bg header
logo_print

Tomino in crosta, ricetta per valorizzare il formaggio

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tomino in crosta
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Natale
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 20 min
dosi
Ingredienti per: 8 persone
Stampa
Array
5/5 (423 Recensioni)

Tomino in crosta di sfoglia, una delizia pronta in pochi minuti

Il tomino in crosta è un’ottima idea per un antipasto corposo o per una deliziosa merenda salata. E’ facile da preparare, e richiede giusto cinque ingredienti: la pasta sfoglia, il tomino, un uovo, lo speck e un po’ di sale. Il risultato è assicurato dalla presenza del tomino, che è uno dei formaggi più buoni in assoluto, e anche quello con le caratteristiche più sui generis. Di base, è un formaggio misto ovino vaccino, a pasta molle, con crosta bianca di stagionatura breve (minimo dieci giorni e massimo quaranta). La consistenza è morbida e burrosa, anche se può variare in base alla stagionatura. Un po’ come molti formaggi ellenici, tende a non fondere. Da qui la presenza di ricette che prevedono una sua cottura in assenza totale di panatura, come in questo caso. Il tomino è un formaggio tipico del Piemonte che si fregia del marchio PAT, Prodotto Agroalimentare Tradizionale.

Il trattamento riservato al tomino in questa ricetta è molto semplice, infatti va avvolto nelle fette di speck (due per ogni tomino) e “impacchettato” nella pasta sfoglia. Dopodiché, va cotto al forno per una ventina di minuti. Nonostante il procedimento sia molto semplice, quasi banale, dà vita a un antipasto-snack davvero gustoso.

Potete sostituire lo speck con fette di prosciutto cotto. Io lo preparo spesso per amici o parenti, servendolo nei miei piatti Brandani, che amplificano l’effetto di una pietanza “bella”, oltre che buona. L’impatto visivo del tomino in crosta è dettato da una suggestivo mix di colori. Al bianco candido del tomino, si accompagna il rosso dello speck, a sua volta valorizzato dal giallo dorato della pasta sfoglia spennellata con l’uovo. Un effetto, questo, che si riscontra anche in altre pietanze con crosta, mi riferisco in particolare al pollo con crosta, ma potrei fare tanti altri esempi.

Ricetta tomino in crosta

Preparazione tomino in crosta

Per la preparazione del tomino in crosta iniziate avvolgendo ciascun tomino con due fette di speck. Ricavate otto quadrati dalla pasta sfoglia e usateli per avvolgere i tomini. Poi date qualche spennellata di uovo sbattuto e condite con un pizzico di sale.

Praticate dei tagli trasversali superficiali e disponeteli su una teglia con carta da forno. Infine cuocete i tomini al forno ventilato per 20 minuti a 200 gradi, oppure per 25 minuti a 190 gradi, se avete a disposizione un forno statico. Controllate che siano ben dorati e servite. Vi consiglio di portarli in tavola ben caldi.

Ingredienti tomino in crosta

  • 2 rotoli di pasta sfoglia consentita
  • 8 tomini il Boscaiolo senza Lattosio
  • 16 fette di speck
  • 1 uovo
  • q. b. di sale.

Non un tomino qualsiasi

Per sfruttare al meglio questo tomino in crosta, vi consiglio di non lesinare sul tomino. Anzi, optate solo per prodotti di qualità. Io personalmente scelgo sempre il Tomino Del Boscaiolo del Caseificio Longo, che è uno dei migliori in circolazione. Testimonia, tra l’altro, la capacità del Caseificio Longo di offrire esclusivamente formaggi di qualità, che rispettano la tradizione dei territori. Questo tomino spicca per la compattezza, frutto di una stagionatura media che non compromette la morbidezza del formaggio. Il processo di produzione è sostanzialmente artigianale, e rispetta lealmente la tradizione del torinese.

Tomino in crosta

Tra l’altro, il Caseificio Longo associa tradizione e modernità, abbinando il tutto alle esigenze alimentari di chi soffre di intolleranza al lattosio. Infatti, propone anche una variante lactose-free, che è buona esattamente come quella standard. D’altronde, il processo di rimozione del lattosio, pur essendo totalmente naturale, non incide minimamente sul gusto.

Lo speck è un alimento salutare?

Qualcuno potrebbe storcere il naso per la presenza dello speck nel tomino in crosta. D’altronde si tratta di un insaccato, e gli insaccati fanno male in base all’immaginario collettivo. Ebbene, se non è un pregiudizio, poco ci manca. Soprattutto lo speck, infatti, si caratterizza per l’elevata concentrazione di proteine, che tra l’altro vantano tutte un elevato valore biologico. Basti pensare che 100 grammi di speck contengono ben 29 grammi di proteine.

La presenza dei grassi è sostenuta, ma comunque inferiore a molti altri insaccati. L’apporto calorico, di conseguenza, è equilibrato e si attesta sui 295 kcal per 100 grammi. Certo, il sodio è presente, ma basta consumare lo speck senza eccessi per non trarne alcun effetto collaterale. Per quanto riguarda i nitriti e i nitrati, sostanze che non godono di una buona fama, sono presenti in una misura assolutamente paragonabile agli altri insaccati. Dunque, perchè privarsi di un consumo equilibrato dello speck? Siete pronti per preparare questo antipasto facilissimo? Potrebbe essere servito anche come secondo piatto accompagnato da un contorno.

Ricette in crosta ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (423 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta con pere e cioccolato

Torta con pere e cioccolato, una delizia per...

Le proprietà della pera abate La torta con pere e cioccolato propone un modo diverso di utilizzare le pere. Innanzitutto occorre saperle scegliere. Per l’occasione vi consiglio le pere abate, che...

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Roscon de Reyes

Roscon de Reyes, per un’Epifania alla spagnola

Un impasto davvero particolare L’impasto del Roscon de Reyes è molto particolare e diverso dagli impasti a cui siamo abituati. Tuttavia è un impasto ricco di glutine, in quanto realizzato con...