Pancho cake, un delizioso dolce dalla Russia

Pancho cake
Stampa

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa

La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in quanto la gastronomia russa ha subito spesso, e in vari momenti storici, l’influenza di quella d’Oltralpe. In particolare il XIX secolo si è rivelato un periodo interessante da questo punto di vista, e non è un caso che buona parte dei dolci russi siano stati elaborati in quell’epoca.

In questo tipo di dolce l’influenza della cucina francese è evidente nella copertura, che vede come protagonista la crème fraiche, o panna acida che dir si voglia. La pancho cake presenta però altri tratti peculiari, tra cui la presenza in contemporanea dell’ananas e del cioccolato fondente. L’abbinamento può sembrare ardito, ma risulta comunque gradevole al palato. Anche la preparazione in sé è particolare, infatti è un dolce da forno che prevede un ampio passaggio in frigo. Nella pancho cake il pan di Spagna va a formare un impasto nuovo, che verrà compattato in frigorifero con una parte della copertura.

Come preparare la panna acida?

Per la preparazione della panna acida trovate la ricetta su Nonnapaperina. La panna acida funge da copertura e viene successivamente sormontata da una ganache al cioccolato fondente. Il risultato è molto gradevole alla vista in quanto produce un bel contrasto cromatico tra il bianco della crema e il marrone scuro del cioccolato. La panna acida è una preparazione di origine francese, ma in virtù della sua versatilità e del suo gusto peculiare è presente in molte altre gastronomie. Negli Stati Uniti, per esempio, è nota come sour cream e viene impiegata spesso per realizzare delle gustose cheesecake.

Pancho cake

Il successo della panna acida è dovuto anche alla facilità di preparazione. A dispetto del ruolo che può giocare in tante ricette, è alla portata di tutti. Si tratta, infatti, di unire la panna e lo yogurt per poi farli riposare per un giorno in modo da favorire un principio di fermentazione. Successivamente il composto viene arricchito con un po’ di succo di limone debitamente filtrato. Il procedimento si conclude con un secondo giro in frigorifero, questa volta della durata di un paio d’ore. Il consiglio, visti i pochi ingredienti, è di puntare sulla qualità degli stessi. In riferimento allo yogurt, è assolutamente necessario che questo sia bianco, meglio ancora se greco o colato in quanto presenta più fermenti lattici.

La strana combinazione ananas e cioccolato fondente

Come ho già accennato, un tratto peculiare della pancho cake è l’abbinamento tra ananas e cioccolato fondente. In realtà i due ingredienti non vengono mischiati, nel senso letterale del termine, più che altro si compensano alla perfezione nello stesso dolce. L’ananas, che per l’occasione viene tagliato a pezzi piccoli, contribuisce alla realizzazione dell’impasto. Il cioccolato, invece, funge da copertura dopo essere stato sciolto a bagnomaria. I due sapori si mischiano alla perfezione ed in modo piuttosto gradevole. Il sentore dolce e acidulo dell’ananas valorizza quello più deciso e raffinato del cioccolato fondente.

La presenza dell’ananas è giustificata anche dai suoi valori nutrizionali. Oltre al consueto carico di vitamine e sali minerali, si segnalano alcune sostanze che impattano positivamente sulla salute. Il riferimento è in primo luogo alla bromelina, una sostanza che favorisce l’assorbimento delle proteine. L’ananas, poi, è uno dei frutti più disintossicanti in assoluto, a tal punto da attestarsi come rimedio naturale per la cellulite. Infine l’apporto calorico è piuttosto contenuto, paria a 40 kcal per 100 grammi.

Ecco la ricetta della pancho cake:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 pan di Spagna consentito,
  • 1 lt. di panna acida (vedi ricetta su Nonnapaperina.it),
  • 340 gr. di ananas al naturale,
  • 100 gr. di gherigli di noci,
  • 100 gr. di cioccolato fondente al 72%.

Preparazione:

Per la preparazione del pancho cake iniziate realizzando il pan di Spagna. A tal proposito, potete fare riferimento alle varie ricette che troverete su Nonnapaperina. Non appena il pan di Spagna è pronto, fatelo intiepidire e riducetelo a dadini di 2 cm per lato; infine ponetelo in una ciotola. Ora rimuovete il guscio delle noci e tritate grossolanamente i gherigli. Poi sbucciate e fate a cubetti la polpa dell’ananas. Versate l’ananas e le noci nella stessa ciotola dove avete messo il pan di Spagna.

In una ciotola a parte unite la panna acida e lo zucchero, poi montate il tutto e trasferitene un terzo in frigorifero. Versate la restante panna nella ciotola con il pan di Spagna, l’ananas e le noci. Mescolate con delicatezza, poi adagiate il composto su un vassoio formando una cupola. Recuperate la panna acida dal frigorifero e ricoprite il dolce. Infine sciogliete il cioccolato a bagnomaria e usatelo per coprire la torta, facendolo colare dalla sommità. Fate riposare il dolce nel frigo per più di quattro ore. Terminato questo lasso di tempo, potete servire la vostra pancho cake.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti gluten-free

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Gelato di caju

Gelato di caju, una merenda dal gusto tropicale

Gelato di caju, un’esperienza insolita e gustosa Il gelato di caju è un gelato molto particolare. In primis, perché viene principalmente fatto in casa. D’altronde, nessuna gelateria ha ancora...

Cheesecake con lavanda e mirtilli

Cheesecake con lavanda e mirtilli, un dolce profumato

Cheesecake con lavanda e mirtilli, un’idea spettacolare La cheesecake con lavanda e mirtilli è una variante molto particolare del celebre dolce anglosassone. La differenza principale risiede...

Crostata festa della Bastiglia

Crostata festa della Bastiglia, un dolce per il...

Crostata festa della Bastiglia, un dolce per una rinomata ricorrenza francese La crostata festa della Bastiglia è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia un dolce per celebrare questa...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

0 commenti su “Pancho cake, un delizioso dolce dalla Russia

  • Sab 17 Lug 2021 | Davide ha detto:

    Spettacolare è dir poco. Davvero i miei più sinceri complimenti. Deve essere buonissima

    • Sab 17 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Davide grazie! In effetti è stata una torta che mi ha dato gran soddisfazione. Provi a farla anche lei.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti