bg header
logo_print

Torta salata con il baccalà, una ricetta corposa e nutriente

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta salata con il baccalà
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Torta salata con il baccalà, una torta diversa dalle altre

La torta salata con il baccalà è una torta salata dal gusto speciale. Il motivo di ciò risiede nel ripieno, che unisce l’elemento vegetale a quello ittico, secondo una combinazione di ingredienti quasi inedita, che offre molto e sotto tutti i punti di vista: organolettico, nutrizionale ed estetico. La ricetta è anche abbastanza leggera, in quanto non prevede l’impiego di grassi aggiunti, se non quelli necessari alla cottura. Preparare la torta salata con il baccalà è molto semplice, infatti basta soffriggere le cipolle e i peperoni, aggiungere il baccalà tagliato a cubetti e sfumare con un po’ di vino prima di cuocere il tutto. Infine si aggiungono anche i pomodori perini, che arricchiscono il tutto con un sapore intenso e un colore vivace.

Anche la fase di composizione della torta non pone in essere difficoltà di sorta. Si aggiunge un disco di pasta brisée, si riempie con la farcitura e si applica un secondo disco. La pasta in eccesso viene utilizzata come decorazione, tagliata a listarelle e disposta a mo’ di griglia. Infine la cottura non richiede più di 40 minuti.

Ricetta torta salata con il baccalà

Preparazione torta salata con il baccalà

Per preparare la torta salata con il baccalà iniziate dalla verdura. Sbucciate la cipolla e i peperoni, poi tagliateli a dadini. Saltateli in una padella con 3 cucchiai di olio, il sale e la paprika. Quando sono diventati morbidi, spostateli verso il bordo della padella e mettete il baccalà tagliato a dadini. Poi versate il vino e continuate la cottura. Infine incorporate i pomodori perini ridotti a trito e le olive. Ora date una bella mescolata e fate andare per altri 10 minuti. Versate il ripieno così ottenuto in un colino per eliminare i liquidi in eccesso e aggiustate di sale.

Adesso componete la torta. Stendete due dischi di pasta brisée. Utilizzate il primo per rivestire uno stampo con fondo removibile di 26 cm di diametro, lasciando strabordare un po’ la pasta brisée. Poi spalmate abbondante ripieno, applicate il secondo disco e fatelo aderire ai bordi, infine ritagliate la pasta in eccesso (lasciando comunque 1 cm). Tagliate la pasta in eccesso a listarelle e disponetela a griglia sulla torta. Poi rimboccate il bordo rimasto e create un cordolo. Infine cuocete a 180 gradi per 40 minuti e fate raffreddare del tutto prima di servire.

Ingredienti torta salata con il baccalà

  • 2 confezioni di pasta brisée consentita
  • 1 cipolla
  • 250 g di baccalà dissalato
  • 2 cucchiai di vino bianco
  • 2 grossi pomodori perini maturi
  • mezzo cucchiaino di paprika in polvere
  • 2 peperoni rossi
  • 2 peperoni verdi
  • 100 gr. di olive nere denocciolate
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale.

Le proprietà nutrizionali del baccalà

Il protagonista di questa torta salata è il baccalà, che non va confuso con lo stoccafisso. E’ vero, sono derivati dallo stesso pesce, il merluzzo, ma il metodo di produzione è molto diverso. Il baccalà è frutto della salatura, mentre lo stoccafisso è ottenuto con la stagionatura. Ne consegue che il sapore del baccalà è molto sapido e corposo, mentre il sapore dello stocafisso è acidulo e intenso. Il baccalà, in occasione di questa ricetta, viene tagliato a cubetti e posto sul soffritto di cipolla. Dopo una breve fase di cottura, supportata da una sfumatura al vino bianco, il baccalà viene arricchito con i pomodori. Si ottiene così un ripieno colorato, saporito e dalla texture variegata.

Il baccalà eccelle anche per le proprietà nutrizionali. Spicca soprattutto per l’apporto di proteine e di vitamina D, una sostanza presente in poche classi di alimenti ma fondamentale per le difese dell’organismo. Si apprezza anche una buona quantità di fosforo, utile per la salute dei denti e per le performance delle attività intellettive. Il baccalà contiene anche grassi benefici, gli acidi grassi omega tre, un vero toccasana per il cuore.

La differenza tra peperoni rossi e verdi

I peperoni rappresentano una componente fondamentale della torta salata con il baccalà, infatti con il loro sapore corposo e delicato completano il gusto sapido del baccalà. La ricetta suggerisce l’impiego sia dei peperoni rossi che dei peperoni verdi. In che cosa differiscono? Beh, oltre al colore sono differenti anche in termini di sapore. I peperoni verdi sono più pungenti e quasi amarognoli, mentre i peperoni sono un po’ più dolci. Anche le proprietà nutrizionali differiscono, il riferimento è alla quantità di betacarotene (più abbondante nei peperoni verdi) e di luteina (più abbondante nei peperoni rossi).

Torta salata con il baccalà

Per il resto i peperoni vantano un eccellente profilo nutrizionale. Sono ricchi di vitamina C, una sostanza rafforza le difese dell’organismo e stimola l’assorbimento dei sali minerali. Sono ricchi anche di potassio, che regola la circolazione del sangue. Per quanto concerne l’apporto calorico, siamo su livelli minimi: 25 kcal per 100 grammi.

Come spellare i peperoni per la torta salata con il baccalà?

Nella torta salata con il baccalà un ruolo importante è occupato dai peperoni. I peperoni in realtà non fanno ingrassare, questa errata convinzione è legata solo ai metodi di cottura con cui vengono cucinati, come la frittura e il soffritto. Non è vero nemmeno che siano indigesti, infatti basta eliminare la pelle prima di cuocerli. I metodi a disposizione li trovate in questo articolo su come spellare al meglio i peperoni, ma posso anticiparvi qualcosa qui.

Da crudi, i peperoni possono essere spellati con un pelapatate, un metodo non molto facile e sbrigativo, ma comunque efficace. E’ invece molto meglio spellarli da cotti, magari arrostendoli un po’ al forno o passandoli al microonde. Nel primo caso la temperatura consigliata è di 240 gradi e il tempo di permanenza non dovrebbe superare i 20 minuti. Nel secondo caso, invece, vi consiglio di settare il microonde a 900 Watt e non andare oltre i 30 minuti. Ovviamente, prima di rimuovere la pelle, è bene lasciar raffreddare un po’ i peperoni.

Ricette di torte salate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE