Mini madeleine con olio di argan e mangostano

mini madeleine con olio di argan
Commenti: 0 - Stampa

Perchè sono speciali le mini madeleine con olio di argan e polvere di mangostano

Le mini madeleine con olio di argan e polvere di mangostano sono speciali per almeno due motivi: sono veramente “mini” (ovvero varianti mignon delle classiche madeleine) e sono il frutto di una scelta di ingredienti ardita ma anche azzeccata. D’altronde, è lo stesso nome a suggerire la presenza di alimenti particolari, che poco o nulla hanno a che vedere con la tradizione italiana. Allo stesso tempo, però, la ricetta pur rappresentando una tendenza esotica, è capace di conferire all’intera preparazione un gusto equilibrato e un potere nutrizionale elevato.

Il riferimento è all’olio di argan, ingrediente che per i suoi effetti benefici è impiegato nella cosmesi, ma anche al mangostano. Troviamo, inoltre, anche alimenti anti-intolleranza, con esplicito richiamo ai disturbi dell’assorbimento del lattosio e del glutine. Il riferimento, in questo caso, è alla farina di riso e allo yogurt di riso.

Perché abbiamo scelto la polvere di mangostano

Uno degli elementi più misteriosi della ricetta delle mini madeleine con olio di argan è la polvere di mangostano. Un nome, questo, che suona familiare a pochi, anche perché raramente considerato dalla tradizione gastronomica nostrana. E a ben vedere si tratta di un ingrediente di origine tropicale, che giunge nientemeno che dall’Indonesia. La sua polvere viene impiegata come dolcificante “esotico” e ricco di sapore, dal momento che si caratterizza per una spiccata dolcezza, pur ricordando, in alcuni sentori, la pesca gialla.

Il mangostano è ricco di sostanze nutritive. Per esempio, contiene grandi quantità di acido folico, sali minerali quali potassio, magnesio, fosforo, manganese e persino proteine. Nel mangostano si apprezza la presenza dei tannini, sostanze che contribuiscono a tenere sotto controllo il colesterolo. Il mangostano è anche estremamente ricco di antiossidanti che contribuiscono alla prevenzione dei tumori e rappresentano un freno per l’invecchiamento cellulare. Ridotto è l’apporto calorico: solo 60 kcal ogni 100 grammi!

mini madeleine con olio di argan

In questa preparazione si utilizza la polvere di mangostano, che viene impiegata sul finire della preparazione, un attimo prima di servire le madeleine. Nello specifico, si distribuisce sulla superficie quasi come fosse zucchero a velo.

I benefici dell’olio di argan

Lolio di argan è una sostanza molto conosciuta. Lo è, però, in quanto ingrediente per prodotti finalizzati alla cura della persona (esempio shampoo all’olio di argan, cosmetici ecc..). Ciò testimonia la capacità della sostanza di apportare benefici all’organismo, quasi in una prospettiva terapeutica. Allo stesso tempo, però, non ne esclude l’uso alimentare. Anzi, l’olio di argan può essere utilizzato anche in cucina, e con risultati eccellenti. Nella ricetta di queste mini madeleine, infatti, sostituisce il classico olio di oliva.

L’olio di argan, essendo appunto un olio, è ricco di grassi. Si tratta però di grassi benefici, che apportano vantaggi all’organismo a più livelli. Rilevante è la presenza degli omega tre, che rafforzano il sistema immunitario e contribuiscono alla prevenzione delle patologie dell’apparato cardiocircolatorio. L’olio di argan si caratterizza anche per l’abbondantissima presenza di antiossidanti, che agiscono in funzione antitumorale e combattono lo stress ossidativo. Questo olio è consigliato in diete di qualsiasi tipo, comprese quelle finalizzate alla riduzione dei danni da diabete mellito e da ipertensione.

Ecco la ricetta delle mini madeleine con olio di argan e polvere di mangostano

Ingredienti per 20 pezzi mignon:

  • 90 gr. di uova intere;
  • 60 gr. di yogurt di riso;
  • 20 gr. di zucchero di canna;
  • 40 gr. di polvere di mangostano;
  • 40 gr. di olio di argan;
  • 20 gr. di burro di cacao;
  • 110 gr. di farina di riso;
  • 2 gr .di sale;
  • 2 gr. di lievito per dolci.

Preparazione:

Reperite uno stampo per madeleine mignon. Potete scegliere tra quelli in metallo e quelli in silicone, in realtà i migliori sono i primi, in quanto il metallo conduce il calore più efficacemente e in maniera più uniforme, inoltre garantisce una scanalatura più definita; tuttavia anche lo stampo in silicone può offrire un buon risultato. Iniziate la preparazione sciogliendo il burro (potete farlo a bagnomaria o al microonde), per poi unirlo all’olio di argan e alle uova intere.

Con l’aiuto di una frusta, sbattete e mescolate fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo, ma evitate di montarlo. Setacciate il lievito nella farina, poi aggiungeteli al composto insieme agli altri ingredienti. Eseguite questa operazione con gradualità, un ingrediente per volta, senza smettere di mescolare. Il composto è pronto quando sarà uniforme e semisolido. Reperite o create una sac a poche, riempitela con il composto e utilizzatela per riempire lo stampo, lasciando comunque qualche millimetro libero.

Preriscaldate il forno a 180 gradi e cuocete le madeleine. In genere bastano dieci minuti, ma verificate sempre che la superficie sia gonfia e asciutta. Una volta pronte, sfornate subito le madeleine in modo che non si attacchino allo stampo. Per concludere, date una spolverata (a mo’ di decorazione) con la polvere di mangostano. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Parrozzo

Il parrozzo, uno splendido dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...

plumcake con fichi e Skyr 

Plumcake con fichi e Skyr, una merenda perfetta

Un dolce gustoso e nutriente per la merenda. Il plumcake con fichi e Skyr è un’idea gustosa e genuina per una merenda che possa allietare i pomeriggi e consentire di recuperare le energie, o...

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti