Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla
Commenti: 6 - Stampa

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa

Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il principio che sta alla base della sua preparazione è sempre lo stesso, ovvero la commistione tra sciroppo e componente alcolica, oltre ad una fase di riposo che dura settimane o mesi. Questo digestivo presenta delle peculiarità.

In primis per l’utilizzo della camomilla, in genere utilizzata poco per le bevande analcoliche e alcoliche, ma più che altro per gli infusi e le tisane. In secondo luogo per la preparazione, il riferimento è al “quasi inedito” approccio alla gestione dello sciroppo e dell’alcol. Questi, infatti, vengono uniti fin dalle prime fasi della preparazione e non alla fine, come capita per esempio con il limoncello e altri liquori di questo tipo.

Il motivo di questo approccio è prettamente tecnico. L’alcol è infatti arricchito con i fiori di camomilla, dunque non si presta a una amalgama immediata con lo sciroppo. Per questo motivo è necessario che vengano mescolati fin da subito, per macerare insieme nella lunga fase del riposo. Il risultato è un liquore molto gradevole, in cui i sapori sono ben distinguibili, ma armonizzati l’uno con l’altro.

Per quanto concerne la pratica del consumo, il digestivo alla camomilla è ottimo come fine pasto e interpreta al meglio il ruolo dell’ammazza-caffè. Ovviamente nessuno vi vieta di sfoderarlo in occasione di un aperitivo o anche per il classico consumo in solitaria.

La gradazione di questo originale digestivo

Digestivo alla camomilla

Quando si parla di digestivi, ed in particolare del nostro digestivo alla camomilla, è sempre complesso calcolare la gradazione. Eppure non si tratta di una informazione di poco conto, infatti alcuni tollerano l’alcol piuttosto bene, altri meno e persino il classico “cicchetto” può incidere sulle capacità psicofisiche. Esistono due modi per calcolare la gradazione di un alcolico preparato in casa.

Il primo è il più semplice e restituisce un risultato di massima, non necessariamente preciso. E’ sufficiente moltiplicare la gradazione della componente alcolica per il suo peso delle componenti liquide. Nel caso di questa ricetta, il calcolo restituisce 45 gradi, in quanto l’alcol è presente nella medesima misura dell’acqua e ha una gradazione di 90 gradi.

Il secondo metodo consiste nel considerare anche gli elementi di contorno, che potrebbero aumentare o diminuire la gradazione. I maggiori indiziati, nel caso specifico del digestivo alla camomilla, sono lo zucchero e il limone.

Lo zucchero, di norma, fa aumentare la gradazione alcolica, mentre il limone la smorza leggermente, dunque gli effetti si compensano a vicenda. Quale che sia il risultato esatto, non vi è alcun dubbio: il digestivo alla camomilla è molto alcolico. Dunque non fatevi scrupoli ad aumentare la quantità di acqua e diminuire, magari proporzionalmente, quella dell’alcol.

Conosciamo meglio le proprietà della camomilla

campi di camomillaVale la pena spendere qualche parola sulla camomilla, utilizzata per il nostro particolare digestivo. Si tratta di un ingrediente prezioso e in grado di ricoprire un ruolo da protagonista anche in una preparazione del genere.

La camomilla è apprezzata come ingrediente di infusi e tisane, in quanto favorisce il rilassamento e concilia il sonno. Non è un sedativo straordinario e non è paragonabile ai medicinali pensati appositamente per favorire il sonno, ma è comunque una risorsa utile per chi vuole dormire bene, alleviando eventuali problemi di insonnia. Le proprietà della camomilla però vanno ben oltre. E’ infatti anche un buon antispasmodico e un discreto lenitivo.

Alcune varietà esercitano anche una potente azione antinfiammatoria, che non fa rimpiangere le spezie più conosciute, come nel caso della camomilla romana, che ha anche un sapore più deciso. Inoltre, la camomilla è ricca di antiossidanti, che riducono lo stress ossidativo, contrastano gli effetti negativi dei radicali liberi e favoriscono i corretti meccanismi di riproduzione cellulare.

