Coni croccanti al sesamo, un secondo elegante

Coni croccanti al sesamo
Commenti: 0 - Stampa

Coni croccanti al sesamo con baccalà mantecato

I coni croccanti al sesamo con baccalà mantecato sono un secondo dall’aspetto e dal gusto particolari. D’altronde potete verificarlo voi dalla foto, infatti il pesce è servito all’interno di coni, quasi come se fosse un gelato. I coni sono realizzati con la brick, un tipo di pasta molto simile alla fillo, soprattutto per quanto concerne la consistenza, che è croccante e delicata allo stesso tempo. La pasta brik, però, è realizzata con la semola, e non solo con la farina. Per il resto, sono sufficienti solo acqua e sale. E’ possibile prepararla in casa, ma il procedimento è piuttosto complicato. Dunque, non abbiate remore ad acquistarla già pronta per l’uso.

Per quanto concerne la ricetta in sé non impone in essere difficoltà di sorta. Certo, il baccalà va cotto in un modo un po’ controintuitivo. Si tratta di cuocerlo nel brodo vegetale con dentro delle patate lessate. Dopodiché va spellato e deliscato. Infine, va mantecato nelle patate stesse, in modo da ottenere una specie di crema-purea dalla consistenza simile ad un gelato. Fate attenzione alla gestione della pasta brick. La trovate già pronta, ma dovete comunque cuocerla. In genere, basta un rapido passaggio al forno. Nel caso della ricetta dei coni croccanti al sesamo con baccalà mantecato, però, va prima arricchita con una spennellata di uovo sbattuto e poi con i semi di sesamo.

Per preparare la pasta brick senza glutine potete seguire i consigli della Gaia Celiaca

La potenza nutrizionale e organolettica del baccalà

L’altro protagonista di questa ricetta dei coni croccanti al sesamo, oltre alla pasta brick, è proprio il baccalà. Si tratta di una preparazione ittica tra le più squisite in assoluto, nonché tra le più consumate. Anzi, in alcune zone è addirittura un’istituzione, nonché il simbolo della gastronomia locale. Pensiamo solo al Portogallo, che vanta il miglior baccalà del mondo. Attorno al baccalà si fa spesso confusione, soprattutto per quanto concerne il rapporto con lo stoccafisso. D’altronde, si tratta sempre di merluzzo conservato. Ebbene, le due preparazioni si differenziano proprio per il metodo di conservazione e, di conseguenza, per il sapore.

Coni croccanti al sesamo

Lo stoccafisso è essiccato (da qui il suo odore pungente), mentre il baccalà è messo sotto sale. Anche per questo motivo, occorre stare attenti con il sale, quando si inserisce il baccalà in una ricetta. Nella stragrande maggioranza dei casi, il sale apportato naturalmente dal baccalà è sufficiente a insaporire le ricetta. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, il baccalà raggiunge elementi di eccellenza. E’ in primis una straordinaria fonte di proteine, che rappresentano ben il 60% della sua struttura, più di qualsiasi altro pesce o carne. Ottime, poi, sono le concentrazioni di sali minerali, e in particolare di fosforo. Non mancano nemmeno gli acidi grassi omega tre, sostanze fondamentali per la salute del cuore e del sistema nervoso centrale.

Le importanti proprietà del sesamo

I semi di sesamo giocano un ruolo importante nella ricetta dei coni croccanti. Infatti, offrono un tocco di colore scuro e un’ulteriore carica organolettica. Sono infatti aromatici, pur non coprendo gli altri ingredienti. Essendo dei semi, sono anche calorici. Nello specifico, sono ricchi di acidi oleici e acidi grassi, la maggior parte dei quali sono considerati buoni. Infatti, figurano molti acidi grassi omega tre, che come abbiamo visto sono sostanze decisamente salutari.

In ogni caso, non rappresentano un problema per la linea, dal momento che vengono utilizzati in quantità davvero ridotte. Per esempio, in occasione della ricetta dei coni croccanti, è sufficiente un solo cucchiaino. I semi di sesamo contengono anche molte proteine e una certa quantità di sali minerali, tra cui spiccano il magnesio, il ferro, il selenio e il potassio.

I semi di sesamo hanno una grande quantità di proprietà terapeutiche e di nutrienti benefici. Sono ricchi di fibre, proteine, acidi oleici e carboidrati. A livello di vitamine, inoltre, contengono quelle del gruppo B ma anche della E, che ha effetti antiossidanti. In più, il sesamo contiene diversi tipi di sali minerali come il magnesio, il calcio e il ferro. Il calcio presente in alte quantità, in particolar modo, ci aiuta a proteggere le nostre ossa.

Se pensiamo ai semi di sesamo non possiamo non parlare di alcune ricette orientali. Questo ingrediente, infatti, è alla base della tahina, un condimento utilizzato per creare una vasta gamma di piatti, dai falafel all’hummus. Tuttavia, non bisogna dimenticare che i semi di sesamo sono alla base di una pietanza tradizionale siciliana: la giuggiulena. Si tratta di un dolce di Natale croccantissimo, elaborato principalmente con miele, mandorle e sesamo. Siate creativi e pensate a sempre nuovi modi per usare i preziosi semi di sesamo.

Ecco la ricetta dei coni croccanti al sesamo:

Ingredienti per 8 persone:

  • 4 fogli di pasta brick,
  • 1 uovo,
  • 1 cucchiaio di sesamo,
  • 600 gr. di baccalà dissalato,
  • 400 gr. di patate,
  • 200 gr. di sedano, carote e cipolle,
  • 1 foglia di alloro,
  • 2 chiodi di garofano,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei coni croccanti al sesamo iniziate realizzando un brodo vegetale con le carote, le cipolle, il sedano, i chiodi di garofano, l’alloro, e un po’ di sale. Poi immergete nel brodo le patate intere ben lavate. Dopodiché aggiungete il baccalà e proseguite la cottura per 10 minuti. Poi fate intiepidire, estraete il baccalà dalla pentola, spellatelo e togliete le lische, Infine, unite nuovamente il baccalà alle patate sbucciate e mantecatelo con queste ultime.

Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere una crema molto densa e uniforme. Fate la pasta brick a spicchi, avvolgete gli spicchi sugli stampi a forma di cono e date una spennellata con l’uovo sbattuto. Infine, date una sventagliata di sesamo e cuocete al forno a 190 gradi per circa 6 minuti. Ora componete la pietanza, semplicemente togliete i coni di pasta brik dagli stampi e riempiteli con la crema di baccalà mantecato. Servite e buon appetito.

5/5 (470 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti