bg header
logo_print

Rotolini di zucchine e tacchino, un antipasto gourmet

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Rotolini di zucchine e tacchino
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (10 Recensioni)

Rotolini di zucchine e tacchino, degli antipasti semplici e veloci da preparare

Oggi vi porto alla scoperta di un antipasto davvero buono: i rotolini di zucchine e tacchino. Questi deliziosi antipasti vengono realizzati con prodotti semplici e facilmente reperibili, che danno vita a un piatto colorato, gustoso e leggero (se ben porzionato). Sono semplici da realizzare in quanto basta ridurre a fette della medesima larghezza tutti gli ingredienti, porli uno sopra l’altro, arrotolarli e cuocerli in forno. Ovviamente, per garantire una buona cottura dovrete irrorarli con abbondante olio.

La cottura in padella non è consigliata in quanto si rischia di avere una doratura poco uniforme e produrre parti bruciacchiate, visto il limitato spessore delle varie componenti. I rotolini di zucchine e tacchino possono essere serviti come secondo leggero o come antipasto. Fungono da perfetta entrée per menù di qualsiasi tipo in quanto si adattano ai pasti più ordinari come ai pasti gourmet.

Ricetta rotolini di zucchine e tacchino

Preparazione rotolini di zucchine e tacchino

Per preparare i rotolini di zucchine e tacchino procedete in questo modo. Lavate le zucchine, asciugatele, togliete la parte superiore e tagliatele a fette molto sottili per lungo (utilizzate una mandolina). Tagliate a fette un po’ più spesse (della stessa larghezza) la fesa di tacchino, il prosciutto crudo e la fontina.

Disponete le fette di zucchina sul piano di lavoro e adagiate in quest’ordine le fette di prosciutto, di tacchino e di fontina. Arrotolate e fermate con uno stecchino. In alternativa, potete utilizzare gli anelli per involtini.

Trasferite i rotolini così ottenuti in una teglia foderata con carta da forno, condite con abbondante olio e un po’ di sale. Cuocete in forno già caldo a 180 gradi per 20 minuti circa.

Ingredienti rotolini di zucchine e tacchino

  • 3 zucchine gialle
  • 300 gr. di fesa di tacchino
  • 100 gr. di prosciutto crudo
  • 100 gr. di fontina a fette
  • un pizzico di sale
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Un focus sulle zucchine gialle

La lista degli ingredienti dei rotolini di zucchine e tacchino è abbondante, ma le protagoniste rimangono le zucchine. Esse fungono da copertura, ovvero da strato esterno dei rotolini. Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare le zucchine gialle, che offrono un sapore leggermente più dolce e acidulo rispetto alle varianti più diffuse. Il giallo è dovuto alla presenza del betacarotene, una sostanza che funge da antiossidante. Il betacarotene è importante anche perché facilita l’assorbimento della vitamina A, che giova alla vista e alla pelle.

Per il resto le zucchine gialle presentano lo stesso profilo nutrizionale delle altre varietà. Sono ricche di vitamina C, di potassio e altre sostanze nutritive. Sono ricche anche di fibre e di acqua, per questo agiscono come digestivo e detossinante. L’apporto calorico è molto basso, pari a 11 kcal per 100 grammi.

Il prosciutto crudo fa ingrassare?

Uno degli strati dei rotolini di zucchine e tacchino è composto dal prosciutto curdo. La sua presenza è giustificata dal sapore sapido che trasmette, capace di creare un bel contrasto con quello più dolce delle zucchine e del tacchino. Alcuni potrebbero storcere il naso, in quanto si tratta pur sempre di un salume e quindi molto grasso. In realtà raramente va oltre le 300 kcal, ponendosi sullo stesso piano delle altre carni trattate. In ogni caso è ricco di proteine, dunque merita di essere consumato con moderazione.

Un altro elemento di carne presente nei rotolini è dato dalla fesa di tacchino, anch’essa molto proteica ma meno grassa, quindi adatta ad essere integrata nelle diete dimagranti. Il tacchino è una carne bianca ricca di sali minerali, come il ferro. In occasione di questa ricetta, sia il prosciutto crudo quanto la fesa di tacchina vanno tagliate in modo abbastanza sottile e ridotte a fette della medesima larghezza delle zucchine. Questo aspetto è importante in quanto incide sulla stabilità dei rotolini.

Rotolini di zucchine e tacchino

Tutta la bontà della fontina nei rotolini di zucchine e tacchino

I rotolini di zucchine e tacchino, allorché leggeri, appaiono piuttosto completi sul piano nutrizionale. Troviamo infatti anche un elemento caseario come la fontina, un formaggio originario della Valle d’Aosta e diffuso ormai in tutta Italia. E’ considerato perfetto per le farciture, a tal punto che lo si trova spesso nei panini e nei sandwich. Il motivo risiede nel suo sapore delicato, che ben si adatta agli altri ingredienti. E’ mediamente stagionato ma comunque abbastanza calorico: un etto di fontina sfiora le 400 kcal.

Per il resto propone gli stessi principi nutritivi degli altri formaggi. E’ ricco di proteine (26 grammi ogni etto), di calcio e di vitamina D. Oltre all’apporto calorico, la fontina contiene molto sodio, ma basta limitarne le dosi e non abbondare con il sale per ovviare al problema. In occasione di questa ricetta la fontina forma lo strato più interno dei rotolini. Va anch’essa tagliata a fette della medesima larghezza degli altri ingredienti.

Come valorizzare i rotolini di zucchine e tacchino?

I rotolini di zucchine e tacchino sono degli antipasti semplici, che si preparano in pochi minuti. Anche in virtù di ciò sono soggetti a qualche variazione, dando sfogo alla propria creatività. Entro certi limiti potete sostituire gli ingredienti con altri che incontrano maggiormente il vostro apprezzamento, o anche solo per creare una entrée più variegata. Per esempio, potreste sostituire le zucchine con le melanzane o con la zucca. Il tacchino, invece, può lasciare il posto al pollo, che deve essere tagliato un po’ più spesso. Il prosciutto crudo, poi, può essere sostituito dallo speck o dal cotto, se desiderate dei sentori più delicati.

E per quanto concerne la fontina? Le possibilità in questo caso sono numerose. Il formaggio che più le assomiglia per sapore e consistenza è la gruviera. Potete però optare anche per la mozzarella, soprattutto se desiderate un ripieno molto cremoso. I formaggi più stagionati invece sono poco indicati, in quanto troppo rigidi.

Ricette di antipasti ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (10 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...

Involtini di zucchine gialle

Involtini di zucchine gialle, dei rotolini davvero deliziosi

Involtini di zucchine gialle: al forno o in padella? Gli involtini di zucchine gialle, come quelli di carne, si possono cuocere in padella. Questo metodo, sebbene tradizionale, tende ad essere più...

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...