Risotto al pino mugo, un primo dal sapore silvestre

Risotto al pino mugo
Commenti: 0 - Stampa

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto

Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per esempio, la ricetta rompe il canovaccio dei classici risotti, che vedono la preparazione di un corposo fondo, realizzato in genere con verdure, per poi passare alla tostatura del riso, alla cottura e alla mantecatura con i formaggi.

In questa ricetta, invece, si procede con una cottura del riso in modo molto semplice, con vino e brodo vegetale su un leggero fondo di scalogno. Una mantecatura vera e propria non c’è, ma in un certo senso si trasforma in una generica integrazione dei condimenti. Il riso, giunto all’80% della cottura, infatti, va arricchito con il burro, il Parmigiano, il succo di limone e con gli aghi di pino mugo.

Proprio quest’ultimo ingrediente caratterizza la ricetta dal punto di vista organolettico. Non è un ingrediente tradizionale, benché il pino sia conosciuto e impiegato praticamente da sempre. Semplicemente gli usi tradizionali non sono gastronomici, quanto piuttosto cosmetici.

Dal pino mugo, infatti, si ricava un olio essenziale molto efficace e dalle mille proprietà benefiche. Di certo alcune delle proprietà vengono preservate anche in cucina. Gli aghi di pino mugo, oltre a conferire un sapore decisamente silvestre al risotto, esercitano una funzione calmante, analgesica ed emolliente.

Insomma, siamo di fronte a un ingrediente prezioso sotto molti punti di vista. Per quanto concerne la ricetta in sé, essa suggerisce la necessità di frullare gli aghi con il burro, in modo da creare un composto facilmente integrabile.

Burro alle erbe per una mantecatura davvero speciale

Tra gli ingredienti più singolari del risotto al pino mugo spicca il burro. Ovviamente non si tratta di un burro normale, bensì di una variante alle erbe.

Il motivo di questa scelta risiede nella volontà di “spingere” sui sentori silvestri, come quelli che rievocano le erbe. In commercio si trovano molte varianti alle erbe, ma vi consiglio di procedere con la preparazione fatta in casa.

In primo luogo perché regala più soddisfazioni, in secondo luogo perché è possibile esercitare il pieno controllo sui sentori e persino sulla qualità delle materie prime.

Qui su Nonnapaperina ho già affrontato l’argomento, e ho riportato un’interessante ricetta sul burro alle erbe. Va comunque spesa qualche parola in più sulla preparazione, che richiede qualche accorgimento anche se non è troppo complicata. Per esempio è sempre necessario integrare un po’ di succo di  limone.

Il motivo è sia organolettico che “tecnico”, infatti grazie al limone il sapore risulta molto più equilibrato. Tuttavia, il limone ha anche la funzione di impedire che le erbe aromatiche si inaspriscano.

Per quanto concerne le erbe in sé, avete solo l’imbarazzo della scelta. Potete mixare i sapori come meglio credete, optando per i classici rosmarino, origano e timo piuttosto che per erbe di nicchia.

Risotto al pino mugo

Quale riso utilizzare per questo risotto?

Quando si parla di un qualsiasi primo a base di riso, è inevitabile interrogarsi sulla tipologia da utilizzare. D’altronde esistono molti tipo di riso, alcuni dei quali davvero particolari e in grado di differenziarsi dalle qualità più utilizzate.

Questo risotto al pino mugo, per quanto sui generis, si inserisce comunque nella tradizione dei risotti. Quindi in questo caso il riso più indicato è senza dubbio il Carnaroli. Si tratta di una delle qualità più apprezzate e consumate, proprio perché molto usato nei risotti all’italiana.

Ciononostante, stiamo parlando di una varietà tutto sommato recente, selezionata definitivamente negli anni Quaranta a partire dal Vialone Nero e dal Lencino. L’iscrizione nel registro dell’Ente Nazionale dei Risi è stata parecchio tardiva, infatti è avvenuta solo nel 1983.

Un dettaglio peculiare se si considerano alcune leggende nate attorno al suo nome. Carnaroli, infatti, era uno stimato dirigente dell’Ente Nazionale dei Risi, dunque potrebbe esserci stata la voglia, da parte dell’inventore (l’imprenditore agricolo Ettore De Vecchi) di dedicargli la sua nuova creazione.

Un’altra ipotesi suggerisce che Carnaroli fosse il nome di un contadino che ha contribuito alla selezione di questo riso. Il Carnaroli ha due caratteristiche particolari che lo rendono perfetto per i risotti, ovvero per le lunghe cotture in brodo.

In primis resiste alle cotture prolungate, infatti è veramente difficile che il Carnaroli scuocia. A tal proposito tende a mantenersi moderatamente croccante e gradevole al palato. In secondo luogo assorbe molto bene i liquidi, una qualità necessaria vista la tendenza a cuocere il riso nel suo stesso condimento.

Scalogno o cipolla, cosa è meglio utilizzare?

Il risotto al pino mugo non vanta un fondo complesso, ma risulta comunque gustoso. Nello specifico è formato da un po’ di scalogno rosolato. Ma perché ho scelto lo scalogno e non la cipolla?

Domanda più che legittima se si considera la “rivalità” tra questi due ingredienti, quando si prepara un soffritto. Ebbene, in questo caso è bene utilizzare lo scalogno in quanto più delicato e aromatico. La presenza delle erbe e del pino mugo, infatti, impone sapori un po’ meno forti.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, va detto, non vi sono grosse differenze tra lo scalogno e la cipolla. Entrambi sono ricchi di oligoelementi come lo zolfo, il potassio, il calcio, il manganese e il ferro.

La presenza di quest’ultima sostanza, fondamentale per l’ossigenazione del sangue e in caso di anemia, non è scontata quando si parla di alimenti vegetali. Buono è anche l’apporto di vitamine, e in particolare della vitamina C. Sia lo scalogno che la cipolla sono ricchi di antiossidanti, tra cui spiccano i flavonoidi, che agiscono in funzione anti-tumorale.

Ecco la ricetta del risotto al pino mugo:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso Carnaroli,
  • 1 scalogno,
  • 1 lt. di brodo vegetale,
  • 2 cucchiai di vino bianco,
  • 30 gr. di burro al pino mugo,
  • 4 cucchiai di Parmigiano Reggiano,
  • mezzo limone,
  • q. b. di sale e di pepe,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per la preparazione del risotto al pino mugo iniziate pelando lo scalogno, poi fatelo a fette sottili e rosolatelo in una padella con un po’ di olio d’oliva. Aggiungete il riso, mescolate per bene, versate il brodo vegetale e il vino bianco. Mescolate nuovamente e cuocete il tutto per 15 minuti.

A questo punto arricchite con il burro frullato insieme agli aghi di pino mugo, al Parmigiano Reggiano grattugiato e al succo di mezzo limone. Regolate con un po’ di sale, un po’ di pepe e portate a cottura (dovrebbe bastare qualche minuto). Servite e buon appetito.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

coniglio all’ischitana

Pasta con coniglio all’ischitana, un primo eccezionale

Pasta con coniglio all’ischitana, un primo completo La pasta con coniglio all’ischitana è un primo piatto speciale. I motivi sono numerosi. In primo luogo è semplicemente squisita grazie al...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti