle vitamine del gruppo B, alla vitamina E (che esercita una funzione antiossidante), al potassio e al magnesio. Il cioccolato fondente fa anche bene all’umore. Può sembrare una diceria o una leggenda metropolitana, invece è una verità dimostrata scientificamente.

Quale cioccolato fondente utilizzare per questa ricetta? Vi consiglio di non andare oltre il fondente al 70-80%, che rappresenta un buon compromesso tra la componente aromatica e quella dolce.

Cos’è la crema Biscoff?

L’ingrediente più distintivo di questa mousse è la crema Biscoff. È uno spalmabile speciale in quanto viene realizzato con i famosi biscotti Biscoff. Questo tipo di biscotti si caratterizza per i sentori caramellati, per il sapore dolce che non stanca e per la capacità di rendere al meglio in ogni situazione: sono perfetti come snack, ma anche come biscotti da inzuppo. Possono essere impiegati anche per le ricette più fantasiose, magari come ingrediente da impasto.

La crema Biscoff è genuina in quanto valorizza gli omonimi biscotti senza aggiungere ingredienti o edulcoranti; di base conta solo sul contributo di aromi e sciroppo di zucchero. Il sapore della crema Biscoff è fedele ai biscotti medesimi, ossia deliziosamente caramellato. Esso viene valorizzato dal cioccolato fondente, innescando allo stesso tempo un piacevole contrasto.

Il ruolo delle uova nella mousse al cioccolato Biscoff

La lista degli ingredienti della mousse al cioccolato Biscoff comprende anche le uova. In effetti le uova ricoprono un ruolo importante, sia in termini di sapore che di consistenza. Delle uova vengono utilizzati sia i tuorli che gli albumi. I tuorli vengono aggiunti uno alla volta alla crema di Biscoff e al cioccolato fondente. Gli albumi, invece, vengono montati e incorporati alla fine. Si ottiene così una mousse morbida ma stabile, gustosa e molto equilibrata.

Mousse al cioccolato Biscoff

La presenza delle uova potrebbe far storcere il naso ai più salutisti in quanto considerate troppo ricche di colesterolo. Questa sostanza è presente, ma è presente anche la lecitina, che favorisce l’elasticità delle arterie e produce un effetto compensante. In ogni caso è sufficiente consumare le uova con prudenza e senza esagerare (di base vanno bene sette uova a settimana).

Per il resto le uova sono molto nutrienti: contengono la vitamina K (che regola la densità del sangue) e alcuni sali minerali abbastanza rari. Per quanto concerne l’apporto calorico, infine, non c’è molto di cui preoccuparsi: un uovo medio apporta circa 60 kcal.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari?

La mousse al cioccolato Biscoff è adatta a chi soffre di intolleranze alimentari? Di base no, infatti contiene sia glutine che lattosio. Il glutine è fornito dalla crema Biscoff (che è realizzata con gli omonimi biscotti), mentre il lattosio è contenuto nella panna fresca.

Per quanto concerne gli intolleranti al lattosio la soluzione è a portata di mano, basta utilizzare la panna delattosata che trovate in abbondanza nei supermercati. Il sapore non cambia rispetto al prodotto “originale” se si esclude una nota leggermente più dolce.

Discorso diverso per i celiaci. In questo caso l’unica soluzione è di rinunciare alla crema Biscoff a favore di una normale crema spalmabile, magari al cioccolato e alle nocciole. La mousse “riuscirà” ugualmente, ma la ricetta ne risulterà stravola. Le cose si complicano con gli allergici e i sensibili al nichel, in quanto l’allergene è contenuto in quasi tutti gli ingredienti e non si segnalano in commercio delle versioni prive di nichel. Proprio per questo l’impossibilità o la difficoltà a consumare il cioccolato è un problema molto sentito dagli allergici al nichel.

FAQ sulla mousse al cioccolato Biscoff

Perché si chiama mousse?

Il termine deriva dal francese, che significa esattamente “schiuma” e “spuma”. Il riferimento è ovviamente alla morbidezza quasi cremosa che caratterizza questi dessert.

Che differenza c’è tra ganache e mousse?

La ganache è più liquida della mousse, ma diventa solida una volta fatta asciugare. La ganache funge da copertura per le torte, invece la mousse è adatta anche per un consumo in solitaria in quanto si mantiene morbida e densa, grazie all’aggiunta di elementi leganti.

Come addensare la mousse?

La mousse può essere addensata mediante l’aggiunta di farina o di amido, tuttavia la sua consistenza può essere resa più corposa aggiungendo tuorli e/o albumi.

Ricette di mousse ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...