Flan di patate americane, un antipasto gustoso

Flan di patate americane
Stampa

Flan di patate americane, un antipasto proteico

Il flan di patate americane è un antipasto che fa decisamente la sua bella figura. E’, infatti, bello a vedersi, gustoso e abbastanza semplice. Anzi, se si esclude il tempo di cottura, preparare il flan è davvero una questione di minuti. L’idea di base è piuttosto semplice, ossi realizzare un tortino con la purea di patate, il formaggio stagionato, uova, tuorli, latte. Per quanto la lista degli ingredienti contenga le patate “americane”, questo non è un piatto tipicamente anglosassone. Piuttosto, le sue origini vanno rintracciate nella cucina francese, da sempre abituata a proporre antipasti che puntano sul gusto e sull’impatto visivo.

Allo stesso modo, va rilevata una certa abbondanza di proteine, caratteristica non sempre presente negli antipasti. Infatti, a garantire un buon apporto proteico intervengono il grana, le uova, i tuorli e il latte. Cionondimeno, questo antipasto si caratterizza per una certa concentrazione di carboidrati, forniti in particolar modo dalle patate. Le verdure, con il loro consueto apporto di vitamine e sali minerali, sono assenti in questa ricetta. Ma d’altronde non stiamo parlando di un pasto completo, bensì di un antipasto il cui scopo è stuzzicare l’appetito.

Quale patate utilizzare per il nostro flan?

Quando si parla di flan di patate americane, è necessario anche fare un approfondimento sulle patate. In buona sostanza, occorre decidere la tipologia di patate da utilizzare. In questo caso, il dubbio è sciolto immediatamente, come testimonia il nome. Le patate da utilizzare sono infatti quelle americane. Esse si caratterizzano per una spiccata dolcezza, per una consistenza piuttosto morbida e per un colore che tende decisamente all’arancione; sono le patate più adatte alla preparazione di purè. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le patate americane si caratterizzano per una presenza più accentuata di fibre, che come sicuramente già saprete rappresentano un toccasana per la flora intestinale e aiutano a digerire.

Flan di patate americane

Allo stesso modo, sono ricche di vitamine, in particolare di vitamina A, B6 e C. Ovviamente non mancano sali minerali quali il magnesio, il potassio, il calcio, il manganese e il fosforo. In virtù di ciò, possono essere considerate come un integratore naturale. L’apporto calorico, infine, è del tutto assimilabile a quello delle altre patate, infatti siamo intorno alle 80 kcal per 100 grammi.

Il delicato contributo della maggiorana

La maggiorana all’apparenza apporta un contributo insignificante alla ricetta del flan di patate americane D’altronde, viene posta a mò di guarnizione poco prima di servire. In realtà, la maggiorana contribuisce a rendere il flan di patate americane ancora più saporito, donandogli un aroma particolare e leggermente speziato. D’altronde, è questo il ruolo della maggiorana, un’erba aromatica che sovente funge da spezia. Per quanto concerne il sapore, la maggiorana si pone a metà strada tra il prezzemolo e il rosmarino, pur caratterizzandosi da un sapore un po’ più delicato.

Cionondimeno, è bene non esagerare con la maggiorana, anche perché come qualsiasi altra spezia, potrebbe coprire gli altri sapori. Le proprietà nutrizionali della maggiorana sono significative, a tal punto da sfociare nello pseudo terapeutico. Oltre al consueto apporto di vitamine e sali minerali, si segnala una certa quantità di “proprietà aggiuntive”, come quella spasmodica e antisettica. Non è un caso che nel lontano passato la maggiorana fosse utilizzata principalmente come medicinale. E’ anche leggermente sedativa, dunque viene spesso consumata sotto forma di infuso, in sostituzione della ben più famosa camomilla.

Ecco la ricetta del flan di patate americane:

Ingredienti:

  • 400 gr. di patate americane,
  • 40 gr. di Grana Padano,
  • 2 uova,
  • 2 tuorli,
  • 50 ml. di latte intero consentito,
  • q. b. di maggiorana fresca,
  • q. b. di sale, pepe e olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per la preparazione del flan di patate americane iniziate bollendo le patate per mezz’ora in acqua poco salata. Poi sbucciatele e riducetele in purea con uno schiacciapatate. Ora sbattete le uova in una ciotola assieme ai tuorli e al latte. Poi aggiungete la purea di patate, il grana e manipolate il composto con una frusta in modo che risulti morbido e uniforme.

Infine, regolate di sale e di pepe. Oliate 4 stampini con un po’ di olio extravergine di oliva, poi riempiteli con l’impasto e infornateli per 45 minuti a 160 gradi. Decorate con qualche foglia di maggiorana e servite.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


14-03-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti