Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce e il salato

Sandwich di anguria
Commenti: 4 - Stampa

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori

Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di approcciarsi alla frutta. Di fatto, l’anguria in questa ricetta assume il ruolo del pane, dunque ospita un companatico. Ne risulta una ricetta che punta decisa verso l’agrodolce, ma che sa farsi apprezzare da tutti i palati. Anche perché l’anguria conserva comunque tutte le sue qualità, organolettiche e ovviamente nutrizionali. Vale la pena soffermarsi su queste ultime, che spesso vengono trascurate. Il riferimento è in particolar modo al contenuto di vitamine e sali minerali, che è davvero straordinario. Si segnalano anche dosi elevate di vitamina A, che fa bene alla vista, e di vitamina C, che giova al sistema immunitario. Inoltre, troviamo anche buone dosi di potassio, fosforo e magnesio.

Come sicuramente saprete, l’anguria è uno dei frutti con il maggior contenuto di acqua. Ciò, unito all’abbondanza di oligoelementi, la rende un perfetto disintossicante e depurante. Va sfatato, poi, un mito, ossia quello che vede l’anguria come un frutto calorico in quanto molto zuccherino. La quantità di zucchero, anzi di fruttosio, è elevata, ma ciò incide solo marginalmente sull’apporto calorico, che si attesta sulle 30 kcal per 100 grammi.

L’anguria si caratterizza per una grande varietà, a tal punto che ne esistono più di mille, e molte si distinguono per colore, consistenza, grandezza e sapore. Di seguito, presentiamo alcune delle varietà più importanti e presenti in Italia.

  • Citron. E’ la varietà meno comune, quella che risponde allo stereotipo dell’anguria: pochi semi, dimensioni contenute e polpa gialla.
  • Bagnacavallo. Varietà romagnola che si caratterizza per le differenti striature, per una maggiore dolcezza e per le dimensioni medie.
  • Moon and Star. Varietà americana che si distingue per le dimensioni superiori alla media. La buccia risulta scura e costellata da piccole macchie chiare.
  • Cream of Saskatchewan. E’ una varietà piccola con polpa bianca e morbida, ha un gusto tra l’acidulo e l’aromatico.
  • Orangelo. E’ frutto dell’incrocio tra più varietà, coltivata soprattutto in Texas. Si distingue per una polpa dal bel colore arancione brillante.
  • Densuke. E’ una varietà giapponese, che si fa notare per la buccia molto scura, con striature appena accennate. Il sapore è molto zuccherino e le dimensioni inferiori alla media.
  • Golden midget. E’ una anguria di grandi dimensioni. La polpa è priva di semi e può essere anche chiara.
  • Gialla la Polpa è di un color giallo paglierino e gusto simile a quello dell’ananas. La buccia è simile all’anguria rossa, la polpa presenta un colore giallo intenso. È inoltre più croccante, un po’ più acidula e con un gradevole sentore simile al fico d’India. Le dimensioni, infine, sono piuttosto contenute

Il segreto del sandwich all’anguria

Uno degli ingredienti “segreti” del sandwich all’anguria, o almeno della versione che vi presento oggi, è il formaggio spalmabile. Non si tratta di uno spalmabile qualsiasi, bensì del formaggio fresco alla capra di Exquisa. Un prodotto fuori dal comune, anche perché la maggior parte dei prodotti lattiero-caseari freschi è realizzato con latte vaccino. Il sapore del formaggio fresco alla capra è più inteso e presenta note decisamente aromatiche. Insomma, rappresenta una deliziosa variazione sul tema, che ben si sposa con questa ricetta.

Sandwich di anguria

Questo prodotto Exquisa si caratterizza per l’utilizzo di ottime materie prime e per l’abbondanza di fermenti lattici. Proprio per questo ha una portata organolettica singolare e ben ponderata. Ovviamente è anche del tutto privo di conservanti e di glutine. Quest’ultimo aspetto non è affatto scontato quando si parla di formaggi industriali, anche perché alcuni processi produttivi comportano delle contaminazioni più o meno rilevanti, in grado di non rendere l’alimento del tutto gluten-free. Il formaggio spalmabile alla capra di Exquisa presenta poi un apporto calorico contenuto, pari a 244 kcal per 100 grammi, oltre ad una concentrazione di grassi più che equilibrata e una percentuale di proteine considerevole (6%).

I pregi nutrizionali delle olive nere

Le olive nere rappresentano una parte consistente del companatico del sandwich di anguria, formato anche dal formaggio spalmabile e dal lattughino. Perché abbiamo scelto proprio le olive nere? La risposta è semplice, infatti con il loro sapore decisamente aromatico, si sposano alla perfezione con gli altri ingredienti, creando un delizioso contrasto con l’anguria. Un contrasto simile si apprezza anche dal punto di vista cromatico, a tal punto che questo sandwich di anguria appare come un vero tripudio di colori. Per il resto, la loro presenza è giustificata anche dalle proprietà nutrizionali, che sono migliori di quanto si possa immaginare.

Le olive nere, per esempio, sono ricche di acido oleico, un tipo di “grasso” che contribuisce ad abbassare il colesterolo cattivo e, in generale, protegge l’apparato cardiovascolare. Le olive nere contengono anche molti fitosteroli e polifenoli, delle potenti sostanze antiossidanti. In virtù di ciò, un consumo equilibrato di questo frutto riduce lo stress ossidativo, contrasta gli effetti dei radicali liberi e aiuta a prevenire alcune forme tumorali. Per quanto concerne l’apporto calorico, è piuttosto contenuto. Si attesta, infatti, sulle 115 kcal per 100 grammi. Quindi niente a che vedere con l’olio d’oliva, che sfiora le 900 kcal.

Ecco la ricetta del sandwich di anguria:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di anguria,
  • 200 gr. di formaggio Exquisa Fresco Cremoso alla Capra o Senza Lattosio,
  • 12 olive nere denocciolate,
  • 150 gr. di lattughino,
  • 1 pomodoro,
  • 1 cipollotto,
  • qualche fogliolina di basilico,
  • mezzo spicchio di aglio,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di aceto bianco e di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del sandwich di anguria iniziate facendo a fette il cipollotto e condendolo con il sale e un po’ di aceto bianco. Ricavate otto quadrati dalle fette di anguria, facendo in modo che siano grandi come delle fette di pancarré. Su una metà delle fette spalmate il formaggio e disponete il cipollotto, qualche foglia di lattughino, le olive denocciolate e il basilico.

Chiudete ogni strato con una fetta e ripetete l’operazione con le altre fette rimaste. Impilate e mettete sopra due stuzzichini. Ora realizzate un trito con il pomodoro, l’aglio schiacciato, un po’ di sale e poche gocce di aceto. Condite con due cucchiai di olio e un pizzico di peperoncino. Posizionate su ogni sandwich un po’ di composto di pomodoro che avete realizzato e guarnite con le olive, i germogli di cipolla e una foglia di basilico.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

4 commenti su “Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce e il salato

  • Gio 22 Lug 2021 | Valentina ha detto:

    Che bontà vedono i miei occhi! Mai pensato a ricettare l’anguria. Mi hai ispirato. Grazie

    • Gio 22 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Valentinaio adoro l’anguria e la mangerei sempre. Mi piace inserirla nelle ricette. Dona freschezza!

  • Mer 11 Ago 2021 | Bruno ha detto:

    Ma dove le trovi le idee? Ieri ho trovato il formaggio di capra di Exquisa e ho preparato questa ricetta. Ho fatto un figurone. Stupiti di come sono riuscito a presentarla. Grazie

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti