Il limoncello, uno dei liquori più amati d’Italia

limoncello
Commenti: 0 - Stampa

La storia del limoncello

Oggi vi parlo del limoncello, uno dei liquori italiani più conosciuti ed apprezzati. Il limoncello è un liquore tipico campano, realizzato con i limoni Costa d’Amalfi tipici della Costiera amalfitana. Questo limone è conosciuto come Sfusato Amalfitano.

Questa varietà di limone è tutelata dal marchio Indicazione Geografica Protetta (I.G.P.). Un’altra varietà di limoni che è possibile utilizzare è l’ Ovale di Sorrento.  Il limoncello fatto in casa non ha prezzo!

E’ apprezzato da tutti per la sua freschezza, per il gusto dolce e agrumato, e per la sua versatilità. Il limoncello è buono sempre, che venga servito a fine pasto, piuttosto che in solitaria. E’ anche ingrediente di molte torte e crostate.

Le origini del limoncello sono in parte leggendarie, ma si sa qualcosa di più circa il periodo in cui ha iniziato a diffondersi. A cavallo delle due guerre mondiali, alcuni locali della costiere amalfitana hanno iniziato a servirlo come ammazzacaffè.

La ricetta, poi, ha spopolato, in primis in Campania e successivamente nel resto d’Italia. La piena diffusione, però, si è verificata solo a partire dagli anni ottanta.

Il successo del limoncello è dovuto non solo per le sue eccezionali proprietà organolettiche, ma anche per la semplicità della ricetta. Infatti, può essere preparato anche in casa, dal momento che gli ingredienti sono pochi e facilmente reperibili.

Certo, occorre impiegare limoni di qualità, meglio se di origine campagna. Sicuramente i limoni devono essere biologici, ovvero non trattati chimicamente, anche perché l’ingrediente principale del limoncello è la buccia.

Quali limoni scegliere?

L’unico elemento di difficoltà nella preparazione del limoncello riguarda proprio il limone. Come sceglierli? Quale grado di maturazione dovrebbero avere? Quanti ne servono?

Di base, dovreste impiegare circa 20 limoni per ogni litro di alcol puro e 700 grammi di zucchero. Per quanto concerne il grado di maturazione, dovrebbe essere abbastanza precoce (ma non troppo).

I migliori “limoni da limoncello” sono quelli che solo di recente hanno abbandonato il verde per accogliere il giallo paglierino.

Fate molta attenzione alla fase di pelatura. Per quanto possa sembrare naturale tagliare via la scorza per intero, le incisioni dovrebbero essere abbastanza sottili. Nello specifico, il retro della buccia dovrebbe essere giallo e non contenere alcuna traccia di albedo.

La presenza dell’albedo, infatti, renderebbe il limoncello amaro, compromettendone il sapore in modo irreversibile. Per quanto concerne l’alcol, invece, dovreste optare per l’alcol puro al 95%.

Insomma per l’alcol alimentare che si trova in tutti i supermercati. Per quanto riguarda lo zucchero, invece, dovreste preferire quello bianco. Il bruno di canna, infatti, apporta sentori caramellati, dovuti ai residui di melassa, che non sono esattamente compatibili con quelli agrumati del limoncello.

limoncello

La differenza tra limoncello e crema di limoncello

Negli ultimi anni si è diffusa una variante del limoncello, che in qualche modo ne incarna lo spirito, pur presentando un sapore diverso, ossia la crema di limoncello.

Sostanzialmente si tratta di una variante del limoncello al sapore di latte e vaniglia. Il classico sciroppo è sostituito da una soluzione di latte, vaniglia e zucchero riscaldato (ma non portato ad ebollizione). Il procedimento è simile a tutte le altre “creme di liquore” che affollano la tradizione italiana.

Per quanto concerne la conservazione del limoncello e della crema di limoncello, il “protocollo” è chiaro. Il limoncello può essere conservato in frigo o in freezer, a seconda che vogliate consumarlo fresco o ghiacciato.

In ogni caso, non si congela, in quanto la gradazione è comunque sempre superiore ai 25 gradi. Stesso discorso per la crema di limoncello, che ha una gradazione leggermente minore, tuttavia vi consiglio di conservato in frigorifero piuttosto che in freezer.

Cosa fare della polpa di limone?

La ricetta del limoncello richiede esclusivamente la buccia del limone. Dunque, a fine preparazione vi ritroverete con almeno 20 limoni integri, ma senza buccia. Sarebbe un peccato buttarli, quindi che farne?

In realtà le possibilità sono numerose. Esistono, infatti, tantissime ricette che vedono come protagonista il succo o la polpa di limone.

Sono ricette varie, che spaziano dai secondi ai dessert, passando per i contorni e per gli antipasti. Nella stragrande maggioranza dei casi si utilizza il succo del limone.

Per esempio, questo ingrediente è fondamentale per realizzare le creme al limone, con cui farcire torte e biscotti. La crema al limone può essere integrata anche in ricette che di norma prevedono ben altro tipo di farcitura, come la torta diplomatica, che trovate su Nonnapaperina.it

Il succo di limone può essere utilizzato anche come condimento di contorni a foglia verde, magari quelli che propongono qualche nota amara, come le coste di bietola.

Soprattutto funge da emulsione, ovviamente insieme all’olio extravergine di oliva, che risulta perfetto per condire il pesce alla griglia.

In molte occasioni il succo di limone partecipa anche alla marinatura, anzi è tra i principali responsabili di questa fase, viste le sue caratteristiche chimiche e organolettiche.

Ecco la ricetta del limoncello:

Ingredienti:

  • 20 limoni Costa d’Amalfi poco maturi,
  • 1 litro di alcol puro,
  • 700 gr. di zucchero,
  • 1 litro di acqua.

Per la crema di limoncello:

  • 5 limoni,
  • 5 dl. di alcool puro,
  • 400 gr. di zucchero,
  • q. b. di vanillina,
  • q. b. di latte intero consentito.

Preparazione:

Per la preparazione del limoncello iniziate sbucciando i limoni, possibilmente con un pelapatate, facendo attenzione che le scorze non incorporino la parte bianca. Versate le scorze di limone in un recipiente di vetro con coperchio a chiusura ermetica, poi coprite il tutto con un litro di alcol alimentare.

Lasciate riposare in questo modo per 4 giorni. Ora preparate uno sciroppo, mettendo a riscaldare a lungo una soluzione di acqua e zucchero (rispettivamente un litro di acqua e 700 grammi di zucchero). Quando i quattro giorni si sono conclusi, filtrate il liquido presente nel recipiente e mescolatelo con lo sciroppo.

A questo punto il limoncello è “quasi” pronto, non vi resta che imbottigliarlo in apposite bottiglie da liquore e farlo riposare per 30 giorni. E’ necessario servirlo solo dopo questo periodo di riposo. Si conserva a lungo

Il procedimento per la crema di limoncello, invece, è leggermente diverso. I limoni vanno conservati in alcol per 2 o 3 giorni e in misura minore, ne dovrebbero bastare 5. Al posto di scaldare acqua e zucchero, dovreste riscaldare una soluzione di latte, vanillina e zucchero, senza raggiungere lo stato di ebollizione.

A questo  punto il liquido alcolico va filtrato e versato nella soluzione con il latte. Il tutto va imbottigliato e pronto per essere servito molto freddo dopo 3 giorni. Può essere conservato nel freezer, ma vi consiglio il frigorifero.

4.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti