bg header
logo_print

Semifreddo di pesche gialle, un dessert gourmet

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Semifreddo di pesche gialle
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Semifreddo di pesche gialle al vino rosso, l’eleganza a tavola

Il semifreddo di pesche gialle al vino rosso è un dessert sontuoso, elegante e gourmet. Ci tengo a precisare che per la ricetta ho preso spunto dalla rivista di Sale & Pepe. A differenza di molti altri semifreddi, quello che vi propongo qui è facile da realizzare, sebbene richieda un po’ di tempo visti i tempi di riposo in frigo o in freezer. La ricetta dunque rappresenta un’occasione per impreziosire pasti abbondanti, facendo in modo che terminino con un dessert diverso dal solito. All’occorrenza il semifreddo può essere preparato in occasione di feste o eventi speciali, come i compleanni.

Dal punto di vista prettamente gastronomico, il dolce altro non è altro che una torta di pan di Spagna valorizzata da una bagna al vino aromatizzato e da una crema di mascarpone, panna e curd. La torta viene trasformata in semifreddo e infine decorata con pesche al vino rosso e scorza di limone grattugiata.

Ricetta semifreddo di pesche gialle

Preparazione semifreddo di pesche gialle

Per preparare il semifreddo di pesche gialle al vino rosso dovrete procedere per fasi. Iniziate con il curd. Sbucciate le pesche, rimuovete i noccioli e frullatele per bene. In una ciotola versate i tuorli, lo zucchero e il succo di limone, poi sbattete il tutto con la frusta. Cuocete il composto così ricavato a bagnomaria senza smettere di mescolare.

Una volta addensato, incorporate il burro a fiocchi e date un’ultima mescolata per farlo sciogliere. Poi aggiungete 3 dl. di purea di pesche, fate intiepidire e coprite con la pellicola alimentare; infine lasciate riposare in frigo per 2 ore. La fase successiva consiste nella preparazione del pan di Spagna. Utilizzate la ricetta del pan di Spagna che più vi aggrada, magari utilizzando farine senza glutine. Una volta pronto, fatelo raffreddare su una gratella.

Ora preparate le pesche al vino. Applicate dei tagli sulla buccia delle pesche, ammorbiditele per 30 secondi in acqua bollente, poi pelatele e fatele a tocchetti. Fate bollire il vino insieme allo zucchero e alla cannella, cuocendo a fiamma bassa fino a quando non si sarà ridotto a 3 dl. Poi prelevate la cannella e aggiungete le pesche. Infine cuocete a fiamma bassa per 10 minuti.

Terminata la cottura lasciate intiepidire e scolate le pesche, ma senza buttare il vino. Ora preparate la crema. Vi basterà montare il mascarpone insieme allo zucchero, alla scorza grattugiata del limone e alla panna. Fate riposare un terzo della panna in frigo e mescolate gli altri due terzi con il curd alle pesche.

Ora non rimane che comporre il dolce. Coprite il fondo e le pareti in uno stampo di 18 centimetri di diametro con della carta da forno inumidita. Trasferite nello stampo uno strato di pan di Spagna, inumiditelo con un terzo del vino alle pesche precedentemente conservato e spalmate metà della crema al curd. Applicate un secondo strato e ripetete l’operazione.

Il terzo strato sarà composto sempre dal pan di Spagna imbevuto nel vino, ma senza crema. Avvolgete il dolce nella pellicola alimentare e ponete in freezer per alcune ore. Trascorso questo lasso di tempo rovesciate il dolce sul piatto, eliminate la carta forno e coprite con la crema rimanente. Decorate con pesche e con un po’ di scorza di limone grattugiata. Il semifreddo di pesche gialle al vino rosso è pronto per essere gustato.

Ingredienti semifreddo alle pesche

1 pan di spagna da dividere in tre strati

Per il curd:

  • 2 pesche gialle,
  • 45 gr. di burro chiarificato,
  • 2 tuorli grandi,
  • 50 gr. di zucchero,
  • 0,4 dl. di succo di lime.

Per le pesche al vino:

  • 4 pesche,
  • 5 dl. di vino rosso,
  • 150 gr. di zucchero,
  • 1 stecca di cannella.

Per la crema:

  • 200 gr. di mascarpone consentito,
  • 3 dl. di panna fresca consentita,
  • 40 gr. di zucchero a velo,
  • 1 limone non trattato.

Una crema semplice e di grande impatto

Tra i punti di forza del semifreddo di pesche gialle al vino rosso vi è la crema che funge da farcitura e da copertura. Essa è formata da un composto di mascarpone, panna, zucchero a velo e succo di limone, a cui si unisce il curd alle pesche. Con questo termine si indica una seconda crema, realizzata con tuorli d’uovo e zucchero cotti a bagnomaria, integrati con il burro e con una purea di pesche. E’ proprio il sapore delle pesche a fornire un tocco aromatico in più.

Le pesche dovrebbero essere gialle, in quanto sono più saporite delle altre varietà. Il giallo, per inciso, è dato dal betacarotene, una sostanza che funge da catalizzatore per l’assorbimento della vitamina A ed esercita una funzione antiossidante. In ragione di ciò rallenta l’invecchiamento, riduce l’impatto dei radicali liberi e rende meno probabile l’insorgenza del cancro.

Una bagna particolare per il semifreddo di pesche gialle

Come tutti i dolci al pan di Spagna, la ricetta del semifreddo di pesche gialle al vino rosso suggerisce la preparazione di una bagna. La bagna insaporisce l’impasto e lo prepara ad accogliere la crema. In genere si utilizza un liquore per dolci, piuttosto che un succo acidulo. In questo caso la bagna è data dal vino aromatizzato alle pesche.

Semifreddo di pesche gialle

Il procedimento è semplice: si porta a ebollizione il vino con delle spezie e si cuociono delle pesche già ammorbidite e ridotte a tocchetti per una decina di minuti. Poi si prelevano le pesche e si usa il vino aromatizzato per ammorbidire la bagna. Le pesche vengono poi riutilizzate per la decorazione. Per quanto riguarda le spezie da integrare nel vino, il consiglio è di utilizzare la cannella e lo zucchero. La cannella dolcifica e aromatizza, fornendo un sentore capace di spezzare l’acidità del vino. Stesso discorso per lo zucchero, che va utilizzato in dosi minime.

Come preparare il pan di Spagna?

La base di questo semifreddo di pesche gialle al vino rosso è data dal pan di Spagna. Una base molto utilizzata e versatile, che può andare bene per le torte classiche quanto per i dolci da freezer. Preparare il pan di Spagna è semplice, benché la ricetta originale sia declinata in tanti modi. Io vi suggerisco il pan di Spagna al grano saraceno senza glutine che ho trattato qui sul sito e che risulta adatto anche ai celiaci. Ovviamente, per rendere il pan di Spagna adatto ai celiaci è necessario agire sulle farine.

A tal proposito avete a disposizione più alternative, per esempio potete utilizzate la farina di riso e di mais, che replicano al meglio il sapore della farina normale. Oppure potete optare per una versione rustica, utilizzando la farina di grano saraceno o quella di amaranto. Infine potete optare per una base dal sapore aromatico, scegliendo la farina di mandorle e di nocciole.

Ricette di semifreddi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...