Pizza con pere e gorgonzola, una ricetta particolare

Pizza con pere e gorgonzola
Commenti: 0 - Stampa

Pizza con pere e gorgonzola: abbinamenti audaci

La pizza con pere, gorgonzola, noci e miele non è una pizza come le altre. La lista degli ingredienti, infatti, è lunga e fuori dal comune. La ricetta non prevede l’uso del classico pomodoro e si basa su abbinamenti arditi e complessi. E’ una pietanza che punta alla coesistenza tra dolce e salato, e a sensazioni gustative insolite. D’altronde il miele non è affatto una presenza abituale nelle pizze, così come le pere. Il risultato è comunque più che gradevole, e può farsi apprezzare da tutti. Per quanto concerne la ricetta in sé, siamo in un terreno tutto sommato agevole. Questa pizza è facile da preparare, come tutte le pizze del resto.

Certo, dovrete fare attenzione al momento in cui inserirete gli ingredienti, infatti hanno tempi di cottura diversi. Il miele, invece, va aggiunto poco prima di servire, a mo’ di guarnizione. L’unica vera grande difficoltà, in linea teorica, dovrebbe essere determinata dall’impasto, in quanto è su questo passaggio che si gioca la qualità della pizza, a prescindere dai gusti e dagli ingredienti. Anche in questo caso, però, la ricetta punta al massimo risultato con il minimo sforzo.

Parliamo delle pere

La pera è il frutto del Pyrus communis, un albero conosciuto fin dai tempi antichi, che cresce sia allo stato selvatico sia in coltivazione. Le pere, frutti a seme come le mele, ne differiscono per la forma, generalmente conica, e per la qualità della polpa, di solito granulosa, di sapore particolare zuccherino, meno acidulo di quello delle mele. Le varietà e sottovarietà di pere coltivate hanno raggiunto un numero ragguardevole. I principali tipi che si coltivano in Italia e si trovano sui nostri mercati sono:

  • butirra, gialla o giallo-rossa, a polpa fine succosissima, zuccherina, molto profumata;
  • pera coscia, giallognola, dalla polpa succosa, dolce e profumata;
  • spadona, verde o rossa, con polpa zuccherina, acidula, profumata;
  • William, a buccia giallo-rosata, con polpa butirrosa;
  • Kaiser, allungata, buccia gialloscura coperta di ruggine, polpa bianca molto succosa, profumata, zuccherina.

Le pere vengono messe in commercio fresche o inscatolate; si utilizzano inoltre per la preparazione di succhi.

Le pere maturano in un periodo estremamente breve dell’anno, e vengono raccolte immature e poi fatte maturare durante la conservazione refrigerata. Manipolatele con cautela perché sono fragili. Si trovano tutto l’anno.

Se immature, le pere dovrebbero essere fatte maturare a temperatura ambiente finché cedono alla pressione delle dita. Evitate frutti discolorati, ammaccati, ammuffiti. Refrigeratele fino al momento del consumo se molto matura, altrimenti lasciatela maturare a temperatura ambiente.

Quale base scegliere per questa splendida pizza?

Per quanto concerne la base di questa pizza con pere e gorgonzola, propongo di tagliare la testa al toro e riporre in credenza farine e lieviti. Consiglio, nello specifico, di utilizzare una base pronta. Non una base qualsiasi, sia chiaro, bensì quella di Exquisa. Stiamo parlando di un’azienda che, nonostante la vocazione locale, si sta ritagliando uno spazio a livello nazionale. Tutto ciò senza perdere di vista la mission principale, che consiste in un’offerta di prodotti a carattere tradizionale, realizzati a partire da un sapere antico. Dietro a tutto ciò vi è l’impiego di materie prime genuine e di assoluta qualità.

Pizza con pere e gorgonzola

In particolare la base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa spicca per il sapore, che è quello della vera pizza, ma anche per una texture gradevole e versatile. Gradevole perché è semplicemente squisita, versatile perché permette di dare vita agli abbinamenti più fantasiosi. La texture regolare e la consistenza morbida, infatti, consentono agli ingredienti di legarsi più efficacemente tra di loro e con l’impasto. Da un punto di vista meramente tecnico, il prodotto si avvicina alla pizza napoletana, più che a quella romana, per quanto risulti abbastanza sottile. In parole povere, la base per pizza soffice Mulino Bertotti è una delle migliori scelte per questo genere di preparazione.

Tutte le proprietà del gorgonzola dolce

Come suggerisce il nome, tra i protagonisti di questa pizza con le pere spicca il gorgonzola dolce. Vista la sua cremosità, e la contemporanea presenza della mozzarella, fa un po’ le veci della salsa di pomodoro. Anche per questo motivo è bene che sia dolce e non piccante. In quest’ultimo caso, infatti, produrrebbe sentori troppo forti, che stancherebbero già al secondo morso. Tra l’altro, il gorgonzola dolce è la varietà più indicata per il consumo non in solitaria, ma nella veste di ingrediente. Il sapore del gorgonzola, sia esso dolce o piccante, è inconfondibile. Certo, è un sapore che divide, dal momento che non piace a tutti. Reputo, però, che la presenza di abbinamenti arditi, ma ben progettati, renda la presenza di questo suggestivo formaggio apprezzabile dai più.

Tra l’altro, è anche un formaggio con alcuni pregi nutrizionali. Il riferimento è alla straordinaria concentrazione di vitamine e sali minerali, in particolare alle vitamine del gruppo B, al  calcio e al fosforo. La presenza del grasso è tutt’altro che trascurabile, ma è anche inevitabile se pensiamo che il formaggio non è stagionato. La presenza della muffa, invece, non è affatto un pericolo, se non in situazioni eccezionali. Le donne incinte e chi soffre di immunodepressione, per esempio, dovrebbero limitare il consumo di gorgonzola.

Ecco la ricetta della pizza con pere e gorgonzola:

Ingredienti per 2 persone:

  • 1 rotolo di base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa,
  • 90 gr. di mozzarella consentita,
  • 1 pera,
  • 150 gr. di gorgonzola dolce DOP,
  • q. b. di gherigli di noci,
  • 2 cucchiai di miele.

Preparazione:

Per la preparazione della pizza con pere e gorgonzola iniziate stendendo la base e facendola riposare per 20 minuti. Intanto preriscaldate il forno a 200 gradi. Quando il forno ha raggiunto la temperatura adeguata, trasferite la base su una teglia e adagiate in modo uniforme la mozzarella fatta a dadini e la pera affettata finemente. Infine, infornate per 15 minuti. Trascorso questo quarto d’ora, tirate fuori la pizza e aggiungete il gorgonzola, i gherigli di noce, poi continuate a cuocere per altri 5 minuti. Quando la pizza è giunta a cottura, guarnite con due cucchiai di miele e servite

5/5 (450 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un...

Friselle con peperoni e formaggio

Friselle con peperoni e formaggio, un pasto sfizioso

Friselle con peperoni e formaggio di capra, ingredienti genuini Le friselle con peperoni e formaggio di capra sono un piatto unico o d'accompagnamento come secondo piatto davvero semplice e...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti