Gelato di caju, una merenda dal gusto tropicale

Gelato di caju
Commenti: 6 - Stampa

Gelato di caju, un’esperienza insolita e gustosa

Il gelato di caju è un gelato molto particolare. In primis, perché viene principalmente fatto in casa. D’altronde, nessuna gelateria ha ancora proposto questo gusto, se si escludono poche e sconosciute eccezioni. In secondo luogo è realizzato con il caju, un frutto misterioso per la stragrande maggioranza delle persone, o comunque poco consumato, tuttavia può regalare molte soddisfazioni dal punto di vista organolettico e nutrizionale. Per quanto riguarda la preparazione, non si segnalano grosse difficoltà. A patto, ovviamente, di avere a disposizione gli strumenti adatti, che nella fattispecie si riducono alla sola gelatiera, o macchina del gelato che dir si voglia.

Si tratta di un elettrodomestico poco diffuso nelle cucine italiane, mentre si trova sovente in quelle degli altri Paesi. D’altronde, in Italia il gelato è vissuto quasi come un fenomeno sociale, un’occasione per stare insieme e per giustificare una passeggiata. Dunque, lo si acquista e lo si consuma fuori di casa. Eppure è un peccato, la gelatiera, se di buona fattura, è in grado realmente di creare gelati che hanno poco da invidiare a quelli di bar e gelaterie, soprattutto se è presente la modalità auto-raffreddamento.

Le proprietà nutritive del caju

Il protagonista di questo gelato è ovviamente il caju. E’ proprio questo frutto a rendere speciale il gelato, e nettamente diverso dai classici gelati. Si tratta di un frutto esotico, coltivato quasi esclusivamente nelle zone tropicali del Sud America (in particolare in Brasile). E’ un frutto poco conosciuto anche dai botanici, che solo di recente ne hanno studiato le caratteristiche. Le evidenze che hanno raccolto parlano di un frutto estremamente nutriente, ricco di proprietà del tutto particolari. Per esempio, contiene la vitamina C, in una misura di gran lunga superiore a tutti gli altri. Infatti, il contenuto di vitamina C è tre volte superiore a quello presente nell’arancia, che pure è considerata come una delle fonti più ricche di questa sostanza.

Gelato di caju

L’apporto vitaminico si fregia anche della presenza della vitamina K, fondamentale per la salute dell’apparato cardiocircolatorio. Il caju contiene, inoltre, ottime dosi di potassio e zinco, che fungono da rigeneranti e da fattore di supporto per il sistema immunitario. Il caju, poi, si fa apprezzare per le proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. Infine, è ricco di antiossidanti, sostanze che contribuiscono a prevenire il cancro (in quanto contrastano i radicali liberi). Dal punto di vista organolettico, il caju si caratterizza per l’estrema dolcezza. L’apporto calorico, poi, è piuttosto contenuto, pari a 50 kcal per cento grammi.

Perché abbiamo usato lo zucchero a velo?

La lista degli ingredienti del gelato di caju comprende anche lo zucchero a velo. Una presenza che a molti sembrerà strana, in quanto lo zucchero a velo, almeno in Italia, si associa alle preparazioni dolciarie, alle torte e ai ciambelloni. In realtà, lo zucchero a velo esercita un ruolo di primo piano, anche perché a conti fatti è l’unica sostanza dolcificante di questa preparazione. Cosa lo caratterizza rispetto al classico zucchero semolato? Ebbene, la grana è molto più sottile, simile a una polvere quasi impalpabile. Proprio in virtù della sua consistenza, esprime buone prestazioni al momento dell’inserimento nel gelato nella gelatiera.

Ovviamente, nessuno vi vieta di utilizzare un altro tipo di zucchero. In linea teorica, potete optare anche per quello bruno di canna. Questo, infatti, si caratterizza per la presenza di alcuni scarti, come la melassa. In virtù di questa caratteristica sa leggermente di caramello, un sentore che può piacere o meno. In questa ricetta, tuttavia, il sapore caramellato non si sposa benissimo. Inoltre, utilizzare lo zucchero a velo per condire torte e panettoni è un paio di maniche, mentre utilizzarlo per preparare il gelato è un’altra storia. Anche perché ha comunque un elevato potere dolcificante. Il consiglio, dunque, è di rispettare le indicazioni sulle dosi, senza strafare.

Ecco la ricetta del gelato di caju:

Ingredienti:

  • 150 gr. di polpa di caju,
  • 100 gr. di zucchero a velo,
  • 250 gr. di panna consentita,
  • 50 gr. di latte intero consentito.

Preparazione:

Per la preparazione del gelato di caju iniziate versando lo zucchero a velo nel latte e facendolo sciogliere per bene. Poi versate la soluzione di latte e zucchero nella gelatiera, infine unite la polpa di caju e la panna consentita.

Dopodiché mescolate con energia per 5 minuti circa, azionate il raffreddamento e proseguite in questo modo per altri 30 minuti. Il gelato di caju è pronto per essere servito e per stupire i vostri ospiti.

5/5 (508 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Gelato di caju, una merenda dal gusto tropicale

  • Lun 19 Lug 2021 | manuel ha detto:

    Che fantastica idea utilizzare la polpa di caju per un gelato. Me la devo salvare o stampare

    Grazie

  • Lun 19 Lug 2021 | Marina ha detto:

    Ricetta molto interessante

    • Mar 20 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie Marina un buon gelato è quello che ci vuole con questo caldo torrido.

  • Lun 19 Lug 2021 | Matteo ha detto:

    Non lo conoscevo, grazie mille per questa ricetta, la proverò

    • Mar 20 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Matteo è stata una felice scoperta anche per noi! Ti piacerà

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Creme caramel

Crème caramel, un classico della cucina francese

Crème caramel, un dolce delizioso e apprezzato da tutti Oggi vi parlo della crème caramel, uno dei dolci al cucchiaio più conosciuti d’Europa associato alla cucina francese, d’altronde il...

Cupcakes per Halloween

Cupcake per Halloween, idee per una festa perfetta

Cupcake per Halloween, un impasto anti intolleranze Oggi vi presento due varianti di cupcake per Halloween, due modi per vivacizzare una festa che pone al primo posto la “presenza scenica”, come...

Fantabudino di zucca

Fantabudino di zucca, il dessert perfetto per Halloween

Fantabudino di zucca, un dessert facile da preparare Ve ne sarete già accorti spulciando la foto, il fantabudino di zucca è un dolce, o per meglio dire un dessert, non solo buono ma anche...

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti