Pumpkin Spice Latte, un’alternativa al cappuccino

Pumpkin Spice Latte
Commenti: 0 - Stampa

Pumpkin Spice Latte, la tradizione incontra la creatività anglosassone

Il Pumpkin Spice Latte è un bevanda tipicamente anglosassone, che in un certo senso propone un modo diverso di gustare sia il latte che il caffè. Potrebbe porsi in contrasto con il nostro cappuccino, se non fosse per la presenza di un ingrediente davvero molto particolare, ossia lo sciroppo alla zucca. Questo ingrediente è in realtà una preparazione vera e propria, che si caratterizza per la commistione tra zucchero, zucca e spezie. Di base, il Pumpkin Spice Latte è il frutto dell’unione tra questo sciroppo, il caffè e il latte. Alcuni preferiscono guarnire la bevanda con un bel ciuffo di panna, che in preparazioni di questo tipo non fa mai male, ma ovviamente potete decidere di fare diversamente.

Il Pumpkin Spice Latte impreziosisce il momento della merenda. Per renderla ancora più speciale vi consiglio di abbinarlo con le crostatine di Forneria Veneziana. Dietro questo nome si cela un’azienda che fa della produzione di crostatine gourmet la sua principale attività. Le crostatine di Forneria Veneziane sono eccellenti sia in termini di gusto che come resa visiva. L’offerta comprende crostatina dai gusti più svariati, e in particolare alla gianduia, alle fragole e all’albicocca. Le crostatine di Forneria Veneziana sono rigorosamente gluten-free, dunque realizzate con farine alternative senza glutine, ma ugualmente buone e salutari. Ciò testimonia la volontà di rendere i prodotti accessibili anche a chi soffre di celiachia e di intolleranza al glutine. Tra l’altro, le crostatine sono anche vegan, dunque realizzate senza uova.

Uno sciroppo speziato e ricco di sapore

Il vero punto di forza del Pumpkin Spice Latte, ossia l’elemento che più lo caratterizza rispetto alle altre bevande, è proprio lo sciroppo speziato. Nello specifico fa da base, in quanto risulta l’ingrediente più denso. La sua particolarità consiste nell’apporto della zucca, che non è spesso utilizzata nella realizzazione dei dessert. Ad ogni modo, si sposa benissimo con gli altri ingredienti, e anzi concorre ad una resa organolettica davvero interessante e insolita.

Pumpkin Spice Latte

La ricetta dello sciroppo è molto semplice, come quella di qualsiasi altro sciroppo del resto. Si tratta di scaldare una soluzione di acqua e zucchero, aggiungere le spezie e la purea di zucca, poi va cotto tutto a fuoco lento e per molto tempo, quasi come si stesse preparando un ragù. Solo in questo modo lo sciroppo acquisirà la consistenza necessaria per essere amalgamato con il caffè, il latte e la panna.

Perché abbiamo usato la cannella?

La cannella è solo una delle tante spezie che viene impiegata nella realizzazione di questo Pumpkin Spice Latte, e dello sciroppo di zucca che sta alla sua base. In realtà, apporta un contributo straordinario, che spicca rispetto agli altri ingredienti. La cannella ha una doppia funzione: da un lato aromatizza (com’è logico che sia essendo una spezia), dall’altro addolcisce. La cannella, infatti, vanta un certo potere dolcificante, che permette di ridimensionare il contributo dello zucchero. Ovviamente la cannella ha un sapore forte e a tratti preponderante, dunque non andate oltre il mezzo cucchiaino per bicchiere.

La cannella, però, non agisce solo dal punto di vista organolettico. Vanta, infatti, proprietà nutrizionali straordinarie, che hanno pochissimo da invidiare alle altre spezie. Il riferimento è in particolar modo agli antiossidanti, davvero abbondanti nella cannella. Gli antiossidanti, nello specifico, ottimizzano i processi di riproduzione cellulare, limitano l’azione dei radicali liberi e contribuiscono a prevenire alcuni tipi di tumori.

Ecco la ricetta del Pumpkin Spice Latte:

Ingredienti per 2 tazze:

  • 125 ml. d’acqua,
  • 75 gr. di zucchero bruno di canna,
  • 50 gr. di purea di zucca (zucca cotta a vapore e frullata),
  • 400 ml. di latte fresco intero consentito,
  • 2 tazze di caffè espresso abbastanza forte,
  • 1 cucchiaino di cannella,
  • q. b. di panna montata consentita,
  • 1 pizzico di chiodi di garofano, noce moscata e zenzero in polvere,
  • 1 pizzico di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del Pumpkin Spice Latte iniziate preparando uno sciroppo speziato. Mettete a scaldare in un pentolino (a fiamma media) lo zucchero bruno di canna e l’acqua. Poi aggiungete le spezie (chiodi di garofano, zenzero, pepe e noce moscata) e la purea di zucca. Continuate la cottura con la fiamma al minimo, mescolando con cura e facendo bollire per una decina di minuti.

In questo modo otterrete uno sciroppo molto denso ed abbastanza omogeneo. Terminata la cottura, versate lo sciroppo caldo in un barattolo e fatelo raffreddare. A questo punto non vi rimane che comporre il vostro Pumpkin Spice Latte. Semplicemente, unite due cucchiaini di sciroppo speziato, il caffè espresso, il latte (scaldato e shakeratelo) e un po’ di panna montata. Infine, guarnite con una spolverata di cannella in polvere e servite con delle ottime crostatine.

5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Te al crisantemo

Tè al crisantemo, una bevanda salutare dal Giappone

Tè al crisantemo, un tè diverso e dal sapore complesso Il tè al crisantemo è un tè diverso da quelli che siamo abituati a bere. Di fatto si tratta di una tisana dal sapore delicato, più che un...

Liquore alla menta

Liquore alla menta, un drink dal profumo intenso

Liquore alla menta, un liquore facile da fare in casa Il liquore alla menta segue il canovaccio di quasi tutti i liquori fatti in casa. Il procedimento è infatti simile. Si tratta di macerare in...

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti