Polpettone in crosta con pioppini e porri, singolare

Polpettone con pioppini e porri
Commenti: 0 - Stampa

Polpettone in crosta con pioppini e porri, connubio tra carne e frutta secca.

Il polpettone in crosta con pioppini e porri è un secondo piatto molto particolare, sia per l’impatto visivo che per il gusto. Si presenta, infatti, con una gradevole copertura in pasta sfoglia, che viene applicata seguendo un criterio decorativo, oltre che cromatico. Il giallo pallido della pasta sfoglia, infatti, esalta le tonalità tradizionalmente scure del polpettone vero e proprio. Dal punto di vista organolettico, questo polpettone in crosta aggiunge qualcosa in più rispetto ai classici polpettoni. Infatti la lista degli ingredienti comprende anche la frutta secca, e nello specifico le castagne e le nocciole. Il sapore è dunque più complesso, ma comunque bilanciato e apprezzabile da tutti.

La ricetta è semplice e non si discosta molto da quella dei normali polpettoni. L’unica differenza riguarda, appunto, l’applicazione della pasta sfoglia, che va arrotolata intorno al polpettone. Un’operazione all’apparenza non facile, ma resa agevole se si utilizza la carta forno come leva. La “crosta” è poi valorizzata dalle strisce di pasta sfoglia che vengono adagiate su di essa, creando una serie di rilievi dal gradevole impatto visivo. Tecnicamente il polpettone in crosta con pioppini e porri è un secondo. Tuttavia, può essere considerato anche un pasto completo, dal momento che apporta i carboidrati oltre che le proteine. Essi, infatti, sono garantiti proprio dalla pasta sfoglia.

Cosa sono i pioppini?

Uno dei punti di forza di questo polpettone con pioppini e porri è, paradossalmente, il contorno. Il piatto, infatti, prevede anche la realizzazione di un accompagnamento. Nello specifico si tratta di un mix di porri e pioppini rosolati. Con il termine “pioppini” si intende una specie di funghi molto apprezzata e consumata, anche perché cresce rigogliosa nei nostri boschi. I pioppini sono confusi spesso con i chiodini per via dell’assonanza nel nome e della forma, che è abbastanza simile. Entrambi sono funghi di piccole dimensioni e dal gambo sottile. Tuttavia, i chiodini hanno un cappello largo, mentre il cappello dei pioppini è più simile a quello dei porcini. I pioppini sono conosciuti anche come funghi chiodini.

Polpettone con pioppini e porri

Ad ogni modo, i pioppini sono tra i funghi più validi in termini nutrizionali. Sono poco calorici, dal momento che 100 grammi di prodotto apportano solo 30 kcal. Sono poveri di grassi, carboidrati e proteine. In compenso, però, sono ricchi di vitamine e sali minerali, infatti contengono calcio, magnesio, potassio e soprattutto la vitamina D, una sostanza piuttosto rara in natura e capace di rafforzare il sistema immunitario.

Crescono spontaneamente nei boschi durante l’autunno e possono assumere colori diversi a seconda dell’albero che li ospita. Sono perfetti, come altri tipi di funghi, per chi segue una dieta ipocalorica visto che contengono pochissime calorie. Per averli sempre a portata di mano, anche dopo l’autunno, potete prepararli sott’olio.

Una cosa importante: pulite i funghi con cura. Per evitare intossicazioni o brutte sorprese, questi funghi devono sempre essere cucinati accuratamente. Le tossine contenuti nei chiodini possono essere eliminate immediatamente attraverso una bollitura di almeno 15 minuti. Nell’acqua di cottura è preferibile aggiungere sale e succo di limone o aceto. Mentre cucinano, inoltre, dovrete eliminare la schiuma che affiora sul bordo dell’acqua. A una temperatura di 65-70°C, questi funghi saranno pronti per essere preparati in tanti modi, senza rischi e pericoli per la salute. Ovviamente, non dovrete assolutamente riutilizzare l’acqua di cottura.

Le proprietà organolettiche e nutrizionali dei porri

Il contorno del polpettone in crosta di pasta sfoglia è realizzato anche con i porri. Con il loro sapore vagamente pungente e dolciastro accompagnano quello più forte e lineare della carne. I porri spiccano non solo per il sapore, ma anche per le proprietà nutrizionali. Come tutte le specie vegetali della medesima categoria sono ipocalorici: un etto di porri contiene solo 60 kcal.

In compenso sono ricchi di vitamine e sali minerali, come il potassio, il calcio e il fosforo. Contengono anche molta vitamina C e tracce non trascurabili di vitamina K ed E. I porri sono ricchi sia di acqua che di fibre, dunque possono fungere da diuretici e da moderati lassativi. In occasione di questa ricetta, i porri vanno prima rosolati in solitaria e successivamente cotti con i funghi.

Ecco la ricetta del polpettone in crosta con pioppini e porri:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare consentita,
  • 800 gr. di carne macinata,
  • 150 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • 1 uovo,
  • 100 gr. di nocciole tritate,
  • 200 gr. di castagne precotte,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Per il contorno:

  • 2 porri,
  • 200 gr. di funghi pioppini,
  • un rametto di timo,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • un pizzico di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del polpettone con pioppini e porri iniziate facendo a pezzi le castagne, poi mettetele da parte. In una ciotola unite la carne trita, il formaggio grattugiato, l’uovo, le nocciole e le castagne. Salate, pepate e mescolate con le mani come se doveste impastare; manipolate il composto per conferirgli la forma di un classico polpettone. Ora stendete la pasta sfoglia e poggiate sopra il polpettone. Facendo leva con la carta forno coprite il polpettone con la sfoglia e sigillate le estremità esercitando una leggera pressione con le dita.

Con la pasta sfoglia rimasta create delle strisce che avvolgerete intorno al polpettone, a mo’ di decorazione. Cuocete il polpettone al forno a 200 gradi per 40 minuti, mi raccomando il forno deve essere già caldo. Intanto occupatevi del contorno. Tagliate via la parte inferiore del gambo dei pioppini, poi passateli sotto l’acqua corrente per pulirli dai residui di terra. Versateli in una ciotola e unite un cucchiaio di bicarbonato. Lasciateli così per 10 minuti, poi sciacquateli con cura sotto l’acqua corrente.

Ora pelate e lavate i porri, poi fateli a fette. Versate l’olio in una padella antiaderente, unite il porro e cuocete per 10 minuti, infine aggiungete anche i funghi pioppini. Salate, condite con il timo tritato e cuocete per altri 10 minuti. Prelevate il polpettone dal forno, lasciate raffreddare e affettatelo. Concludete impiattando il polpettone con il contorno di funghi pioppini e porri.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-10-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti