logo_print

Blinis con salmone, un antipastino di classe

Blinis con salmone
Stampa

Blinis con salmone, un delicato mix di ingredienti

Il blinis con salmone e panna acida è un antipasto della gastronomia russa. Rappresenta una variante del blinis “normale”, che a dire il vero è famoso anche oltre i confini della Russia. Si tratta di una focaccina salata molto gustosa e morbida, realizzata con farina, latte e uova. L’impasto è in realtà una pastella, che viene cotta direttamente in padella. Il blinis viene farcito a piacere, in modo che possa fungere da snack. In questo caso propongo un accompagnamento molto elegante, fatto con il salmone e la panna acida.

Realizzare il blinis, se non è esattamente un gioco da ragazzi, poco ci manca. Si tratta infatti di unire le farine setacciate ai tuorli, al latte riscaldato e all’albume montato. L’impasto che, come ho già detto, è in realtà una pastella molto morbida, va poi coperto con una pellicola trasparente e fatto riposare in frigo per circa un’ora. La cottura è piuttosto banale, in quanto consiste in un passaggio in padella dalla durata di un paio di minuti. Ovviamente ricordatevi di girare i blinis a metà cottura. Per questa ricetta propongo un mix di farine senza glutine e grano saraceno, una soluzione per i celiaci e per gli intolleranti al glutine. Nessuno, però, vi vieta di utilizzare la farina classica.

Tutti i pregi della farina di grano saraceno

La protagonista di questa ricetta del blinis con salmone, che è una variante di quello tradizionale, è il grano saraceno. Sebbene sia presente in dosi minori, rispetto alle altre farine presenti nella lista degli ingredienti, è responsabile in toto (o quasi) del sapore di queste deliziose focaccine. Il grano saraceno, d’altronde, ha un gusto forte e inconfondibile. La caratteristica principale del grano saraceno è la totale assenza di glutine, il ché lo rende compatibile con i regimi dietetici dei celiaci e degli intolleranti al glutine.

Blinis con salmone

Ma questo non è il suo unico pregio, infatti ha una quantità eccezionale di fibre, che supera la maggior parte degli altri cereali. Questa caratteristica lo rende un alleato per chi soffre di stitichezza o intestino pigro, e rende l’ingrediente un supporto formidabile ai processi digestivi. Per il resto, il grano saraceno si impone come un’ottima fonte di sali minerali quali il ferro, il magnesio, il calcio, il manganese e – soprattutto – il potassio. Dice la sua anche in quanto a vitamine, dal momento che contiene quelle del gruppo B. L’apporto calorico della farina di grano saraceno, di contro, è paragonabile a quello delle altre farine.

Salmone, un pesce perfetto e ricco di nutrienti

Il salmone è il condimento principale del blinis che vi propongo oggi. E’ un pesce prezioso, apprezzato un po’ da tutti per la tenerezza delle sue carni e per il sapore spiccato, con punte di dolcezza rare per una specie ittica. Si caratterizza, però, per un apporto calorico di gran lunga superiore alla maggior parte degli altri pesci, pari a 210 kcal. Il motivo di tale apporto è dovuto alla consistente quantità di grassi, si tratta però di grassi buoni (come gli omega tre) che fanno bene al cuore, alla vista e alle capacità cognitive.

Il salmone, poi, è un’ottima fonte di vitamine, infatti contiene la vitamina B3 che favorisce la digestione e contribuisce alla salute della pelle. Risultano elevate anche le quantità di selenio e di fosforo, un minerale tradizionalmente associato alle specie ittiche. Ovviamente è una buona fonte di proteine, nello specifico contiene 19 grammi per etto (praticamente come la maggior parte delle carni bianche e rosse). Per quanto concerne le controindicazioni, il salmone contiene metilmercurio in dosi inferiori a quelle degli altri pesci.

Ecco la ricetta del blinis con caviale, salmone e panna acida:

Ingredienti per 6 persone:

  • 150 gr. di mix di farina senza glutine per pane,
  • 50 gr. di farina di grano saraceno,
  • 2 uova,
  • 2 dl. di latte intero consentito,
  • 10 gr. di lievito di birra,
  • 300 gr. di salmone affumicato,
  • 100 gr. di panna acida,
  • 80 gr. di cetriolini sott’aceto,
  • 1 mazzetto di erba cipollina,
  • 1 limone,
  • q. b. di caviale,
  • 20 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del blinis con salmone iniziate facendo riscaldare il latte e sciogliendo il lievito. Poi setacciate le farine che avete a disposizione, aggiungete il latte con il lievito, i tuorli, un po’ di sale e un po’ di pepe. Infine, applicate una pellicola trasparente e fate riposare per 60 minuti in frigo. Trascorso questo lasso di tempo, incorporate gli albumi montati a neve nella pastella che avete preparato. Poi, versate il composto gradualmente in una padella antiaderente unta di burro e cuocete per circa un minuto, ora girate e cuocete ancora per un altro minuto. I blinis “classici” sono pronti!

Infine, mescolate la panna acida insieme all’erba cipollina tagliata in modo molto sottile. Intanto fate a spicchi i cetriolini. Concludete adagiando i blinis sui piatti di portata, posizionate sopra il salmone affumicato tagliato a fette, poi accompagnate il tutto con la panna acida, un po’ di caviale, delle fettine di limone, i cetriolini e un po’ di erba cipollina.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti