Filetti di merluzzo ai carciofi, un secondo gustoso

Filetti di merluzzo ai carciofi
Commenti: 0 - Stampa

Filetti di merluzzo ai carciofi, un’idea semplice e nutriente

I filetti di merluzzo ai carciofi sono un secondo semplice da realizzare, che rendono molto dal punto di vista estetico e nutrizionale. L’ingrediente principale è ovviamente rappresentato dai filetti di merluzzo, che vanno incontro ad una specie di doppia cottura in grado di valorizzarli al meglio. Dopo averli lavati con cura, infatti, i filetti vanno infarinati e rosolati brevemente. Dopodiché, si aggiungono i carciofi (già cotti), si integra il tutto con dell’acqua calda, e si continua a cuocere per qualche minuto. In questo modo i filetti acquisiscono un sapore maggiore, senza però perdere quello originario.

I filetti di merluzzo sono una delle specie ittiche più apprezzate, anche perché sono leggeri, gustosi e versatili. Inoltre, sono eccellenti dal punto di vista nutrizionale. Infatti, sono una buona fonte di proteine, presenti in una quantità tale da non far rimpiangere le carni rosse (17 grammi per ogni etto). Il merluzzo è anche povero di grassi, e i pochi che apporta fanno parte della categoria “grassi buoni”. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che giovano all’apparato cardiovascolare, alla funzione cognitiva e a quella visiva. Il merluzzo è ricco, infine, di sali minerali, tra cui spicca il preziosissimo fosforo.

Tutti i pregi nutrizionali dei carciofi

Uno degli ingredienti principali di questi filetti di merluzzo sono i carciofi. Si tratta di un ortaggio tra i più apprezzati, simbolo di alcune gastronomie dell’Italia centrale (in particolare di quella romana). Con il loro sapore rustico e leggermente aromatico sono in grado di valorizzare la carne. Ovviamente, l’uso del carciofo richiede una preparazione non indifferente. Va pulito accuratamente e immerso per qualche tempo in una soluzione di limone, una condizione necessaria affinché il carciofo non annerisca e perda tutti i suoi sentori amarognoli. In occasione di questa ricetta, i carciofi vanno cotti in padella insieme alla cipolla, e solo dopo aggiunti al merluzzo.

Filetti di merluzzo ai carciofi

I carciofi spiccano anche per le proprietà nutrizionali, che sono superiori alla media degli ortaggi. Il riferimento è, in particolar modo, alla quantità e varietà di sali minerali che apportano, come potassio e ferro. Il carciofo impatta positivamente sulla salute del fegato dei reni, in quanto stimola la diuresi e la secrezione biliare. Inoltre, contribuisce allo smaltimento e all’espulsione delle tossine. Infine, va segnalato l’apporto calorico, che come spesso accade per gli ortaggi, è davvero ridotto, pari a 47 kcal per 100 grammi.

Perché abbiamo usato la farina di riso?

La farina di riso gioca un ruolo più importante di quanto si possa pensare nella ricetta dei filetti di merluzzo e carciofi. Infatti, contribuisce alla cottura del pesce mediante un’adeguata infarinatura. Ma perchè i filetti vanno passati proprio nella farina di riso? I motivi sono due. In primis, perché è senza glutine, particolare che consente anche agli intolleranti a questa sostanza e ai celiaci di gustare questi deliziosi filetti di merluzzo.

In secondo luogo, la farina di riso propone sentori più delicati rispetto alla farina di tipo doppio zero, e in un certo senso più neutri. Un aspetto davvero importante e da non sottovalutare, in quanto una farina dal gusto troppo spiccato inciderebbe anche dal punto di vista organolettico. Va detto, poi, che la farina di riso è meno calorica della media e più ricca di sali minerali.

Ecco la ricetta dei filetti di merluzzo ai carciofi:

Ingredienti:

  • 700 gr. di filetti di merluzzo,
  • 1 limone,
  • 5 carciofi,
  • 1 cipollina,
  • 1 mazzetto abbondante di timo,
  • 3 cucchiai olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di farina di riso, sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei filetti di merluzzo iniziate pulendo per bene i carciofi e facendoli a fette di 5 millimetri circa. Poi immergete le fette in acqua con succo di limone per non farle annerire. Nel mentre, fate scaldare un cucchiaio di olio in una padella antiaderente e fate dorare leggermente la cipolla sminuzzata. Quando la cipolla si è imbiondita, unite i carciofi ben scolati e rosolateli a fiamma alta per 2 minuti. Poi, abbassate la fiamma e fate cuocere per altri 10 minuti, aggiungendo un mestolo di acqua calda e il timo tritato. Integrate con altra acqua calda se necessario ed aggiungete (a fine cottura) un po’ di sale e un po’ di pepe.

Ora sciacquate per bene i filetti di merluzzo e adagiateli sulla carta assorbente affinché si asciughino. Passate i filetti nella farina di riso e rosolateli con un po’ di olio in un tegame per circa 4 minuti, girandoli a metà cottura. Regolate di sale, poi aggiungete i carciofi con il fondo cottura e integrate con due cucchiai di acqua calda. Cuocete in questo modo per 5 minuti applicando il coperchio. Dopo questo lasso di tempo, rimuovete il coperchio e servite i filetti coprendoli con i carciofi e guarnendo il tutto con un rametto di timo.

5/5 (480 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti