bg header
logo_print

Terrina di peperoni e formaggio cremoso, uno snack dolce

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Terrina di peperoni e formaggio cremoso
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 12 ore 15 min
cottura
Cottura: 00 ore 40 min
dosi
Ingredienti per: 8 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Terrina di peperoni e formaggio cremoso, un’idea creativa

La terrina di peperoni e formaggio cremoso è un’idea simpatica per uno snack salato o per un antipasto che possa stupire per la sua composizione, i colori e ovviamente per il gusto. E’ formata da più strati di pane intervallati da una farcitura a base di formaggio cremoso, peperoni e svariati altri ingredienti. La consistenza è gradevole, morbida e compatta, in quanto frutto di un ampio passaggio in frigorifero per parecchie ore.

Io sono solita preparare questa terrina in occasione delle cene tra amici, quando necessito di un antipasto corposo e colorato. Ovviamente potete impiegarlo come meglio credete. Idealmente potrebbe essere visto anche come primo piatto, visto che propone un apporto nutrizionale completo: troviamo i carboidrati (forniti dal pane), le proteine e i grassi (dati dal formaggio cremoso), le vitamine e i sali minerali, forniti dalle erbe aromatiche e dalle verdure. Certo, non si tratta di un piatto dietetico, ma non abbonda nemmeno in calorie visto che i grassi aggiunti sono ridotti al minimo.

Ricetta terrina di peperoni e formaggio

Preparazione terrina di peperoni e formaggio

Per preparare la terrina di peperoni e formaggio cremoso iniziate proprio dai peperoni. Lavateli e conditeli con un po’ di olio, poi salateli leggermente e posizionateli su una teglia. Cuoceteli per 30 minuti a 200 gradi, o almeno fino a quando la buccia non si sarà scurita e inizierà a staccarsi. Prelevate i peperoni dal forno, copriteli con un foglio di carta da forno e lasciateli raffreddare. Ora pulite i peperoni, rimuovete i semi e i filamenti interni, poi sbucciateli e tagliateli seguendo la linea delle falde. In questa fase conservate l’acqua di vegetazione. Intanto tostate le fette di pane per 10 minuti a 150 gradi. Passateci sopra dell’aglio, poi condite con due cucchiai di olio mescolati con mezzo decilitro di acqua di vegetazione dei peperoni.

Coprite con carta forno uno stampo per plumcake di 18 x 12 cm. Posizionate sul fondo uno strato di pane, spalmate il formaggio cremoso, aggiungete uno strato di peperoni e arricchite con le foglioline di basilico, un po’ di sale e un po’ di pepe. Ripetete l’operazione fino a terminare gli ingredienti, terminando con le fette di pane. Applicate un pezzo di carta forno a mo’ di copertura e poggiate un peso sopra, in modo che non scivoli via. Infine fare riposare in frigo per 12 ore. Adesso la terrina è pronta, non vi rimane che tagliarla a fette spesse e guarnirla con riccioli di maionese, fiori di cappero e olive.

Ingredienti terrina di peperoni e formaggio

  • 10-12 fette di pane per tramezzini consentito
  • 4 peperoni rossi
  • 1 confezione di formaggio Exquisa Fresco Cremoso Classico
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano
  • q. b. di olive nere denocciolate
  • q. b. di fiori di capperi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 mazzetto di basilico
  • q. b. di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di sale e di pepe
  • q. b. di maionese.

Che sapore hanno i fiori di cappero, presenti nella terrina di peperoni e formaggio cremoso?

Il fatto che questa terrina di peperoni e formaggio cremoso sia tutto sommato non troppo pesante non vuol dire che sia moderata nei sapori. I sapori sono variegati e ben legati tra loro, emergono non solo dalla farcitura abbondante, ma anche nella decorazione finale. Quest’ultima è realizzata con le olive, la maionese e i fiori di cappero. Per quanto concerne la maionese, non è necessario coprire tutta la terrina, ma semplicemente abbellirla con dei riccioli. Con le olive è invece possibile abbondare un po’, anche perché non fanno ingrassare più di tanto e fanno bene alla salute in virtù dell’importante apporto di antiossidanti.

E per quanto concerne i fiori di cappero? Sono sicuramente gli ingredienti più bizzarri di questa ricetta, sebbene siano più reperibili di quanto si pensi. I fiori di cappero aggiungono colore, texture e sapore a questa terrina. Può sembrare strano, ma il sapore ricorda proprio quello del cappero, piuttosto che quello di un fiore edule, dunque sono piuttosto salati. Ciò impatta positivamente sulla ricetta, a patto ovviamente di non abbondare con il sale.

Una farcitura davvero speciale

Il vero punto di forza di questa terrina di peperoni e formaggio cremoso è dato dalla farcitura, che è incredibilmente buona e bella da vedere, creando così una perfetta presentazione da entrée. Nello specifico il ripieno è realizzato con il formaggio cremoso, sul quale vengono sistemati i peperoni, conditi con sale, pepe e basilico. Ne risulta un mix di sentori interessanti, un po’ aciduli, corposi e abbastanza aromatici.

Terrina di peperoni e formaggio cremoso

Quello che emerge di più, però, è il sentore del formaggio spalmabile, dunque abbiate cura di sceglierlo bene. A tal proposito io opto sempre per il Fresco Cremoso Classico di Exquisa, che eccelle per il sapore genuino, frutto di materie prime di qualità e di un procedimento che lo valorizza in pieno. Come tutti i formaggi spalmabili è ricco di lattosio, tuttavia la stessa Exquisa mette a disposizione delle varianti delattosate, quasi indistinguibili dall’originale. D’altronde il processo di rimozione del lattosio consiste nell’inserimento dell’enzima lattasi, che degrada il lattosio senza impattare sul gusto e sulle proprietà nutrizionali.

Come cuocere i peperoni?

L’altro protagonista di questa terrina di peperoni e formaggio cremoso è proprio il peperone. Nello specifico andrebbero utilizzati i peperoni rossi, che sono quelli più dolci e quindi capaci di creare un bel contrasto con gli altri ingredienti, creando un’ottima resa cromatica. Come cuocere i peperoni? La domanda è importante in quanto dal metodo di cottura dipende la loro digeribilità. Lo scopo, infatti, è quello favorire la rimozione della loro pellicina esterna (poco digeribile). Per fare questo è bene condirli leggermente con olio e porli nel forno a temperatura elevata. Dopo qualche minuto la pelle inizierà a staccarsi da sola. A questo punto è sufficiente prelevarli, avvolgerli nella carta forno per intrappolare un po’ di vapore e favorire ulteriormente la spellatura.

Infine si eliminano i filamenti interni, i semi e si tagliano a falde. La presenza dei peperoni è importante anche per il loro profilo nutrizionale. Il riferimento è all’abbondanza di vitamina C (che fa bene al sistema immunitario) e al potassio, che interviene in molti processi dell’organismo, tra cui la regolazione della circolazione del sangue.

Ricette ai peperoni ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...

Involtini di zucchine gialle

Involtini di zucchine gialle, dei rotolini davvero deliziosi

Involtini di zucchine gialle: al forno o in padella? Gli involtini di zucchine gialle, come quelli di carne, si possono cuocere in padella. Questo metodo, sebbene tradizionale, tende ad essere più...

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...