Crostata con marmellata di arance e fragole per tutti

Crostata con marmellata di arance e fragole
Commenti: 0 - Stampa

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva

La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma anche per partecipare ad un interessante contest per San Valentino, organizzato da Agrisicilia.eu. Si tratta di una splendida iniziativa che, da un lato mette in risalto la festa degli innamorati per eccellenza, e dall’altro stimola la fantasia e la creatività per tutti coloro che sono appassionati di cucina.

La crostata con marmellata di arance e fragole è un dolce squisito, che da un lato rispetta la tradizione pasticceria italiana e, dall’altro, cerca di rinnovare alcuni aspetti. Il riferimento è in primis alla marmellata, che procede da una combinazione suggestiva, ovvero quella tra frutti rossi e agrumi. Un elemento di rottura rispetto alle classiche marmellate, però, riguarda il trattamento dello strato superiore. Se le crostate tradizionali replicano il classico assetto a griglia, che valorizza comunque la presenza della marmellata, la crostata con marmellata di arance e fragole suggerisce un assetto diverso, in un certo senso più artistico.

Infatti, viene applicato a mo’ di coperchio un disco intero di pasta frolla, nel quale vengono ritagliate ed estratte delle formine a forma di cuore. Queste, poi, vengono appoggiate lateralmente, quasi a ricreare un effetto “biscotto”. Tutto ciò determina un impatto visivo davvero gradevole e fuori dal comunque, come potete vedere in foto. L’elemento di discontinuità più importante, però, è l’impasto. La crostata con marmellata di arance e fragole, infatti, non si regge sulla classica pasta frolla, bensì su una versione decisamente esotica, realizzata con una farina alternativa.

Perché abbiamo usato la farina di quinoa?

La farina alternativa in questa crostata con marmellata di arance e fragole è quella di quinoa. Si tratta di uno pseudo-cereale di origine tropicale, che solo di recente si è affacciato nel contesto italiano. Tuttavia, ha già riscosso un certo successo, in virtù di una spiccata versatilità e di una resa organolettica particolare, nonchè per le proprietà nutrizionali superiori alla media. La quinoa è versatile in quanto può essere trasformata in farina e utilizzata per gli impasti (come in questo caso), ma può essere consumata anche a parte, che se fosse un legume.

Crostata con marmellata di arance e fragole

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, invece, è impossibile non citare l’abbondanza di carboidrati e proteine, presenti quasi in egual misura. la quinoa è anche ricca di vitamine e sali minerali, più di qualsiasi altra farina tradizionale. Il riferimento è al potassio, al fosforo, al magnesio, al calcio, al selenio, al ferro, nonché alla vitamina C. Soprattutto, è del tutto priva di glutine, un particolare che farà molto piacere a chi soffre di intolleranza a questa sostanza e ai celiaci. L’apporto calorico della farina di quinoa si inserisce sul solco tracciato dalle altre farine, nello specifico è pari a 340 kcal per 100 grammi.

Una marmellata speciale per un evento speciale

Questa crostata è realizzata con una marmellata diversa dal solito, ossia con la marmellata di arance e fragole. La combinazione è suggestiva e azzeccata. Infatti, i due frutti si completano a vicenda: le fragole appaiono meno dolciastre (un sentore che può stancare) e l’arancia perde parte del suo gusto alquanto acre. Tra l’altro, la marmellata si caratterizza per un bel colore rosso vivo, frutto della commistione tra il rosso scuro della fragole a l’arancione dell’arancia. La resa organolettica è ottima, più equilibrata di quanto possiate pensare. La ricetta, infine, è semplice, in quanto si tratta di cuocere le fragole (precedente ammollate in acqua e aceto) e le arance, aggiungendo ovviamente lo zucchero e il limone.

Le arance sono tra i frutti più apprezzati in assoluto, sicuramente sono tra quelli più consumati. Non a caso vengono prodotti un po’ in tutto il mondo, dalle Americhe all’Asia, dall’Europa all’Africa. Tra le altre cose, ciò ha fatto sì che si sviluppassero tantissime varietà, come vedremo più approfonditamente nel prossimo paragrafo. In questo parliamo un po’ sia del frutto che della pianta. L’albero dell’arancio è maestoso e può raggiungere anche i 12 metri. Le sue foglie sono carnose, il fusto è imponente e vanta una grande resistenza. In genere fruttifica per molti mesi all’anno. Le prime arance possono essere raccolte già novembre, ma molte varietà possono essere raccolte anche a maggio e a giugno.

Ecco la ricetta della crostata con marmellata di arance e fragole:

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 180 gr. di farina di quinoa,
  • 75 gr. di amido di riso,
  • 120 gr. di zucchero di canna bianco,
  • 80 gr. di uova,
  • 80 gr. d’olio di riso,
  • q. b. di scorza di limone grattugiato,
  • q. b. di acqua,
  • 200 gr. circa di marmellata di arance e fragole.

Preparazione:

Per la preparazione della crostata con marmellata di arance e fragole iniziate ponendo tutti gli ingredienti per la preparazione della pasta frolla in una terrina, poi amalgamateli e mescolateli fino a formare un impasto compatto ed uniforme. Coprite il panetto così ricavato con della pellicola alimentare, poi fatelo riposare in frigo per due ore (il freddo aiuta gli ingredienti ad amalgamarsi). Intanto, accendete il forno a 180 gradi. Trascorse le due ore, liberate il panetto dalla pellicola e dividetelo in due parti, di cui una più grande dell’altra.

Cospargete il piano di lavoro di farina e stendete il panetto più grande con il mattarello, fino a fargli assumere uno spessore di circa 2 cm. Ritagliate l’impasto steso in modo che entri perfettamente in una tortiera da 28 cm. Inumidite la carta forno e usatela per foderare la tortiera, infine adagiateci la base appena tagliata. Se l’impasto fuoriesce dalla tortiera, tagliate via la parte in eccedenza. Bucherellate la base con una forchetta e spalmateci sopra uno strato generoso di marmellata di arance e fragole.

Ora occupatevi della parte superiore. Stendete la parte più piccola del panetto, ritagliate un disco ricalcando la forma della tortiera (vi basterà appoggiarla sopra l’impasto). All’interno dello strato così ricavato, ritagliate dei pezzi a forma di cuore. Applicate lo strato sulla base, a mo’ di coperchio usando le mani per sigillare il tutto. Adagiate i cuori di frolla sulla crostata (guardate l’immagine per rendervi conto), facendoli aderire con un po’ d’acqua. Cuocete al forno per circa 30 minuti a 180 gradi, infine fate raffreddare e servite.

5/5 (602 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Cupcake di San Valentino

Cupcake di San Valentino, un dolcetto romantico

Cupcake di San Valentino per una serata perfetta La cupcake di San Valentino è un dolcetto squisito e dal gradevole impatto visivo, ideale per concludere una serata romantica, specie se...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti