Gnocchi al Gorgonzola Dop, anche per gli intolleranti

Gnocchi al Gorgonzola

Gnocchi al Gorgonzola Dop, anche per gli intolleranti. Questi gnocchi al Gorgonzola Dop sono un primo piatto delizioso in grado di soddisfare anche i palati più esigenti  e sono amati anche dai bambini. I miei nipotini, quando sono da me, vogliono gnocchi al gorgonzola o pasta al pesto.

Al contrario a ciò che si possa pensa pensare, gli gnocchi non sono un’esclusiva della tradizione italiana.

Ma essendo un cibo antichissimo e appunto declinabile in molteplici varietà rappresentano una preparazione di cucina molto diffusa in molti Paesi del mondo. Presentando ovviamente differenze notevoli sia nella forma che nell’ingrediente principale

Esistono gli gnocchi con la farina di frumento, di riso, di semola oppure gli gnocchi con patate, pane secco, tuberi o verdure varie.

Come ogni “nonna” insegna, quelli classici si fanno con le patate vecchie. Teniamo conto anche che in Italia ogni regione ha la sua ricetta. Infatti è sufficiente modificare un ingrediente ed ecco che gli gnocchi cambiano colore o sapore. E questo è uno degli elementi più affascinanti di questa pietanza.

gnocchi al gorgonzola

Gnocchi al Gorgonzola Dop: l’unicità del formaggio

Il Gorgonzola è l’unico formaggio a pasta molle privo di lattosio, ovvero lo zucchero contenuto nel latte e nei suoi derivati. Dunque può essere consumato in tutta tranquillità anche da chi è affetto dalla relativa intolleranza alimentare.

Ad affermarlo, tra gli altri, è Mario Del Piano, specializzato in malattie dell’apparato digerente e dal 1995 primario di  all’ospedale di Novara. L’unicità del Gorgonzola o dello zola com’è chiamato nelle terre natìe risiede proprio in questo, nell’essere un formaggio universale. 

Gli unici che devono evitare o ruotare il consumo di questo formaggio sono gli intolleranti al nichel. L’abbinamento può essere straordinario per quel sapore intenso e dal retrogusto “lungo” che lo zola conferisce al piatto. Non a caso questa pietanza è diffusa un po’ ovunque nella Penisola, anche ben al di fuori delle tradizionali zone di produzione e radicamento di questo formaggio.

Che sono il Piemonte orientale e la Lombardia occidentale, a cavallo tra le province di Milano e Novara. Il consiglio è di stare alla larga dalle imitazioni e scegliere solo il Gorgonzola Dop.

Il gorgonzola ha le striature verdi che sono dovute al processo per erborinare, cioè alla formazione di muffe. Questo formaggio ha l’aspetto cremoso e morbido con un sapore molto particolare e c’è ne sono due qualità: piccante e dolce. Il primo è più consistente e friabile con la pasta più erborinata, il secondo invece ha un aspetto morbidoso.

Per poter gustare al massimo la cremosità del dolce, è consigliabile toglierlo dal frigorifero un’oretta prima di consumarlo.

Viene  prodotto con latte pastorizzato che proviene da stalle situate nella zona di origine. Al latte vengono aggiunti fermenti lattici e muffe selezionate.

Dopo 3/4 settimane di stagionatura, le forme vengono forate con appositi aghi metallici per permettere il passaggio dell’aria e favorire così lo sviluppo delle muffe. Per ottenere le qualità più piccanti si prolunga la stagionatura.

I formaggi erborinati non sono consigliati a chi segue una dieta a basso contenuto di nichel.

Ecco la ricetta degli Gnocchi al gorgonzola Dop

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr. di gnocchi di patate,
  • 100 gr gorgonzola dolce IGOR,
  • 4/5 cucchiai di panna liquida fresca consentita,
  • 2 cucchiai parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato,
  • un pizzico di noce moscata,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Preparare gli gnocchi di patate è molto semplice e partite proprio dagli gnocchi di patate fatti in casa.

Togliete la crosta al e tagliate a cubetti il gorgonzola. Mettetelo in una casseruola, unite la panna, insaporite con una macinata di pepe e la noce moscata.

A fuoco basso, amalgamate gli ingredienti, mescolando con un cucchiaio per far sciogliere il formaggio. Continuate fino ad ottenere una salsa al gorgonzola omogenea. Non utilizzate il cucchiaio di legno se avete ospiti celiaci.

Ora fate cuocere gli gnocchi per pochi minuti. Tuffateli in un pentola con abbondante acqua salata in ebollizione, mescolateli con delicatezza e, via via che vengono a galla, scolateli con un mestolo forato.

Disponeteli in un piatto da portata profondo e conditeli con la crema al gorgonzola. Mescolateli, spolverateli di parmigiano grattugiato e serviteli caldissimi.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di cardi

Zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano,...

Zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano, un piatto sostanzioso e leggero La zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano è un primo piatto ricco di proteine, ma comunque leggero. E’ realizzato con...

Corzetti con porcini

Corzetti con porcini, un primo rustico e raffinato

Corzetti con porcini, un primo ricco ma leggero I corzetti con porcini sono un primo piatto che riconcilia con la più antica tradizione italiana, infatti sono realizzati con ingredienti semplici,...

Minestrone con finocchi e cavolfiore

Minestrone con finocchi e cavolfiore, un primo leggero

Minestrone con finocchi e cavolfiore, quando un piatto classico è anche buono Il minestrone con finocchi e cavolfiore è un primo tradizionale, ossia la classica ricetta semplice da realizzare e in...

Mafalde con camembert e broccoletti

Mafalde con camembert e broccoletti, un primo cremoso

Mafalde con camembert e broccoletti, il segreto è nella pasta Le mafalde con camembert e broccoletti sono una splendida idea per un primo piatto fuori dall’ordinario, che coniuga gusto e...

Zuppa thai con pollo e cocco

Zuppa thai con pollo e cocco, una delizia...

Zuppa thai con pollo e cocco, in diretta dalla cucina thailandese. La zuppa thai con pollo e latte di cocco (Tom Kha Gai ) è un primo piatto dalla texture vellutata, dal gusto complesso ma adatto a...

Crema di patate e cavolfiori

Crema di patate e cavolfiori, piatto elegante e...

Crema di patate e cavolfiori, un primo tra il rustico e il gourmet La crema di patate e cavolfiori è un primo piatto molto particolare. Lo si può notare dalla lista degli ingredienti, che propone...

27-03-2010
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti