Malloreddus alla campidanese, sapori dalla Sardegna

Malloreddus alla campidanese
Commenti: 0 - Stampa

Malloreddus alla campidanese, una bontà sarda

I malloreddus alla campidanese sono una pietanza tipica della Sardegna. Quella sarda è una cucina particolare. Benché la Sardegna sia un’isola, e sia conosciuta per lo splendido mare, la maggior parte dei piatti tipici sono di “terra”. E di terra sono anche i malloreddus alla campidanese. Con il termine “malloreddus” si intende una pasta corta a metà strada tra il maccherone e lo gnocco, dalla caratteristica forma a conchiglia allungata. Essendo fatti principalmente a mano, la lunghezza può variare, ma in genere si attesta sui 2 cm.

I malloreddus sono diffusi in tutta la Sardegna, dove se ne trovano numerose varianti, che si distinguono principalmente per i condimenti. Quelli alla campidanese si caratterizzano per il delizioso ragù di salsiccia. La ricetta che vi presento oggi è leggermente diversa dall’originale. In primis, perché viene preparata con malloreddus molto “particolari”, di cui parlerò nel prossimo paragrafo.

Secondariamente perché il ragù non va realizzato con la salsiccia, bensì con la luganega. Molti tendono a confondere luganega con la salsiccia, tanto da considerarli sinonimi. In realtà, presentano alcune differenze: la salsiccia è corta, grossa e almeno un po’ stagionata, invece la luganega è sottile, molto lunga e mai stagionata.

Per questo motivo, la luganega si presta maggiormente per la cottura in umido, piuttosto che per quella al forno o alla griglia, da qui la scelta di inserirla nella ricetta dei malloreddus alla campidanese. Va detto che la luganega è diffusa soprattutto al nord Italia, dunque possiamo considerare la ricetta di oggi come una parziale commistione tra cucina sarda e cucina settentrionale. Ovviamente nessuno vi vieta di procedere con la ricetta originale, e optare per la salsiccia vera e propria.

Quali malloreddus utilizzare per questa ricetta?

L’altra particolarità di questi malloreddus alla campidanes, che ho accennato nel precedente paragrafo, consiste nel tipo di pasta. La lista degli ingredienti, infatti, comprende i malloreddus de Il Molino Conti , un’azienda che si sta ritagliando uno spazio importante nel mercato dei prodotti bio e gluten-free. I malloreddus del Molino Conti, infatti, si caratterizzano per la totale assenza di glutine, infatti la tradizionale semola è sostituita da alcune farine particolari, come quella di riso e di mais.

Malloreddus alla campidanese

Il processo di produzione, tuttavia, è fedele alla tradizione, e conserva uno spiccato carattere artigianale. Possiamo considerare quelli del Molino Conti come dei malloreddus classici, rispettosi della cultura sarda e per giunta senza glutine. Nonostante la diversità delle farine, la cottura è identica. Ad ogni modo, vale il consiglio di sempre, ossia seguire le indicazioni riportate in confezione. I prodotti di Molino Conti sono distribuiti da P&T Distribuzione

Le proprietà benefiche dello zafferano

Un altro alimento che segna una differenza tra questi mallorredus alla campidanese e quelli 100% originali è lo zafferano. La ricetta originale, a dire il vero, non vieta di utilizzare spezie, tuttavia lo zafferano non è certamente quella più impiegata. Ho deciso, però, di integrarlo in questa ricetta in quanto si sposa alla perfezione con la luganega. In questo modo, il sugo, e quindi la pietanza, assume un sapore più corposo e speziato, nonché una tonalità più brillante. Lo zafferano, infatti, oltre ad insaporire, è una spezia abbastanza colorata.

Ad ogni modo, la presenza dello zafferano è giustificata anche dalle sue proprietà nutrizionali, che sfociano quasi nel terapeutico. Il riferimento è ovviamente al consueto carico di vitamine e sali minerali, tra cui spiccano il sodio, il potassio e le vitamine del gruppo B, ma anche alle sue funzioni – per così dire – medicinali. Lo zafferano è, infatti, un antispasmodico e un antielmintico, inoltre previene la nausea e contribuisce a risolvere gli episodi di stress. E’ anche un blando sedativo, che genera effetti quasi esclusivamente sull’umore. Il consiglio è di non abbondare con lo zafferano, infatti ha un sapore molto forte, che rischia di coprire gli altri ingredienti.

Ecco la ricetta dei malloreddus alla campidanese:

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. di Malloreddus Molino Conti,
  • 250 gr. di luganega fresca,
  • 450 gr. di passata di pomodoro Sfera,
  • 1 cipolla rossa,
  • 1 spicchio di aglio,
  • qualche foglia di basilico,
  • 1 bustina di zafferano,
  • 80 gr. di pecorino sardo stagionato grattugiato,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle malloreddus alla campidanese iniziate facendo a fette sottili la cipolla, poi soffriggetela con 5 cucchiai di olio d’oliva e lo spicchio d’aglio in una padella grande e dai bordi alti. Nel mentre, rimuovete l’involucro dalla salsiccia e fatela a pezzi molto piccoli. Dopo aver imbiondito leggermente la cipolla, versate in padella anche la luganega e rosolatela per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto. A questo punto togliete l’aglio e versate la passata di pomodoro e lo zafferano già sciolto in mezzo bicchiere d’acqua. Aggiustate di sale.

Ora coprite la padella e lasciate andare per un’ora a fuoco lento. Poi cuocete i malloreddus in acqua bollente salata. Intanto in una ciotolina grattugiate il pecorino, integrate due mestoli di acqua di cottura e frullate il tutto. Infine scolate la pasta, versatela nella padella con il sugo, aggiungete la crema di pecorino e le foglie di basilico. Mescolate per bene e servite. Buon appetito!

5/5 (484 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

23-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti