bg header
logo_print

Pizzi leccesi, le splendide focacce salentine

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pizzi leccesi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina regionale
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (6 Recensioni)

Pizzi leccesi, tutti i sapori del mediterraneo

I pizzi leccesi sono un magnifico esempio di street food e finger food mediterraneo. Possono essere considerate delle focaccine morbide dalla superficie gradevolmente ruvida, farcite con un mix di ortaggi e olive. In bocca il sapore è importante, in quanto trasmette tutta la corposità di un impasto rustico e i sentori intensi del condimento. I pizzi leccesi sono perfetti per uno spuntino abbondante o come sostituto di una cena o di un pranzo. D’altronde, pur non essendo affatto dietetici, sono completi dal punto di vista nutrizionale.

Per la ricetta ho preso spunto da Fulvio Marino, un professionista di panificazione. L’impasto richiede nel complesso quattro ore di lievitazione, ma è realizzato con ingredienti semplici. La cottura, invece, avviene al forno a temperatura molto elevata (240 gradi). Il condimento, pur essendo variegato, si prepara in pochi minuti. Si inizia rosolando le cipolle e, a seguire, si aggiungono gli altri ingredienti e si portano a cottura.

Ricetta pizzi leccesi

Preparazione pizzi leccesi

Per preparare i pizzi leccesi dovrete iniziare dall’impasto. In una ciotola versate la farina, l’acqua (poco per volta) e il lievito ridotto in briciole. Impastate il tutto con cura, prima con un cucchiaio e poi con le mani.

A questo punto incorporate l’olio e impastate ancora, poi aggiungete il sale e pochissima acqua. Impastate nuovamente a lungo, in modo da ottenere un impasto uniforme e granuloso. Infine fatelo lievitare a temperatura ambiente per 2 ore.

Nel frattempo occupatevi del condimenti. Affettate le cipolle e rosolatele in una padella con poco olio, infine incorporate gli altri ingredienti e cuocete per qualche minuto. Fate raffreddare il condimento e inseritelo nell’impasto facendo un buco al centro.

Versate l’impasto sulla spianatoia cosparsa di farina, poi prelevate delle palline da 100 grammi usando le mani bagnate. Ponete ciascuna pallina su una teglia foderata con carta forno e infarinata. Fate lievitare per altre due ore e cuocete a 240 gradi per 18 minuti.

Per l'impasto:

  • 500 gr. di farina zero,
  • 200 gr. di acqua,
  • 7 gr. di lievito di birra,
  • 25 gr. di olio extravergine di oliva,
  • 6 gr. di sale.

Per il condimento:

  • 2 cipolle,
  • 50 gr. di pomodori pelati,
  • 20 gr. di capperi,
  • 30 gr. di olive nere,
  • 30 gr. di olio extravergine di oliva,
  • 1 cucchiaio di origano,
  • un pizzico di sale.

Un focus sui capperi

I pizzi leccesi sono apprezzati per il sapore ricco e a tratti intenso. Il merito va anche ai capperi, che possono essere considerati i protagonisti del ripieno. Andrebbero usati i capperi sotto sale, che sono quelli che conservano in maniera più fedele il sapore originale. Tuttavia vanno dissalati con attenzione, lavandoli più volte sotto l’acqua corrente. Anche in questo modo, però, conservano un po’ di sodio, quindi occorre limitare al minimo l’aggiunta di sale.

I capperi offrono molto anche dal punto di vista nutrizionale, infatti sono ricchi di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina C, che esercita un impatto positivo sulle difese dell’organismo e aiuta ad assorbire il ferro, che garantisce la giusta ossigenazione del sangue. Contengono anche il potassio e il calcio, sostanze coinvolte nella pressione sanguigna e nella salute delle ossa. L’apporto calorico, poi, è davvero minimo, pari a 30 kcal per 100 grammi.

Perché abbiamo scelto le olive nere per i pizzi leccesi?

Anche le olive nere giocano un ruolo fondamentale per il condimento dei pizzi leccesi. Perché proprio le olive nere? Il motivo è semplice, rispetto a quelle verdi conferiscono un sentore meno acidulo e più aromatico, che interagisce bene con la corposità dell’impasto e con gli altri ingredienti della farcitura. Inoltre le olive nere fanno bene alla salute, infatti contengono un quantitativo importante di acidi grassi omega 3, che aumentano l’apporto calorico ma giovano al cuore e alla circolazione. Ciononostante, le olive nere non rappresentano un problema per la linea, in quanto forniscono solo 120 kcal per 100 grammi.

Inoltre, questo tipo di olive sono ricche di antiossidanti, che rallentano l’invecchiamento, ottimizzano i processi cellulari e aiutano a prevenire il cancro. Infine troviamo una certa abbondanza di sostanze nutritive, come la vitamina E, il potassio e il magnesio.

Pizzi leccesi

Una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari?

I pizzi leccesi sono adatti a chi soffre di intolleranze alimentari o disturbi dell’assorbimento? Per quanto concerne gli intolleranti al lattosio non c’è nessun problema. Il ripieno, infatti, non contiene derivati del latte, ma semplicemente alimenti di origine vegetale. Discorso più complesso per quanto concerne i celiaci. Di norma i pizzi vanno realizzati con la farina doppio zero, che contiene glutine. Tuttavia, potete modificare la ricetta originale e utilizzare altre farine, come l’accoppiata farina di riso e farina di mais.

Cattive notizie, invece, per gli intolleranti al nichel, che compiono veri e propri salti mortali per evitare la sostanza incriminata. Infatti, la ricetta chiama in causa molti alimenti contenenti nichel, a partire dai pomodori. Un’idea potrebbe essere quella di sostituire il ripieno, ma in questo caso si devierebbe troppo dalla ricetta originale.

Come preparare l’impasto dei pizzi leccesi?

La ricetta dei pizzi leccesi non è molto complessa. L’unico elemento di difficoltà è dato dall’impasto, che in effetti è un po’ laborioso. Vi basterà però seguire le indicazioni per non sbagliare. Il procedimento consta di varie fasi. Si inizia impastando la farina con il lievito e l’acqua, poi si aggiunge l’olio e un pizzico di sale. Infine si impasta ancora fino ad ottenere un composto uniforme e granuloso, che va fatto lievitare per ben due ore.

Dopo questa prima fase di lievitazione va inserito il condimento all’interno dell’impasto. Poi si formano i pizzi a partire da palline di 100 grammi ciascuna. Queste vanno fatte lievitare ancora e infine cotte al forno a 240 gradi per 18 minuti. Otterrete così delle deliziose focaccine ripiene di pomodori, capperi e olive, dal sapore intenso e dal carattere mediterraneo.

Ricette di street food ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (6 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Jalapenos Ripieni

Jalapenos ripieni, un delizioso piatto messicano

Il jalapeno, un peperoncino da scoprire La ricetta dei jalapeno ripieni ci danno modo di parlare di questo tipo di peperoncini di media grandezza e di colore rosso o verde, inoltre sono abbastanza...

Hamburger di quinoa con broccoli e zucchine

Hamburger di quinoa con broccoli e zucchine, una...

Gli altri ingredienti di questo alternativo hamburger di quinoa L’impasto di questi hamburger di quinoa è arricchito da altri ingredienti che da un lato agiscono sul sapore e dall’altro...

Kofte

Kofte, dalla Turchia polpette di carne speziate e...

Cosa sapere sulla carne di agnello La vera peculiarità delle kofte, almeno rispetto alle nostre polpette, consiste nel tipo di carne macinata utilizzata. In questo caso non si usa il suino, che è...