Antipasto sfizioso? Alberelli di sfoglia al pesto genovese!

Tempo di preparazione:

Ecco un antipasto facile e gustoso: gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese

Tra gli antipasti più di successo (anche per quanto riguarda i bambini!), ci sono senza dubbio gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese. Bellissimi da guardare, facili da preparare e gustosissimi da assaporare in compagnia, questi antipasti sono perfetti per aprire un pranzo o una cena elegante, ma anche da preparare ogni tanto per una festa, per la propria famiglia o quando si aspettano degli amici per un aperitivo.

Tra gli ingredienti principali di questi appetizers c’è ovviamente il pesto alla genovese, così chiamato proprio perché nasce nella ridente Liguria, tra montagna e mare, in una terra dove il basilico cresce rigoglioso in una varietà particolarmente saporita. Dalla Liguria, il pesto si è diffuso un po’ in tutta Italia e oggi lo assaporiamo in modo diverso dal solito: con gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese!

Il protagonista… è sempre il basilico!

Tra i piatti che prevedono l’utilizzo del pesto di basilico, ci sono appunto gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese. Anche se non si tratta di una ricetta portata frequentemente sulle nostre tavole, vi suggerisco di provarla al più presto. Preparare il pesto non è difficile: basta conoscere le dosi della ricetta originale e soprattutto accertarsi di utilizzare del basilico di ottima qualità. In alternativa, lo possiamo comprare già fatto, prediligendone uno fresco e preparato con ingredienti semplici e genuini.

In entrambi i casi, potremo portare in tavola il basilico, ovvero un’erba aromatica diffusissima in tutte le regioni d’Italia, che cresce in ogni stagione e che beneficia del clima mediterraneo poiché per proliferare ha bisogno di tanta luce solare. Si tratta di una pianta dalle notevoli proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, particolarmente ricca di vitamina K e manganese, e capace di donare ai nostri alberelli di sfoglia al pesto alla genovese un sapore davvero unico!

Sfoglia e pesto: due semplici ingredienti per un antipasto nutriente come gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese

A fronte di un ridottissimo apporto calorico (appena 22 calorie ogni cento grammi), il basilico contiene grandi quantità di vitamine e minerali. Tra le vitamine in esso contenute, troviamo la A, la B1, la B6, la C, la E e ovviamente la vitamina K. Tra i minerali, oltre al manganese, grazie agli ingredienti principali degli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese, potremo avvalerci di una buona dose di calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio e zinco.

Il nostro delizioso antipasto sarà dunque nutriente e ricco di tutte queste sostanze, che rappresentano un vero e proprio toccasana per l’organismo umano, oltre che goloso… ragioni per cui potrete preparare gli alberelli di sfoglia al pesto alla genovese con tanta tranquillità e soddisfazione! Se poi opterete per la pasta sfoglia senza grassi idrogenati, come consigliato nella ricetta, certamente il vostro organismo vi ringrazierà e il vostro palato non potrà comunque fare a meno di gioire!

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita
  • 1 vasetto di pesto
  • 30 gr. di parmigiano reggiano 36 grattugiato
  • 2 cucchiai di  olive verdi denocciolate
  • 250 g. formaggio tipo emmental o simile tagliato a cubetti

Per formare gli alberelli: alcuni spiedini in legno

Preparazione

Ricavate dal lato più lungo della sfoglia delle strisce larghe circa 2 cm (potrete usare come riga un righello ben lavato e asciugato).

Prima di spostare le strisce ottenute, spalmatele con il pesto e spolverizzatele con il parmigiano grattugiato.

Partendo da un lato, ripiegate la striscia su se stessa ricavando l’alberello. Infilzatela delicatamente con uno spiedino e procedete così fino a esaurimento della sfoglia.

Mettete gli alberelli su una placca coperta con carta forno e fate cuocere a circa 200°C per 20 minuti.

Quando saranno cotti, posizionate un’oliva sulla cima di ogni alberello e serviteli in tavola. Si possono inserire su un cubetto di formaggio.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *