bg header
logo_print

Gelatina di azuki rossi, un dolce a base di legumi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gelatina di azuki rossi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Gelatina di azuki rossi, dal Giappone un dessert che stupisce

Vi presento la gelatina di azuki rossi, un dessert che si ispira alla cucina giapponese e che offre molte soddisfazioni. E’ morbido, aromatico e sa di legumi, d’altronde gli azuki possono essere considerati una “particolare” varietà di fagioli. Così particolare da poter essere utilizzati anche nei dolci!

In particolare, la gelatina può essere paragonata a una specie di budino dalla consistenza cedevole ed elastica, valorizzato dai pinoli tostati che fungono da elemento croccante. Questo tipo di gelatina può essere consumata come dolce al cucchiaio ma può intervenire anche in alcune preparazioni. Non di rado viene impiegata come farcitura per i ravioli, o per creare un contrasti tra salato e dolce, tra sentori intensi e delicati.

Questa gelatina è dolce solo fino ad un certo punto, sebbene richiede l’utilizzo di due etti di zucchero, che possono essere sostituiti dal malto di riso (più delicato e meno “zuccherino”). In alcuni casi il malto di riso è addirittura preferibile per le sue proprietà addensanti, come ad esempio nei dessert al cucchiaio.

Ricetta gelatina di azuki rossi

Preparazione gelatina di azuki rossi

Ecco come preparare la gelatina di azuki rossi.

  • Ammollate gli azuki in acqua fredda per 8 ore circa.
  • Lessate gli azuki ben scolati, poi passateli nel passino fino ad ottenere una purea omogenea.
  • Trasferite la purea di azuki in una pentola insieme al sale e all’acqua di cottura.
  • Cuocete a fiamma bassa e mescolate in continuazione con un cucchiaio di legno o una frusta manuale.
  • Poco prima del bollore, aggiungete l’agar l’agar e lo zucchero.
  • Continuate a mescolare fino a quando il composto non risulterà abbastanza denso (dovrebbero bastare 5 minuti).
  • Poi tostate i pinoli e tritateli in maniera grossolana, lasciandone qualcuno intero.
  • Versate la gelatina di azuki negli stampi in silicone e lasciate raffreddare. Infine, mettete in frigo per un po’ affinché gli ingredienti si stabilizzano. A questo punto, se la consistenza non vi soddisfa, rimettete tutto in cottura aggiungendo un po’ di agar agar.
  • Infine, guarnite con i pinoli tritati e con i pinoli interi messi da parte.

Ingredienti gelatina di azuki rossi

  • 200 gr. di azuki rossi
  • 200 gr. di zucchero
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 2 cucchiaini di agar agar in polvere
  • q. b. di sale.

Cosa c’è da sapere sui fagioli azuki

Gelatina di azuki rossi. I fagioli Azuki, noti anche come fagioli rossi azuki o fagioli adzuki, sono una varietà di fagioli originari dell’Asia orientale, in particolare del Giappone, della Cina e della Corea. Questi piccoli fagioli sono di colore rosso scuro e hanno una forma ovale. Sono ampiamente utilizzati nella cucina asiatica e vengono apprezzati per il loro sapore dolce e leggermente nocciolato.

Ecco alcune informazioni importanti sui fagioli Azuki:

  • Utilizzo in cucina: I fagioli Azuki sono una parte fondamentale della cucina asiatica e vengono spesso utilizzati per preparare dolci, dessert e zuppe. In Giappone, ad esempio, sono l’ingrediente principale per il popolare dolce “anko”, una pasta dolce di fagioli utilizzata per farcire dolci tradizionali come i dorayaki ei taiyaki. In Cina, vengono utilizzati per preparare il “tangshui”, una zuppa dolce di fagioli. Inoltre, possono essere aggiunti a zuppe, insalate e piatti salati.
  • Valore nutrizionale: I fagioli Azuki sono una buona fonte di proteine, fibre, vitamine e minerali. Sono particolarmente ricchi di ferro, potassio e vitamina B. Sono anche considerato un alimento a basso contenuto di grassi.
  • Benefici per la salute: Grazie al loro contenuto di fibre, i fagioli Azuki possono contribuire a migliorare la digestione ea mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. Sono anche associati a una riduzione del rischio di malattie cardiache e diabete di tipo 2. Inoltre, il consumo di fagioli Azuki può favorire la salute della pelle grazie alla presenza di antiossidanti.
  • Preparazione: Prima di cucinare i fagioli Azuki, è necessario ammollarli in acqua per diverse ore o durante la notte. Successivamente, vengono cotti fino a diventare morbidi. Possono essere dolcificati con zucchero o miele per la preparazione di dessert, o utilizzati in zuppe e piatti salati.
  • Disponibilità: I fagioli Azuki sono disponibili in molti negozi di alimentari asiatici e, sempre più spesso, anche nei supermercati occidentali. Si possono trovare sia secchi che in forma di pasta pronta all’uso.

I fagioli Azuki sono un ingrediente versatile e nutriente utilizzato in numerose preparazioni culinarie, soprattutto nella cucina asiatica. Sono apprezzati per il loro sapore dolce ei loro benefici per la salute.

Il ruolo dei pinoli nella gelatina di azuki rossi

La gelatina di azuki rossi è un dessert non solo squisito, ma anche vario nella sua semplicità. Il riferimento è all’elemento croccante inserito in fase di guarnizione, ossia i pinoli. Questi vengono tostati e in larga parte tritati, infine vengono posti sulla gelatina, creando un bel contrasto sia a livello di texture che cromatico.

I pinoli possono offrire molto anche sul piano nutrizionale. E’ vero, sono molto calorici (quasi 700 kcal per etto) ma abbondano in particolare di acidi grassi omega tre, dei grassi benefici che fanno bene alla salute e in particolare al cuore.

Gelatina di azuki rossi

I pinoli abbondano anche in vitamine e sali minerali, tra cui spiccano la vitamina E, che giova al sistema immunitario e aiuta a prevenire il cancro. Inoltre, troviamo anche il fosforo (che sostiene le attività cognitive) e il magnesio, che mantiene alti i livelli di energia.

In generale i pinoli contribuiscono al controllo del colesterolo cattivo, spesso causa di infarti e ictus. Infine, aiutano anche a tenere sotto controllo la glicemia, un dettaglio non di poco conto per i diabetici e per chi vuole dimagrire. Inoltre, è provato che sgranocchiare qualche pinolo prima di pranzo, o cena, aiuta a ridurre la fame.

Perché abbiamo usato l’agar agar?

La lista degli ingredienti della gelatina di azuki rossi comprende anche l’agar agar. Questo ingrediente funge da gelificante e addensante, quindi garantisce alla gelatina la giusta consistenza. Inoltre, non incide sul sapore, è facile da trattare ed è persino nutriente. Infine, l’agar agar non necessita di essere reidratato in ammollo prima del suo utilizzo, ma va aggiunto così come si trova.

A differenza della gelatina, o colla di pesce che dir si voglia, l’agar agar vanta un certo profilo nutrizionale. Il riferimento è all’abbondanza di sali minerali come il calcio, il ferro e il potassio, oltre alle vitamine del gruppo B, alla vitamine A, C, E ed alla vitamina K. Infine, l’agar agar è senza glutine, quindi compatibile con le esigenze dei celiaci.

L’agar agar si ottiene mediante l’estrazione dei polisaccaridi dalle alghe rosse, una specie molto comune lungo le coste asiatiche orientali. E’ comunque reperibile anche dalle nostre parti, tanto da essere utilizzato con maggiore frequenza da chi prepara budini, farciture morbide e glasse.

In ogni caso l’agar agar va consumato con moderazione, in quanto ad alti dosaggi compromette la consistenza dei composti.

Ricette di gelatine ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...