bg header
logo_print

Abalone alla californiana, un mollusco impanato da gustare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Abalone alla californiana
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Abalone alla californiana, un mollusco davvero pregiato

Oggi cuciniamo l’abalone alla californiana, una ricetta particolare in quanto reinterpreta in chiave rustica un prodotto ittico pregiato. Stiamo parlando infatti di un secondo piatto impanato e fritto che, a dispetto delle premesse, premia l’eleganza e il sapore del mollusco. Anche perché la panatura è solo all’apparenza classica, infatti cela un ingrediente “segreto”: il Whiskey.

La ricetta è molto semplice da realizzare. Basta staccare il mollusco dalla valva, poi lasciatelo macerare nella soluzione di uova, cospargerlo di pangrattato e friggerlo in abbondante olio bollente. L’ultima fase prevede la preparazione di un contorno semplice con le foglie di lattughino, che formano un elegante letto dove adagiare l’abalone impanato e fritto.

Vi consiglio di preparare l’abalone alla californiana per le occasioni speciali, quando lo scopo è quello di deliziare i commensali e regalare loro un’esperienza gastronomica davvero unica.

Ricetta abalone alla californiana

Preparazione abalone alla californiana

Per preparare l’abalone alla californiana procedete in questo modo.

  • Pulite con cura gli abaloni e lavateli sotto l’acqua di rubinetto. Poi staccate con delicatezza i molluschi dalla conchiglia e conservate i gusci.
  • In una ciotola aprite le uova, versate il sale e il whiskey. Sbattete fino ad ottenere una soluzione omogenea.
  • Immergete gli abaloni nella soluzione di uova e lasciateli macerare per un quarto d’ora.
  • Intanto mondate e lavate il prezzemolo, infine tritatelo per bene.
  • Una volta trascorso il quarto d’ora, scaldate abbastanza olio di semi in una padella per fritti.
  • Passate gli abaloni nel pangrattato, in modo da ricoprirlo interamente e friggeteli nell’olio bollente.
  • Prelevate gli abaloni con una schiumarola, fateli sgocciolare un po’ e adagiateli sulla carta assorbente in modo che cedano più olio possibile.
  • Ora lavate il lattughino, asciugatelo senza sgualcirlo e utilizzatelo per avvolgere le valve, formando una specie di letto. Adagiate sul lattughino l’abalone fritto, poi condite con il prezzemolo tritato e con qualche fetta di limone.
  • Servite e buon appetito.

Ingredienti abalone alla californiana

  • 4 abaloni
  • 2 uova intere
  • 1 bicchierino di Bourbon Whisky
  • 50 gr. di pangrattato consentito
  • 200 gr. di lattughino
  • q. b. di prezzemolo fresco
  • 1 limone bio
  • q. b. di olio di semi di girasole
  • un pizzico di sale.

Sapore e proprietà nutrizionali dell’abalone

Vale la pena parlare dell’abalone alla californiana ed in particolare del frutto di mare, che è il protagonista indiscusso di questa ricetta. L’abalone è un mollusco gasteropode racchiuso in una valva dalla forma vagamente concava. In virtù di ciò viene chiamato anche “orecchio di mare” e “orecchio di Venere”. Il mollusco si presenta con una carne bianchissima e tenera che si cuoce in pochi istanti. Il sapore è delicato, ma esprime al meglio la sapidità che solo il mare sa regalare.

L’abalone è un prodotto pregiato, diffuso in tutto il Pacifico e in alcuni casi persino nel Mediterraneo. La pesca dell’abalone è difficoltosa in quanto il suo habitat coincide con il sottocosta ma anche con il fondale. Proprio per questo impone difficili immersioni a 15-20 metri di profondità.

L’abalone è anche versatile, infatti si presta a svariate modalità di consumo. E’ ottimo crudo (magari trasformato in carpaccio), oppure può essere cotto alla griglia, lessato e persino fritto. Vi consiglio anche di leggere la ricetta delle Linguine con abalone all’orientale.

Sul piano nutrizionale spicca per l’apporto calorico limitato, che viaggia sulle 110 kcal per 100 grammi. I grassi sono presenti ma fanno parte della categoria omega tre, quindi sono dei grassi benefici. L’abalone è anche una discreta fonte di proteine, infatti ha poco da invidiare ai pesci giudicati più sostanziosi.

Una panatura classica per l’abalone alla californiana

La peculiarità di questo abalone alla californiana consiste nella capacità di interpretare un alimento pregiato in una chiave rustica. Il riferimento è ovviamente alla panatura, che risulta classica solo fino ad un certo punto. La panatura prevede l’impiego delle uova e del pangrattato, tuttavia le uova non vanno semplicemente sbattute e salate, bensì arricchite con il Whiskey. Lo scopo è quello di aggiungere ulteriore sapore all’abalone, senza però stravolgerne la resa organolettica. Il liquore, tuttavia, funge anche da agente di marinatura e di macerazione. A differenza degli altri fritti panati, infatti, l’abalone va lasciato nella soluzione di uova per almeno un quarto d’ora.

Abalone alla californiana

Per quanto concerne le fasi successive la ricetta non riserva sorprese. Basta passare l’abalone intriso di uova nel pangrattato, in modo da ricoprirlo interamente. Poi va fritto e fatto sgocciolare su un foglio di carta assorbente.

Un contorno semplice ma scenografico

L’abalone alla californiana è un secondo completo che comprende anche il contorno. Il contorno assume un carattere scenografico e consiste in alcune foglie di lattughino che fungono da letto per l’abalone impanato e fritto.

Per abbiamo scelto proprio il lattughino come contorno? Semplice, il lattughino è ideale per questo piatto per il suo aspetto e per la sua consistenza. Si presenta con un verde acceso e con una texture tenera e croccante allo stesso tempo. Il sapore è delicato, ma meno dolce rispetto a quello della lattuga classica.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, il lattughino apporta un bagaglio di vitamine e sali minerali tipico dei vegetali a foglia verde e una certa abbondanza di betacarotene. Questa sostanza antiossidante funge da precursore della vitamina A ed è fondamentale per la pelle e per la vista.

FAQ sull’abalone alla californiana

Come si mangia l’abalone?

L’abalone può essere consumato crudo sotto forma di carpaccio. Tuttavia, può essere anche cotto alla piastra e gratinato. In generale spicca per versatilità, dunque è adatto a molti metodi di cottura, persino alla panatura e alla frittura. 

Quanto costa l’abalone?

L’abalone costa dai 60 ai 100 euro al chilo. Le varietà più pregiate, tuttavia, possono superare queste cifre. Si tratta di un prodotto di lusso, anche perché viene importato da terre “lontane”. 

Dove si trova l’abalone?

L’abalone si trova soprattutto nell’Oceano Pacifico. Tuttavia, alcune specie meno pregiate si trovano anche nel Mediterraneo.

Ricette con i molluschi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Lumache fritte

Lumache fritte, un finger food per stupire

Una panatura semplice ma efficace E’ proprio la panatura a qualificare come facile questa ricetta con lumache fritte. La impanatura è formata da farina, uova sbattute con sale e pepe,...

Hamburger di quinoa e melanzane

Hamburger di quinoa e melanzane, una delizia 100%...

Uno sguardo alla quinoa La quinoa è la vera protagonista di questa sfiziosa ricetta. Occupa un posto d’onore negli hamburger di melanzane, adatti anche ai celiaci o a chi manifesta una marcata...

Hamburger di manzo con friggitelli

Hamburger di manzo con friggitelli, un secondo delizioso

Cosa sono i friggitelli? Gli hamburger di manzo e friggitelli sono di norma una ricetta semplice, in quanto a variare non è il procedimento bensì gli ingredienti. Per l’occasione ho deciso di...