In occasione di questa ricetta, i fiori di camomilla vanno semplicemente immersi nell’alcol e lasciati a riposo per un po’ di tempo, esattamente come accade per le bucce di limone durante la preparazione del limoncello.

Il ruolo equilibrante del limone

La lista degli ingredienti del digestivo alla camomilla comprende anche il limone. Cosa c’entra il limone in un digestivo alla camomilla? In realtà la sua presenza è fondamentale, sia dal punto di vista organolettico che dal punto di vista nutrizionale. Innanzitutto la ricetta richiede il succo di limone, è una precisazione importante in quanto molti liquori sono realizzati con la sola buccia.

In secondo luogo il limone garantisce equilibrio organolettico. La camomilla, nonostante il senso comune, è un ingrediente tutt’altro che delicato, anzi è parecchio caratterizzato in quanto a gusto. Lo zucchero, ovvero lo sciroppo, gioca anche la sua parte. Il rischio, quindi, è di ritrovarsi con dei sapori forti e contrastanti.

Ebbene, il succo di limone e la sua gradevole acidità, smorzano entrambi i sapori. Senza contare le proprietà nutrizionali fornite dal limone. Il riferimento è in particolare alla vitamina C, una sostanza che svolge una funzione antiossidante (e quindi anti-tumorale), sostenendo le performance del sistema immunitario.

Per il resto il limone è ricco di betacarotene, che agevola la sintesi della vitamina A e dei sali minerali. Per quanto concerne l’apporto calorico, esso è sostanzialmente trascurabile, soprattutto in riferimento al semplice succo.

Ecco la ricetta del digestivo alla camomilla:

Ingredienti per 1 bottiglia:

  • 100 gr. di fiori freschi di camomilla,
  • 600 ml. di alcool a 90 gradi,
  • 1 limone,
  • 600 ml. di acqua naturale,
  • 600 gr. di zucchero semolato.

Preparazione:

Per la preparazione del digestivo alla camomilla iniziate prendendo un contenitore a chiusura ermetica. Poi inserite i fiori di camomilla freschi, la buccia del limone intero, l’alcol e il succo di un quarto di limone. Chiudete per bene e lasciate riposare.

Intanto occupatevi dello sciroppo. Scaldate l’acqua in un pentolino, unite lo zucchero e fatelo sciogliere. Fate raffreddare per pochi minuti, dopodiché versate lo sciroppo nel contenitore con la camomilla.

Chiudete per bene, agitatelo e fate riposare il composto per una settimana. Trascorso questo lasso di tempo, filtrate il liquido e ponetelo in una bottiglia di vetro, poi chiudete e fate riposare per altri due mesi. Dopo questo periodo il digestivo è pronto per essere gustato.

5/5 (3 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

  • Gio 29 Lug 2021 | Marcello ha detto:

    Tiziana adoro la camomilla come tisana ma non sapevo che ne potesse uscire anche un digestivo. Mi impegno e cerco di farlo. Grazie mille

    • Gio 29 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Marcello anche io la pensavo come te. Sto scoprendo un mondo nuovo con erbe e fiori. Un mondo meraviglioso

  • Mer 11 Ago 2021 | Serena ha detto:

    Ciao, preparato e messo in dispensa. Vediamo come esce. Grazie perla condivisone

    • Mer 11 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Serena sicuramente ti piacerà! Io lo bevo con due cubetti di ghiaccio

  • Mer 11 Ago 2021 | Greta ha detto:

    Mi ci vorrebbe ora. Ho pranzato in un locale che pensavo all’altezza e mi sono sbagliata. Sono intollerante al lattosio e avevo avvisato

    • Mer 11 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Greta purtroppo capita più spesso di quanto pensi. Non tutti i ristoratori prendono sul serio le intolleranze alimentari. Sarebbero da segnalare!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti