Mousse alla verbena, un dolce dai sapori insoliti

mousse alla verbena
Commenti: 0 - Stampa

Mousse alla verbena con composta, un dolce al crumble

La mousse alla verbena con composta di mirtilli è un’idea simpatica per un dessert diverso dal solito e in grado di stupire gli ospiti. Di base è una mousse aromatizzata e valorizzata da una gustosa guarnizione di crumble. Da questo abbinamento scaturisce un gradevole contrasto a livello di texture.

Il crumble è una preparazione tipicamente anglosassone, che può apparire come un  “semplice” biscotto sbriciolato. Le briciole sono presenti per definizione, ma la preparazione è un po’ più complessa e raffinata di quanto si possa immaginare.

Le ricette possibili sono numerose. Il crumble della mousse alla verbena è realizzato con la farina di riso, la fecola, il burro chiarificato, lo zucchero e la granella di nocciole. Queste ultime, oltre a fornire un tocco di sapore in più, apportano importanti nutrienti come la vitamina E e il magnesio.

Gli ingredienti vanno mescolati in tempi e modi diversi. L’impasto che si ricava va sbriciolato e cotto al forno per circa un quarto d’ora. Come già accennato, il crumble viene impiegato come guarnizione, quindi posto sulla mousse al momento del servizio.

Come preparare la composta di mirtilli rossi?

Anche la mousse alla verbena vanta una sua complessità in termini di sapori. Un ingrediente fondamentale è la composta di mirtilli. Prima di parlarne in modo approfondito, è bene specificare la differenza tra marmellata, confettura e composta, termini su cui spesso si fa confusione.

La marmellata viene realizzata con gli agrumi. La confettura è una marmellata realizzata con gli altri tipi di frutta. La composta, invece, può essere definita una marmellata senza zucchero, la cui dolcezza deriva naturalmente dal sapore del frutto.

Non di rado viene arricchita con il succo di limone. Dal momento che la composta è in genere meno dolce, viene impiegata anche come condimento di piatti salati, specie quando vi è l’intenzione di conferire un tocco agrodolce.

La composta di mirtilli è ottima in quanto il frutto si sposa alla perfezione con questa preparazione. Non va dimenticato, poi, che i mirtilli sono anche salutari, in quanto ricchi di potassio, che fa bene alla circolazione sanguigna, di vitamina C (essenziale per le difese immunitarie) e di antiossidanti, cheaiutano a prevenire il cancro.

L’apporto calorico è contenuto, e paragonabile a quello dei lamponi e delle fragole. La ricetta della composta di mirtilli rossi è simile a quella di qualsiasi altra composta. Qui su Nonnapaperina ho spiegato come prepararla passo passo.

mousse alla verbena

Un focus sulla verbena

La mousse alla verbena con composta di mirtilli rossi propone sapori particolari, condivisi da pochi altri dessert. Il merito di ciò va anche della verbena. La verbena è una pianta aromatica utilizzata soprattutto in ambito terapeutico, ma oggi apprezzata anche in campo gastronomico.

Si caratterizza per la sua funzione ansiolitica, calmante, distensiva. Non è un caso che gli infusi di verbena risultino efficaci in caso di ansia generalizzata. Secondo alcuni, un consumo costante di tè alla verbena riuscirebbe a prevenire gli attacchi di panico.

In occasione di questa ricetta la verbena interviene proprio sotto forma di tè. Quest’ultimo va arricchito con l’agar agar e integrato nel composto principale (realizzato con tuorli e zucchero). Per inciso, l’agar agar è una sostanza gelificante, dunque fa le veci della gelatina. Non si tratta di un ripiego, anzi è meno calorica, più nutriente e vanta un’ottima capacità addensante.

Perché abbiamo optato per il burro chiarificato?

La mousse alla verbena con composta di mirtilli si fregia del contributo del burro. Nello specifico è un ingrediente del crumble.

Ma quale burro utilizzare? D’altronde ne esistono almeno due tipologie: burro standard e chiarificato. La differenza sta nella caseina, abbondante nel primo e assente nel secondo.

L’assenza delle caseina pone in essere alcuni vantaggi. Tanto per cominciare, un burro senza caseina non si carbonizza, vista la fragilità di questa sostanza alle alte temperature. L’assenza delle caseina, poi, equilibra il burro dal punto di vista organolettico. In un certo senso lo rende più delicato, quindi non vi è il rischio di coprire gli altri ingredienti.

Va detto, poi, che il burro chiarificato è senza lattosio, dunque può essere consumato anche da chi soffre di intolleranze alimentari legate a questa sostanza.

L’unico vero difetto è l’apporto calorico, che è molto elevato: 900 kcal per 100 grammi contro 750 kcal del burro standard. In realtà è un falso problema in quanto si utilizzano solo piccole dosi di burro chiarificato. In questo caso se ne utilizzano 90 grammi per tutto il crumble.

Ecco la ricetta della mousse alla verbena con composta di mirtilli rossi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 tuorlo d’uovo + 1 albume,
  • 40 gr. di zucchero di canna,
  • succo di ½ limone bio e scorza grattugiata,
  • 1 dl. di tè di verbena,
  • 1 dl. di panna montata consentita,
  • 8 gr. di agar agar,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di composta di mirtilli rossi.

Per il crumble:

  • 60 gr. di farina di riso,
  • 40 gr. di fecola di patate,
  • 80 gr. di zucchero muscovado,
  • 40 gr. di granella di nocciola,
  • 80 gr. di burro chiarificato

Preparazione:

Per la mousse alla verbena con composto di mirtilli iniziate dal crumble. Unite il burro allo zucchero e mescolate. Poi integrate le farina, la fecola e la granella di nocciola.

Mescolate e realizzate una sorta di impasto. Posizionate quest’ultimo su un tappetino in silicone, poi sbriciolatelo per bene. Infine cuocete in forno a 180 gradi per 15 minuti.

Per la mousse, invece, procedete così. In una scodella versate il tuorlo, la scorza di limone, lo zucchero e mescolate fino a ricavare un composto chiaro.

Ora preparate il tè alla verbena e immergeteci l’agar agar quando è ancora molto caldo. Versate il tè nel composto di uovo con un colino in modo da filtrarlo.

questo nuovo composto in frigorifero per un po’ in modo che si solidifichi. Poi montate l’albume a neve con il sale e montate a parte anche la panna. Integrate nel composto l’albume montato e la panna alternandoli un po’ per volta.

Trasferite la mousse nelle coppette e lasciar raffreddare in frigo per circa 2 ore. Al momento del servizio mettete la composta di mirtilli e decorate con il crumble di nocciole, così come vedete in foto.

0/5 (0 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti