Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua sarda

Malloreddus con carciofi e uova
Commenti: 0 - Stampa

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna

I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della cucina sarda e allo stesso tempo propone abbinamenti raffinati, che rievocano commistioni con altre pietanze. La ricetta, infatti, è realizzata con una pasta tipica della Sardegna, ossia i malloreddus. Tuttavia, buona parte del condimento è formato da tuorlo condito con Parmigiano, utilizzato anche nella carbonara. Al posto della pancetta, però, troviamo i carciofi, che vengono stufati su un delicato soffritto di cipolle.

Per quanto riguarda i malloreddus, consiglio di utilizzare quelli di Molino Conti. Questa azienda si caratterizza per l’estrema attenzione che presta al biologico, nel rispetto delle tradizioni più antiche. Inoltre, Molino Conti persevera nel valore dell’inclusività, che concretizza attraverso le sue produzioni gluten-free. Proprio i malloreddus di Molino Conti sono prodotti con farine alternative, tale per cui possono essere consumati dagli intolleranti al glutine e dai celiaci. Di recente, Molino Conti ha raggiunto l’intero territorio nazionale grazie all’impegno di P&T, una piattaforma di distribuzione di alimenti bio, impegnata non solo nella vendita ma anche nella sensibilizzazione e nella diffusione della cultura alimentare.

I carciofi, un condimento sottovalutato

I malloreddus con carciofi e uova esaltano al meglio le proprietà dei carciofi, che sono fondamentali in questa ricetta in quanto rappresentano buona parte del condimento. Una certa attenzione va prestata alla loro pulizia, dal momento che non possono essere consumati così come sono. Occorre, quindi, togliere le foglie più esterne e coriacee, nonché della barbetta interna. Inoltre, dovrebbero essere ammollati in una soluzione di acqua e limone. Si tratta di un accorgimento necessario per evitare che anneriscano e assumano degli sgradevoli sentori amari.

I carciofi sono ipocalorici e propongono circa 22 calorie per 100 grammi di parte edibile. Oltre a questo, dobbiamo considerare il loro notevole apporto di fibre, ottime per favorire la digestione e la regolarità intestinale, un migliore assorbimento di grassi e zuccheri, nonché la riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue. Secondo gli esperti, grazie alle sue caratteristiche nutrizionali, è un alimento adatto persino ai diabetici e, naturalmente, a chi soffre di ipercolesterolemia. In generale, le sue proprietà sono conosciute e apprezzate da secoli.

Tra queste potenzialità, spunta in particolare l’azione depurativa sul fegato. Inoltre, è utile sapere che il tipico sapore amarognolo dei carciofi è dovuto alla presenza della cinarina, una sostanza capace anche di offrire notevoli effetti benefici all’organismo. Il carciofo è altresì un’ottima fonte di potassio, sali di ferro e altri minerali (quali rame, sodio, zinco, manganese e fosforo); mentre per quanto riguarda le vitamine, purtroppo, ne propone in minore quantità rispetto ad altri nutrienti.

Malloreddus con carciofi e uova

Una volta pulito e cotto in padella, il carciofo diventa buonissimo, in grado di impreziosire ricette anche complesse dal punto di vista organolettico, proprio come i malloreddus con uova. Tra l’altro, stiamo parlando di un ortaggio dalle ottime proprietà nutrizionali. E’ poco calorico, privo di grassi e ricco di fibre, inoltre apporta tante vitamine e sali minerali. Il carciofo esercita importanti funzioni benefiche, in quanto contrasta l’ipertensione e l’ipercolesterolemia. Sostiene, inoltre, i processi digestivi, migliora le performance del fegato e, visto l’elevato contenuto di acqua, favorisce la diuresi.

Come preparare le uova

Nei malloreddus con carciofi e uova, queste ultime giocano un ruolo molto importante. Proprio come nella carbonara, le uova vanno sbattute (solo i tuorli) e mescolate con il formaggio grattugiato, in questo caso sia Grana che Pecorino. Inoltre, vanno condite con sale e pepe.

La presenza del pecorino è preziosa anche perché, a dispetto dell’immaginario collettivo, è un alimento di tutto rispetto e dai buoni valori nutrizionali. Certo, contiene molto sodio, ma è sufficiente non esagerare con il sale per ovviare al problema. Inoltre, è anche ricco di proteine, vitamine e sali minerali, il riferimento è soprattutto al calcio, presente in quantità paragonabili a quelle del pecorino.

Il pecorino contiene la vitamina A, la vitamina B2 e la vitamina PP. Discreta è, inoltre, la concentrazione di fosforo. Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo nella media dei formaggi stagionati: 350 kcal circa per 100 grammi. Un’altra caratteristica positiva è la quasi totale assenza del lattosio, grazie alla lunga stagionatura che deteriora questa sostanza.

Lo scopo è di ottenere una deliziosa cremina. A tal proposito, vi consiglio di evitare le alte temperature, proprio perché l’uovo tendere a rapprendersi. La presenza dell’uovo, lungi dall’appesantire più di tanto la preparazione, ne migliora le capacità nutrizionali. D’altronde è una buona fonte di proteine, vitamine e sali minerali, come calcio e zinco. Tra l’altro, l’uovo non è nemmeno così calorico, benché non manchi di grasso. Un uovo in media apporta circa 80 kcal.

Ecco la ricetta dei malloreddus con carciofi e uova:

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di malloreddus Molino Conti,
  • 4 tuorli,
  • 4 carciofi,
  • 1 scalogno,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • succo di mezzo limone,
  • 1 rametto di timo,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 150 gr. di Grana Padano grattugiato,
  • 150 gr. di Pecorino stagionato grattugiato,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei malloreddus con carciofi e uova iniziate togliendo dai carciofi le foglie esterne più coriacee e la barbetta, poi tagliateli in quattro parti e infine in striscioline sottili. Ora mettete le striscioline di carciofi in una ciotola piena d’acqua e limone, un accorgimento necessario per evitare che i carciofi anneriscano e producano un sentore amaro.  Poi, pelate lo scalogno e ricavatene un trito molto fine. Scaldate l’olio d’oliva in una padella, unite il trito di scalogno, un po’ di timo e uno spicchio di aglio, infine rosolate a fiamma medio-bassa per circa 5 minuti. Quando lo scalogno è imbiondito, togliete l’aglio e unite i carciofi ben scolati. Regolate di sale e integrate con un mestolo di acqua calda, poi abbassate la fiamma e fate cuocere per 12 minuti, mescolando di tanto in tanto.

I carciofi dovranno risultare abbastanza morbidi. Intanto cuocete i malloreddus in acqua leggermente salata. Scolateli quando sono ancora al dente, metteteli in padella con i carciofi e fateli saltare per qualche secondo. Mentre si cuoce la pasta, occupatevi delle uova. Apritele e versate i tuorli in una ciotola, poi unite il Grana, un po’ di pepe e il Pecorino. Mescolate e amalgamate con una frusta fino ad ottenere una crema abbastanza densa. Se il composto è troppo asciutto, integrate con mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta. Adesso non rimane che comporre il piatto. Versate i malloreddus in un piatto fondo e cospargeteli con la crema di uova che avete preparato. Mescolate con energia e guarnite con un po’ di pepe. Servite e buon appetito.

5/5 (495 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Io amo prepararlo a Pasqua, che è tradizionalmente una...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...

Crostini con uova di quaglia e hummus

Crostini con uova di quaglia e hummus, un...

Crostini con uova di quaglia e hummus di ceci Noa, spuntino al top. Crostini con uova di quaglia e hummus, un break inedito.Se state cercando uno spuntino sfizioso da proporre ai vostri ospiti in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti