bg header
logo_print

Patate hasselback, dalla Svezia un piatto delizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Patate hasselback
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (6 Recensioni)

Patate hasselback, una ricetta della cucina svedese

La patate hasselback sono una ricetta tipica svedese, inventate nel 1953 da un cuoco dell’hotel Hasselbacken di Stoccolma, da cui prendono il nome. Questo tipo di patate si sono rapidamente imposte non solo nel Paese, ma anche nel resto d’Europa in quanto sono un raro esempio di cucina gourmet realizzata con ingredienti semplici. La ricetta originale prevede l’impiego, oltre che delle patate, di un po’ di burro, olio e qualche spezia. La versione che vi presento oggi è un po’ più corposa, a tal punto che può fungere non solo da contorno ma anche da secondo, infatti la ricetta è arricchita da scamorza e da speck. Il procedimento è davvero semplice, basta tagliare a fette le patate per circa tre quarti, formando così una sorta di ventaglio. Poi tra gli interstizi di una fetta e l’altra che si inserisce il condimento, lo speck e la scamorza affumicata.

Ricetta patate hasselback

Preparazione patate hasselback

Per preparare le patate hasselback dovrete innanzitutto riscaldare il forno. Dopodiché, occupatevi degli ingredienti. Pelate le patate e infilzatele per lungo con uno spiedo di legno, poi tagliatele fino a toccare lo spiedo stesso (più o meno taglierete per circa tre quarti).

L’idea è di formare una sorta di ventaglio. Poi date una bella spennellata con l’olio sia sulla superficie che internamente (tra una fetta e l’altra). Salate, pepate e arricchite con timo e maggiorana.

Sistemate le patate su una leccarda foderata con carta da forno e cuocete per 25 minuti. Intanto tagliate la scamorza a fette sottili e fate lo speck a listarelle. Prelevate le patate dal forno e mettete tra i tagli la scamorza e lo speck.

Infine cuocete al forno per altri 5 minuti, affinché il formaggio diventi filante e il salume croccante. Terminata la cottura sfornate e servite le patate calde.

Ingredienti patate hasselback

  • 4 patate grandi
  • 120 gr. di scamorza affumicata consentita
  • 100 gr. di speck
  • q. b. di timo e maggiorana
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale e di pepe.

 

erbe e fiori nel piattoQuali patate scegliere? Il consiglio è di andare sul sicuro e optare per quelle a pasta gialla. L’ortaggio infatti viene decisamente messo sotto pressione, ed è bene che sia abbastanza consistente. Le altre varietà, ad esempio le patate a pasta bianca, sono più farinose e non offrono buone garanzie in termini di compattezza. A prescindere dalle varietà, le patate sono comunque nutrienti e nemmeno troppo caloriche: un etto di patate non va oltre le 80 kcal. Si segnalano inoltre ottime quantità di carboidrati, vitamine, sali minerali e amido. Ci tengo a precisare che ho elaborato questa variante di patate hasselback per la rubrica “Erbe e fiori” insieme alle mie amiche Miria Onesta di Due Amiche in Cucina, Daniela Boscariolo di Timo e Lenticchie, Marialuisa Maruzzella di Mantra Bio, Elisa di Rienzo de Il Fior di Cappero e Paola Segattini di Le mie Ricette Con e Senza.

Un focus sulla scamorza

Vale la pena spendere qualche parola sulla scamorza, che rappresenta uno degli ingredienti principali di questa suggestiva varietà di patate hasselback. Attorno alla scamorza gravitano alcuni pregiudizi, come quello secondo cui sarebbe troppo grassa. In realtà è perfettamente in linea con i formaggi della sua categoria, ed è ben più leggera di altri prodotti considerati salutari, come il Parmigiano Reggiano. Quest’ultimo infatti garantisce 400 kcal (anche se il computo varia in base alla stagionatura), mentre la scamorza non raggiunge le 340.

La scamorza apporta inoltre i medesimi nutrienti della materia prima, ovvero del latte. E’ ricca di proteine (non quanto i formaggi stagionati) e di calcio, che fa bene ai denti e alle ossa. Si segnalano anche tracce di vitamina D, una sostanza fondamentale per il sistema immunitario e presente in poche classi di alimenti (latte e derivati, pesci grassi e frutta secca). Un pregio della scamorza è anche il ridotto contenuto di sodio. Giusto per fare un paragone, il Parmigiano contiene 1,5 grammi di sodio per ogni etto, mentre la scamorza meno della metà.

Tutto il gusto dello speck nelle patate hasselback

Un alimento protagonista di questa ricetta delle patate hasselback è lo speck. Esso viene tagliato a listarelle e inserito tra gli spazi delle fette di patate insieme alla scamorza. Un difetto dello speck consiste nell’abbondanza di grassi, che superano il 20% della sua struttura. Di conseguenza anche l’apporto calorico è elevato, vicino alle 300 kcal per 100 grammi.

Patate hasselback

Al di là di ciò, lo speck vanta un eccellente spessore nutrizionale rispetto alle altre carni trattate. E’ ricco di proteine, che rappresentano il 30% della sua composizione, oltre che di sali minerali, come il magnesio e il potassio. Lo speck è perfetto e delizioso se viene abbinato ad alcuni ingredienti, tra cui spiccano proprio le patate. Ovviamente non esagerate con le dosi in quanto il sapore è preponderante e vi è il rischio di coprire quello della scamorza.

Timo e maggiorana, un’accoppiata vincente

La ricetta originale delle patate hasselback vede il contributo di spezie ed erbe aromatiche. A tal proposito avete ampio margine di discrezione. In genere si usa l’origano, che ricorre spesso nelle ricette a base di patate, ma in questo caso ho fatto una scelta diversa, optando per il timo e per la maggiorana. Il timo dona un sapore fresco e aromatico, che ricorda alla lontana il limone. La maggiorana, invece, assomiglia ad una versione più delicata dell’origano, benché leggermente amarognola e comunque gradevole al palato.

Il timo e la maggiorana non si  limitano a impattare sul sapore ma aumentano lo spessore nutrizionale della ricetta. Infatti, oltre al consueto bagaglio di vitamine e sali minerali, apportano molti antiossidanti. Queste sostanze rallentano l’invecchiamento, inibiscono i radicali liberi e contribuiscono a prevenire il cancro. Di base il timo e la maggiorana sono calorici, tuttavia si utilizzano dosi così limitate da non creare problemi a riguardo. In ogni caso è bene non esagerare con le quantità, infatti sono comunque delle spezie che rischiano di coprire gli altri ingredienti.

Ricette con le patate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (6 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo alla birra

Pollo alla birra, un secondo piatto semplice e...

La carne di pollo, un’autentica alleata in cucina Il protagonista della ricetta del pollo alla birra è ovviamente la carne bianca. Il pollo è una delle carni più consumate in assoluto, se non...

Pere caramellate allo zafferano

Pere caramellate allo zafferano, un aromatico dessert

Pere caramellato allo zafferano, un dolce diverso dal solito Oggi vi presento un dessert fuori dal comune, ovvero le pere caramellate allo zafferano. Si inseriscono nel solco delle “pere cotte”...

pollo Yassa

Il pollo Yassa, un piatto senelagese speziato e...

Alla scoperta del pollo Yassa Lo Yassa è un piatto senegalese a base di pollo e di riso. Un piatto completo, che si fa apprezzare per la varietà dei sapori e per un utilizzo massiccio delle...